ULTIME NOTIZIE Culture
Otium
2 ore

Il Forum per l’italiano in Svizzera

Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Musica
3 ore

Addio a Christine McVie, voce dei Fleetwood Mac

Cantante, cantautrice e tastierista, è morta all’età di 79 anni dopo una breve malattia
Spettacoli
4 ore

Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano

‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
Società
7 ore

Jim Carrey lascia Twitter, senza nominare Elon Musk

L’attore di ‘The Truman Show’ non nomina il nuovo proprietario del social, ma pubblica un video animato che molti leggono come provocazione al miliardario
Società
9 ore

Domande razziste a corte, impiegata staff reale si dimette

La donna avrebbe insistito a chiedere quali fossero le radici di un’attivista malgrado i ripetuti tentativi di spiegarle che si sentisse britannica
L’intervista
11 ore

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Società
17 ore

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
1 gior

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
1 gior

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
1 gior

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
18.05.2021 - 19:32

‘Twenty Plus Twenty’, altri venti di questi Manupia

Il leggero ritardo sui tempi dovuto alla pandemia non cambia le celebrazioni per il ventennale della band ticinese, che festeggia con il suo primo singolo inedito.

di B.D.
twenty-plus-twenty-altri-venti-di-questi-manupia
Manupia

Anno 2020, mare di Calabria, ore 4 da mattina, la musica già in testa. Sono le coordinate spazio-temporali di ‘Twenty Plus Twenty’, singolo che in quasi perfetta sincronia celebra i vent'anni di attività dei Manupia, band ticinese nata nel Duemila e arrivata sino al 2021 scavalcando il lockdown, tenendosi stretta una sala prove mai abbandonata. Con Andrea Manna (chitarre), Elisa Bacciarini (voce), Amos Malorgio (voce e tastiere), Francesco Di Lenge (batteria) c'è Nicola “NIc” Angileri (basso e voce), colui che in Calabria si è svegliato all'alba per mettere su carta il primo, ottimisticamente funk, inedito della band. È lui che racconta a laRegione ‘Twenty Plus Twenty’, nata « da uno slancio mentale, per andare oltre il periodo del primo lockdown durante il quale ci eravamo fatti forza provando, rimettendo in piedi il lavoro da un punto di vista quasi ‘scientifico’, in un processo di affinamento del repertorio precedente. Da lì, lavorando sui dettagli, ho cercato di focalizzare mentalmente il carattere dei musicisti e del repertorio con il quale ci troviamo più nostro agio, che ho messo nella canzone».

‘Twenty Plus Twenty’ è un autoritratto e insieme «un po' la rinascita musicale dei Manupia e della loro voglia di andare avanti». Un singolo che è un altro degli scossoni positivi messi in atto da Angileri, odierno direttore artistico della band: «Hanno creduto nelle mie esperienze. Guardando da un punto di vista esterno, ho cercato di vedere il potenziale di tutti e le cose che andavano sistemate. Superato lo strappo iniziale, inevitabile, mantenendo comunque un ampio raggio sugli anni 70-80, su pop, rock e funk, con qualche tastiera ‘eighties’ in più, abbiamo oggi un repertorio che ci permette di accontentare tutti». Più un brano inedito che è «un cammeo che ci siamo voluti concedere». E un altro cammeo è già pronto, a livello di scrittura e pre-produzione. «Non siamo una band che mira a scalare le classifiche, e quindi anche un solo brano che gira in radio ha un suo potenziale».

Così come ha spiazzato le ricorrenze di tutti, la pandemia ha scombussolato anche il ventennale dei Manupia. Ma anche se ‘Twenty Plus Twenty’ arriva in leggero ritardo sulla timeline storica, non cambia l'intenzione di celebrarne la vita artistica: «Abbiamo voluto essere positivi noi, ancor prima che l'ambiente circostante. L'unione ci ha permesso di creare una nostra bolla di sopravvivenza e siamo riusciti a produrre questo brano che è un omaggio ai musicisti che sono transitati da qui, ai tanti amici conosciuti ai concerti, ai fan che ci seguono». E un omaggio ai vent'anni di musica. ‘Twenty Plus Twenty’, venti alla volta: «Si dice di solito ‘cento di questi giorni’, ma visto il momento particolare, meglio andare di venti in venti...»

(Su Spotify, Deezer, iTunes, YouTube e tutti i principali portali digitali)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved