la-leggerezza-del-dramma-per-pablo-gershanik-e-finzi-pasca
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Culture
Il ricordo
33 min

Piero Angela e la gentilezza della scienza

Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
L'intervista
4 ore

Marco Solari: ‘Lascio un Festival più forte e in crescita’

La decisione è presa, il 76esimo sarà il suo ultimo da presidente: ‘Ma ora nessuna retrospettiva, ho semplicemente annunciato i prossimi passi’
Musica
16 ore

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
16 ore

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
17 ore

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
17 ore

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
22 ore

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
22 ore

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
1 gior

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
1 gior

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
18.05.2021 - 20:02

La leggerezza del dramma per Pablo Gershanik e Finzi Pasca

Uno spettacolo attentamente costruito per raccontare storie che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare

Ci sono storie che “come l’olio nell’acqua, prima o poi emergono”: esperienze dolorose, traumi, eventi che non è possibile dimenticare ma che è difficile ricordare. Come raccontare, dunque, queste storie? Pablo Gershanik e Daniele Finzi Pasca l’hanno fatto con il gioco, la clowneria, la leggerezza di ‘52’, nuova produzione della Compagnia Finzi Pasca che ha debuttato ieri sera al Teatro dell’architettura di Mendrisio con repliche fino a domenica 23.

Ad attendere il pubblico, all’anteprima di domenica, c’era l’ordinato schema urbanistico di una città progettata a tavolino – La Plata in Argentina, dove Pablo Gershanik è nato – e alcuni numeri della tombola. In sottofondo, la cronaca di una partita di rugby e le delicate note di pianoforte composte da Maria Bonzanigo. La scenografia, efficacemente minimalista, di Hugo Gargiulo si arricchisce con una grande torta a piani, tipica dei matrimoni che Pablo porta in scena. Un veloce accenno a una data, il 10 aprile 1975, poi il racconto prende avvio, seguendo i numeri del lotto che l’attore continua a estrarre e ad annunciare come si fa alle feste popolari, seguendo ora le interpretazioni della smorfia, ora associazioni più personali.

Quella strana città tutta regolare e con le vie numerate, saltando il 52 perché al porto di quella strada ci sono i grandi edifici pubblici, il padre medico pediatra, un matrimonio che proprio quella sera – un giovedì, data scelta perché costa meno di un sabato – si celebra vicino alla loro casa. Una grande festa come si conviene ai matrimoni argentini. Anche se la sposa in realtà è francese e l’incontro tra i parenti di lui e quelli di lei, arrivati da Toulouse, dà il via a un funambolico grammelot ispano-francese. Si sorride, si ride di fronte alle descrizioni dei parenti, a questo strano incontro tra culture che poco hanno in comune. Finché non salta fuori la comune passione per il rugby, l’unico sport che unisce gli avversari invece di dividerli.

A rugby giocava anche Mario, il padre di Pablo. Il racconto si allarga: in giro a La Plata, quella sera, c’era anche una banda. “Non era la polizia o l’esercito” spiega l’attore, e gli basta un gesto per lasciar intendere l’affinità con la dittatura di Videla che sarebbe arrivata poco tempo dopo quella notte.

Arrivati a questo punto si potrebbe cambiare registro, anzi di dovrebbe perché ormai è chiaro che quella banda sta per uccidere il padre di Pablo Gershanik. Ma non sarebbe questo il modo corretto per far emergere la storia: e così si spinge ancora di più sulla comicità, dando vita a un ritratto particolarmente divertente dei membri della banda. Nel momento dell’uccisione, è la musica a sottolineare la tragedia mentre Pablo, sdraiato sulla grande mappa di La Plata, dà voce agli ottanta colpi di mitra come un bambino che gioca.

‘52’ è uno spettacolo attentamente costruito: per la capacità di raccontare con leggerezza una storia dura come l’uccisione di un padre, evitando che il riemergere della memoria renda pubblico e protagonista vittime, ma anche per come tutti i racconti e le riflessioni che Pablo Gershanik porta con una risata in scena rimandino all’assenza. Difficile dire se sia davvero un teatro che cura – di questo si occuperà una tavola rotonda che si terrà venerdì alle 18; info: www.tam.usi.ch –, di sicuro è un teatro che regala belle emozioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
finzi pasca pablo gershanik teatro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved