STRICKER D. (SUI)
SANDGREN T. (USA)
21:55
 
grammy-a-james-taylor-e-chick-corea-due-american-standards
James Taylor, 'Best Traditional Pop Vocal Album’; Chick Corea, ‘Best Improvised Jazz Solo & Best Jazz Instrumental Album’
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
37 min

Bob Dylan, il catalogo delle registrazioni è della Sony

L’accordo, avvenuto in luglio ma reso pubblico soltanto ora, potrebbe portargli in tasca anche più di quanto incassato da Bruce Springsteen.
Spettacoli
51 min

Al Sociale il Dolore di Marguerite Duras

Mercoledì 26 gennaio a Bellinzona lo spettacolo di Margherita Saltamacchia. A seguire, la proiezione del documentario ‘La speranza vive intera’
Spettacoli
1 ora

Osi in Auditorio con il controtenore Bejun Mehta

Giovedì 27 gennaio per la serie ‘Play&Conduct’ appuntamento con il cantante statunitense di origine indiana e le arie di Händel
Società
2 ore

Scoperte due pericolose falle nell’app Zoom

Già adottati i provvedimenti del caso. Ma non è escluso che qualcuno non sia già riuscito a sfruttare le vulnerabilità
Spettacoli
3 ore

‘Il suono della bellezza’, Eurovision Torino è un po’ svizzero

Il tema dell’evento si richiama agli esperimenti scientifici sulle onde sonore dello scienziato e filosofo svizzero Hans Jenny
Spettacoli
3 ore

Giornate di Soletta, in attesa dei premi

Ultimi giorni del festival del cinema svizzero. Abbiamo visto il documentario del ticinese Tommaso Donati e ‘Une histoire provisoire’ di Romed Wyder
Spettacoli
4 ore

Tv, è morto lo studioso e autore Paolo Taggi

Da ‘Domenica In’ e il ‘Gioco del mondo’ a importanti lavori teorici sulla televisione. Il ricordo di Domenico Lucchini, direttore del Cisa
Musica
10 ore

Swiss Diagonales Jazz continua a Biasca e Olivone

MusiBiasca annuncia: sabato 29 gennaio, la Casa Cavalier Pellanda recupera Sauter&Schläppi e presenta Sc’ööf; domenica 30 all’Osteria Centrale, Tie Drei
Società
14 ore

Morto lo stilista Thierry Mugler

Autore, fra l’altro, dei corsetti di Madonna e degli abiti di Sharon Stone, è morto all’età di 73 anni per cause naturali
Cinema
16 ore

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
1 gior

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
1 gior

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
1 gior

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
1 gior

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
1 gior

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
2 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
3 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
3 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
3 gior

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
3 gior

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Musica
15.03.2021 - 18:140
Aggiornamento : 20:34

Grammy a James Taylor e Chick Corea, due american standards

Oltre ai premi da copertina, i riconoscimenti a un artista senza tempo e a un re del jazz appena scomparso, che affida alla moglie il suo grazie alla musica.

Ai Grammy Awards, gli Oscar della musica, manca soltanto la Best Performance Under The Shower (Miglior esecuzione sotto la doccia) e le categorie ci sono tutte. Se l’Academy del cinema ha rigettato negli anni riconoscimenti più tecnici come quello al casting, agli stunt e al miglior designer di titoli di testa e di coda, l’Academy della musica – National Academy of Recording Arts and Sciences, più brevemente detta Recording Academy, artisti e tecnici statunitensi appartenenti all’industria musicale – arriva sino alle migliori note interne (il librettino coi nomi di tutti di cui Spotify ci priva, una mezza violenza fisica) e addirittura il Miglior cofanetto o package edizione limitata, andato quest’anno agli art director della band Wilco, che hanno battuto quelli di Paul McCartney per l’edizione per collezionisti di ‘Faming Pie’. Che il Grammy parli al femminile è noto, e lasciamo the best for last, per soffermarci su alcuni capitoli di storia americana anche toccanti. Due in particolare.

Il Grammy della neve

“Abbiamo appena ricevuto la notizia. Che situazione imbarazzante essere qui tra le montagne a sciare sapendo che abbiamo vinto un Grammy per ‘American Standard’”. Da quella che pare essere una cabinovia viaggiante tra le vette (devono essere le vette del Massachusets, visto che l’artista di casa sta a Martha’s Vineyard, set naturale di un imprescindibile dvd live del 1993 chiamato ‘Squibnocked’), James Taylor alza gli occhialoni da discesa libera e con le racchette in grembo ringrazia tutti coloro i quali hanno lavorato con lui per l’album vincitore nella categoria Best Traditional Pop Vocal Album. Dove ‘Pop’ è da intendersi nella più nobile delle accezioni. Nel suo viaggio sobbalzante tra gli abeti – postato poco dopo le foto post-vaccinazione – il cantautore ringrazia l’etichetta, la moglie Kim e il cantante/chitarrista John Pizzarelli, co-produttore e co-suonatore dell’opera appena premiata. “Accetto questo Grammy della neve”, dice il singer songwriter a fine corsa, spinto dalla stessa proverbiale leggerezza con la quale dal 1971, tra fuoco e pioggia, porta avanti la più coerente delle carriere di un musicista vero applicato al music business, iniziata con un viaggio a Londra nel 1968 per fare ascoltare ai Beatles la sua ‘Something In The Way She Moves’: tanto piacque, quella canzone, che George Harrison prese ‘in prestito’ la prima strofa per aprirci la sua ‘Something’. E in cambio Taylor divenne per un po’ un artista Apple (la Apple dei Beatles, non quella dei computer).

Quello vinto da James Vernon Taylor da Boston (Massachusets, appunto), 73 anni lo scorso 12 marzo, è la cronaca di un Grammy annunciato ma non scontato. “Sono canzoni che stavano tra i dischi dei miei genitori, brani che conosco da quando ero bambino e ho ascoltato all’infinito: mi sdraiavo per terra, davo un paio di occhiate ai testi, rimanevo incantato dalla copertina e poi mi tuffavo nella musica”. In ‘American Standard’ vive una manciata di capitoli del canzoniere americano rivisitati alla James Taylor, in modalità “scelgo il brano con il quale sento un legame e lo suono con il mio vocabolario”. Accade con ‘Moon River’ (1962, da ‘Colazione da Tiffany’), con ‘Teach Me Tonight’ (1953, nota nella versione di Dinah Washington), con ‘God Bless The Child’ di Billie Holiday e altri 11 titoli resi ulteriormente standard in quanto James Taylor, egli stesso, standard (vivente).

‘Mio marito, mio amico, mio eroe’

Sono molti gli affezionati al Grammy. Nel Country se ne aggiudica più o meno un all’anno Vince Gill (Best Solo Performance), qui al suo 22esimo grammofono; Miranda Lambert è il suo terzo (Best Album). E Dolly Parton, insieme al christian singer Zach Williams, conquista il suo decimo per la migliore christian song. Ma a colpire, scorrendo i premi, sono quelli postumi. A partire da John Prine, cantautore morto nell’aprile del 2020, doppio Grammy ‘alle radici’ per ‘I Remember Everything’ (Best American Roots Performance e anche Song). Colpisce soprattutto – la sua dipartita è più recente – il doppio Grammy a Chick Corea per il solo su ‘All Blues’, all’interno dell’altrettanto Grammy ‘Trilogy 2’ (Best Jazz Instrumental Album), nel trio con Christian McBride, contrabbasso, e Brian Blade, batteria.

“Sono onorata di accettare questo award per conto del mio amato marito da 50 anni, mio migliore amico ed eroe. Credo che Chick – dice Gayle Morgan, vocalist, tastierista e songwriter – vorrebbe ringraziare tante persone. Ha ascoltato e imparato da tutti». E Chick, dall’alto o ovunque egli si trovi (anche da nessuna parte), ringrazia Christian McBride per il disco e anche Miles Davis: “Chick è stato onorato di essere nella sua band. Ha suonato le sue note anche nelle ultime ore in famiglia”, dice Morgan. Un grazie a Stevie Wonder, “buon amico negli anni ’70, genio della creatività, i suoi messaggi d’amore mi hanno sempre ispirato”, un grazie a Ron Hubbard (sì, Corea fu scientologico) e uno a Martin Luther King “per la volontà e il coraggio di combattere senza sosta per i diritti umani”. Un grazie anche a “tutti coloro i quali tengono accesa la fiamma della musica”. E la cerimonia, nelle modalità asettiche che abbiamo imparato a conoscere dal febbraio del 2020, ha un sussulto.

Per sole donne

Lo abbiamo già scritto. Il premio che fa notizia è cosa per Billie Eilish: il suo Record Of The Year fa il paio con la messe di Grammy del 2020 e con l’outfit di quest’anno (cui abbiamo dedicato l'ultima pagina del giornale). A seguire, per importanza di premio, Taylor Swift è Album Of The Year per ‘Folklore’, terzo riconoscimento nella stessa categoria: Swift, mai nessuna donna prima di lei, eguaglia Paul Simon, Frank Sinatra e Stevie Wonder. La terza notizia è il 28esimo Grammy di Beyoncé: i quattro di questa edizione – miglior video per ’Brown Skin Girl’, migliore performance rap e migliore canzone rap per ’Savage’ insieme a Megan Thee Stallion, e migliore performance R&B per ’Black Parade’ – scalzano Alison Krauss dalla vetta (27 grammofoni per la cantante e violinista statunitense). È donna anche la canzone dell’anno, ‘I Can’t Breathe’ di H.E.R. (anche Best New Artist). Gli uomini? Nelle categorie altisonanti si consolano con Harry Styles, ‘Best Pop Solo Performance’ per ‘Watermelon Sugar’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved