ludwig-van-le-nove-sinfonie-da-nove-citta-tra-cui-lugano
ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
54 min

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito.
Culture
4 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
13 ore

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
13 ore

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
18 ore

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
1 gior

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
1 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
2 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
2 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
2 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
2 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
2 gior

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
2 gior

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
2 gior

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
25.05.2021 - 20:40

Ludwig van, le nove sinfonie da nove città (tra cui Lugano)

Presentato il progetto del canale arte per i 250 anni dalla nascita di Beethoven, in onda domenica 6 giugno

 Un regalo di compleanno in ritardo ma non per questo meno gradito: rinviato a causa della pandemia, domenica 6 giugno sarà finalmente proposto il progetto Ludwig van realizzato dalla rete televisiva arte per celebrare i 250 anni dalla nascita di Beethoven.

Il 2020 doveva essere l’anno beethoveniano; è stato l’anno della pandemia e tra i numerosi eventi rinviati c’è anche questa iniziativa europea: proporre, in un’unica giornata a partire dalle 13,  le nove sinfonie in diretta televisiva da nove città, ovvero Bonn, Dublino, Helsinki, Lussemburgo, Praga, Lugano, Delfi, Strasburgo e Vienna (in ordine di esecuzione), sul canale arte e sul sito arte.tv.

Un progetto al quale arte è al lavoro da tre anni e che la pandemia ha portato a rivedere, modificando qualche tappa e, come detto, rinviando il tutto di alcuni mesi. Ma, come affermato in conferenza stampa dall’amministratore delegato di arte Germania Wolfgang Bergmann, se da una parte si è fuori dalle celebrazioni ufficiali, dall’altra parte le sinfonie di Beethoven proposte dal vivo e da alcuni luoghi simbolici diventano un simbolo della ripresa degli eventi culturali in Europa e nel mondo, oltre che un modo per onorare gli artisti fermi da tempo.

Ogni concerto sarà presentata da un giornalista nella sua lingua madre (per Lugano avremo Giuseppe Clericetti) e, visto che alcune sinfonie non rispettano i “tempi televisivi”, comprenderà anche altri brani di Beethoven, perlopiù ouverture.

Vediamo più da vicino il percorso che coinvolge alcune tra le più importanti orchestre a livello europeo. Ludwig van non poteva che iniziare dalla città natale di Beethoven: Bonn, dove Daniel Harding dirigerà la Mahler Chamber Orchestra dal Cortile porticato del Palazzo del Principe elettore. In programma, oltre alla Sinfonia n.1 in do maggiore, l’Ouverture Leonore n.3.

Il secondo concerto ci porta a Dublino, nella National Concert Hall con Jaime Martín e la Rté National Symphony Orchestra per la Sinfonia n.2 in re maggiore e l’Ouverture Coriolano.

Per la Sinfonia n.3 in mi bemolle maggiore, la celebre Eroica inizialmente dedicata a Napoleone, ci si sposterà a Helsinki, nella particolare chiesa di Temppeliaukio, una sala letteralmente immersa nella montagna: la chiesa è infatti scavata nella roccia naturale. A dirigere la Finnish Radio Symphony Orchestra troveremo Nicholas Collon.

Dopo la Terza, viene la Quarta: sinfonia particolare, la n.4 in si bemolle maggiore, anche perché si ritrova nella difficile posizione tra la già citata Eroica e l’iconica Quinta. “Una fanciulla greca tra due giganti nordici” l’ha definita Schumann. La Quarta, insieme all’Ouverture Egmont, sarà trasmessa dal Grande auditorium della Philharmonie di Lussemburgo, con l’Orchestre Philharmonique du Luxembourg diretta da Gustavo Gimeno e una performance di danza sulla piazza davanti alla Philarmonie, elaborata dalla coreografa Sylvia Carmarda insieme a giovani rifugiati.

Per la Sinfonia n.5 in do minore, insieme all’Ouverture Fidelio, si andrà nella Piazza della Città Vecchia di Praga, con Steven Mercurio a dirigere la Czech National Symphony Orchestra. E poi, la Pastorale: la Sinfonia n.6 in fa maggiore dalla piazza del Lac, con i Barocchisti diretti da Diego Fasolis. Concerto, come anche altri, in “finta diretta”: a causa di precedenti impegni il concerto è stato registrato negli scorsi giorni. Giorni di pioggia, ha ricordato Fasolis in conferenza stampa, e «registrare una sinfonia difficile come la sesta con 14 gradi è un po’ al limite, ma ci siamo riusciti». Del resto Beethoven stessa ha sempre cercato di superarsi, «di andare al di là delle possibilità umane» e con questo Fasolis ha introdotto in conferenza stampa il tema del metronomo impossibile. Beethoven è stato tra i primi compositori a usare questo strumento e a indicare il numero di battiti al minuto. Ma si tratta di indicazioni quasi impossibili da seguire, troppo veloci. «Abbiamo lavorato giorni e giorni per riuscire a suonare con il metronomo originale di Beethoven e secondo me ne esce un’energia inaspettata» ha spiegato Fasolis.

Per la Sinfonia n.7 in la maggiore ci spostiamo in un altro luogo carico di storia: il Teatro di Delfi dove Teodor Currentzis dirigerà l’Ensemble musicAeterna. Qui la musica di Beethoven incontrerà la danza, con una coreografia di Sasha Waltz realizzata appositamente per il luogo (e i suoi vincoli archeologici che richiedono particolare cautela).

Per la Sinfonia n.8 in fa maggiore andiamo a Strasburgo, nella Penisola André Malraux, dove Marko Letonja dirigerà l’Orchestre Philharmonique de Strasbourg, accompagnato dalla solista Annette Gerlach per la Romanza per violino che completa il programma. E infine, la Nona, l’Inno alla gioia: a proporre la Sinfonia n.9 in re minore saranno i Wiener Symphoniker dal Castello Belvedere di Vienna. Sul podio, Karina Canellakis che ha spiegato di voler affrontare questo celeberrimo brano «come se leggessi la partitura per la prima volta, chiedendomi qual è la sonorità originale, perché Beethoven ha composto quello che ha composto». Per poi ricordare, come prima di lei avevano già fatto Marko Letonja e Diego Fasolis, il direttore d’orchestra Nikolaus Harnoncourt per la sua fondamentale rilettura della musica di Beethoven (e non solo), un ritorno alla prassi esecutiva originale per superare gli schemi del romanticismo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte barocchisti diego fasolis progetto ludwig van
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved