ULTIME NOTIZIE Culture
Sanremo
3 ore

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
5 ore

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
13 ore

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
17 ore

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
19 ore

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
1 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
1 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
1 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
1 gior

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
Cinema
09.05.2021 - 10:57
Aggiornamento: 16:51

Golden Globe, Netflix e Amazon mollano Hollywood Foreign Press

L'organizzazione che assegna i premi sotto accusa dopo inchiesta giornalistica: nessun giornalista nero, regali dagli studios e 'sessismo', dice Scarlett Johansson.

golden-globe-netflix-e-amazon-mollano-hollywood-foreign-press
Scarlett Johansson (Keystone)

La bufera sulla Hollywood Foreign Press non accenna a placarsi: prima Netflix e poi a ruota Amazon hanno tagliato i ponti con l'organizzazione che ogni anno assegna i Golden Globe fino a quando quest'ultima non avrà adottato “riforme più significative” sul fronte della membership e delle regole etiche. 

L'associazione dei giornalisti stranieri a Hollywood era finita nella bufera dopo un'inchiesta del Los Angeles Times pubblicata alla vigilia della cerimonia di quest'anno. “Non abbiamo lavorato con la Hfpa da quando sono stati sollevati questi problemi e, come il resto dell'industria, ci aspettiamo una risposta più incisiva per cambiare posizione”, ha dichiarato la responsabile degli studi Amazon Jennifer Salke. Poche ore prima era stata Netflix a dare la linea: il colosso dello streaming che quest'anno ha ricevuto più nomination (42) e vinto più Golden Globe (10) di ogni altro studio di Hollywood aveva chiuso i rapporti con l'organizzazione dietro i premi, in attesa di una vera riforma. L'avvertimento era arrivato sotto forma di una lettera del co-ceo e capo dei contenuti Ted Sarandos ai vertici della Hfpa, poco dopo che l'assemblea dell'associazione aveva approvato una serie di misure proposte dal board. Accusata di essere una “casta” che non include al suo interno giornalisti neri, l'associazione aveva adottato due giorni fa un piano in base al quale si impegnava di aumentare il numero dei reporter di colore, introducendo al tempo stesso restrizioni sui doni da parte degli studi e sui pagamenti che i membri hanno finora ricevuto per far parte dei suoi comitati.

Secondo Sarandos, la riforma approvata non basta a segnalare un vero cambio di rotta: il capo di Netflix ha giudicato inaccettabili i tempi che la Hfpa si è data per aumentare del 50% la sua membership (attualmente 86 giornalisti, nessuno dei quali nero) nell'arco dei prossimi 18 mesi. A irritare era stato anche il fatto che il 10% dell'organizzazione si era astenuta o non aveva partecipato al voto.

Scarlett Johansson: ‘In loro conferenze stampa, domande che rasentavano molestie’

La richiesta di un passo indietro dall'organizzazione creatrice dei Golden Globes fino a quando non metterà in atto riforme più sostanziali viene anche da Scarlett Johansson. Da chi promuove un film “ci si aspetta che prenda parte alla stagione dei riconoscimenti partecipando a conferenze stampa e alle cerimonie di premiazione. In passato, questo ha spesso significato affrontare domande e osservazioni sessiste da parte di alcuni membri dell'Hfpa che rasentavano le molestie sessuali. È il motivo esatto per cui, da molti anni, mi rifiuto di partecipare alle loro conferenze”, ha spiegato l'attrice. "L'Hfpa è un'organizzazione che è stata legittimata da personaggi come Harvey Weinstein in modo da avere lo slancio per il riconoscimento dell'Academy e l'industria ha seguito l'esempio. A meno che non ci sia una riforma fondamentale all'interno dell'organizzazione, credo che sia tempo di fare un passo indietro dall'Hfpa e di concentrarci sull'importanza e la forza dell'unità all'interno dei nostri sindacati e del settore nel suo complesso" conclude Johansson.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved