cannes-tra-lunghe-file-e-racconti-di-guerra-e-umanita
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
21 min

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno.
Scienze
37 min

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
44 min

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
1 ora

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
1 ora

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
2 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
3 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
3 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
6 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
19 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
23 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
09.07.2021 - 11:45
di Ugo Brusaporco

Cannes, tra lunghe file e racconti di guerra e umanità

In Concorso il convincente film dell’israeliano Nadav Lapid, Un Certain Regard ‘Onoda’ di Arthur Harari e fuori compezione due attesi documentari

Era quello che si aspettavano tutti: mentre il mercato langue – ma qualche coraggiosa festa è annunciata e la corsa agli inviti è sbocciata – per giornalisti e pubblico sono cominciate epiche file per entrare in proiezione. In certe sale per entrare passi anche tre scanner e altrettanti controlli alle borse, e questo allunga di molto i tempi: il secondo giorno in certe sale le proiezioni sono cominciate con un’ora di ritardo e finite a notte fonda, con tanti alla ricerca dell’ultimo autobus e i taxi introvabili. Ma il Festival di Cannes è troppo importante per la qualità dei film che presenta da far sopportare a tutti i disagi che comporta una pandemia.

In concorso abbiamo visto “Ha'berech” (titolo internazionale “Ahed's Knee” Il ginocchio di Ahed) un film dell’israeliano Nadav Lapid, un regista di sicuro talento già Orso d’Oro a Berlino 2019, una carriera iniziata al Festival di Locarno, premiato per il proprio lungometraggio d'esordio ‘Hašoṭer’ (2011). Il film è un viaggio nella creazione di un regista insicuro sul nuovo film che ha messo in cantiere, nello stesso momento è il racconto del suo tentativo di sedimentare il dolore per la madre che sta morendo di cancro. È anche, e questa è la sua ricchezza, la denuncia di uno stato, Israele, che semina odio, disperazione, corruzione e, non ultimo, la dimostrazione di un maschilismo alienato e alienante che spinge il protagonista a provocare il suicidio dell’unica persona che gli mostra simpatia sputandogli addosso la fragilità del suo essere donna. Film durissimo e non pacificante, film che snuda la bandiera israeliana che sventola il un territorio conquistato, ultimo medievale omaggio al potere di uomini contro gli umani. Nelle vesti del regista un grande attore, coreografo e regista teatrale come il pluripremiato Avshalom Pollak, che mette in evidenza un repertorio espressivo di non comune qualità, con lui un’attrice-danzatrice della sua compagnia, Nur Fibak, nei panni della dolce Yahalom, curatrice della biblioteca di un isolato agglomerato di case sparse nel deserto israeliano, dove proprio da lei il regista viene chiamato per presentare un suo film. C’è qualcosa di veramente particolare nella recitazione dei due, un decisivo marcare il terreno della recitazione. L’abbracciarlo il tenderlo l’abusarlo, come succede nella danza, ed è proprio una danza quella che si intreccia, fino al compimento del dramma, tra loro.

A inaugurare Un Certain Regard è stato l’applaudito “Onoda” del parigino Arthur Harari, un film dedicato al notissimo Hiroo Onoda (Kainan, 19 marzo 1922 – Tokyo, 16 gennaio 2014) il soldato giapponese che per trent’anni, dal 1944 al 1974, ignaro della fine della Seconda guerra mondiale, ha difeso in nome dell’Impero del Sol Levante la sperduta isola filippina di Lubang. Il regista mette in scena uno scandaloso ritratto di un uomo tradito dal proprio Paese, e insieme sbandiera un monito a chi pensa sempre che una guerra sia una questione di numeri e date e mai del tempo che le guerre rubano alla vita degli uomini. Hiroo Onoda (qui ben interpretato da giovane da Yūya Endō e maturo da un bravissimo Kanji Tsuda) non è un eroe, anzi: si rifiuta di morire schiantandosi in aereo come kamikaze, viene allora addestrato per la guerriglia nelle zone di guerra in cui è previsto l’arrivo delle truppe americane e filippine: il suo compito è ora resistere e non morire in attesa del ritorno della potenza giapponese. Per questo viene mandato sull’isola di Lubang il 26 dicembre 1944.Il suo compito, che deve restare segreto, è portare alla guerriglia tutta la postazione giapponese presente sull’isola, ma gli ufficiali hanno altre idee, vogliono sfidare il nemico a faccia alta e pagano con la morte la loro boria. Onoda raccoglie un gruppo dei superstiti, li porta tra le montagne dell’isola e preparare la resistenza. Molti lo lasceranno per fame e voglia di arrendersi, ma troveranno la morte confermando a Onoda che la strada da seguire è la sua. Dopo gli ultimi scontri con i soldati filippini, restano in quattro, l’isola viene abbandonata dai loro nemici e lui spiega la sua missione ai sopravvissuti; saranno una famiglia, in lotta con i pochi abitanti dell’isola. A parte il più giovane che riesce a fuggire dal gruppo e rocambolescamente a tornare a casa, Onoda vede morire gli altri compagni per mano dei popolani. Il film racconta di una pace che non c’è e di un uomo che mentre altri uomini vanno sulla Luna crede ancora che una guerra non sia finita. Ben girato e interpretato, il film ha meritato gli applausi.

Fuori competizione sono passati due attesi film documentari ‘The Velvet Underground’ di Todd Haynes e ‘Jane Par Charlotte’ (Jane By Charlotte) di Charlotte Gainsbourg. Haynes è un buon regista ed esperto documentarista, attento alla condizione omosessuale, in questo film dedicato ai Velvet celebra il gruppo della Factory di Warhol mettendo in evidenza il rapporto tra l’artista e il suo amato Lou Reed, mentre Charlotte Gainsbourg per la sua opera prima tenta di scavare il suo rapporto con la madre, la grande Jane Birkin. Haynes spiega che i Velvet Underground hanno creato un nuovo suono che ha cambiato il mondo della musica, cementando il loro posto come una delle band più venerate del rock 'n' roll. L’operazione che fa è molto interessante, più didattico che celebrativo il film ci presenta innanzitutto i componenti del gruppo: Lou Reed,  John Cale , Sterling Morrison e Maureen Moe Tucker. Le biografie più complete per i primi due, a cui poi si aggiunge, con bella completezza da wikipedia inglese, la bio di Nico, storia dei Velvet più che quella con il contributo di Doug Yule che aiutò Reed a pulire e ingentilire i suoni di Cale, togliendo al gruppo il senso artistico regalandogli quello commerciale. E un film che analizza anche la dicotomia americana di quegli anni tra la dark New York e la solare e con i fiori in testa California hippy. E in questo è anche cattivo, Haynes, sottolineando come cacciato Cale il gruppo si trasferì mentalmente e musicalmente dalla costa atlantica alla costa pacifica. Non si dimentica anche di spiegare il passaggio da una comunità gay e lesbica che rischiava anni di carcere per incontrarsi a un serio cambiamento nella società. Ben confezionato, ricco di citazioni, il film convince anche chi non ama il gruppo.

Non convince invece il documentario che Charlotte Gainsbourg dedica alla madre, innanzitutto perché lo dedica prima a se stessa e ai suoi problemi per girare il film, alle scelte della musica, delle inquadrature… al punto che Jane Birkin fa da gentile soprammobile spostata dal Giappone a NewYork, da Parigi a Londra con immagini che parlano anche di una vacanza a Venezia con papà Serge Gainsbourg. Quello che manca al film è amore, qualunquistiche le immagini, l’unica che ha suscitato applausi e felici commenti è sta quella in cui si vede la Birkin oggi, anziana, prendere in braccio un cagnolino e baciarlo. Il commento generale è stato “che carino”. La signora Gainsbourg non è andata oltre, al pubblico con è interessato neppure che lei portasse sua figlia Alice dalla nonna. Sullo sfondo restano tutti, persone, come la sorella morta suicida, emozioni, gioie, dolori… davanti c’è solo la regista. Non ci basta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arthur harari cannes74 charlotte gainsbourg nadav lapid todd haynes
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved