ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
38 min

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 ore

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 ore

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
2 ore

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
3 ore

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
3 ore

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
Spettacoli
5 ore

Ai ‘Margini’ del mondo con Vischer, Lepori e Mourtzakis

La performance fra poesia e musica verrà interpretata dai tre protagonisti domenica 5 febbraio, alle 17, al Teatro San Materno di Ascona
Spettacoli
6 ore

Il futuro apocalittico di ghiacci sciolti con ‘Ulisse Artico’

Lo spettacolo scritto da Lina Prosa e diretto da Carmelo Rifici verrà rappresentato in prima nazionale martedì 7 febbraio (in replica l’8) al Lac
01.03.2021 - 08:05
Aggiornamento: 17:36

I Golden Globe fanno la storia incoronando una regista

In un'edizione ibrida che ha visto trionfare la serie The Crown, Chloe Zhao con il suo Nomadland è la prima donna a vincere da Barbara Streisand nel 1984

i-golden-globe-fanno-la-storia-incoronando-una-regista

Preceduta da polemiche e criticata in diretta, la cerimonia "bicoastal" e ibrida (le due conduttrici si sono collegate da Los Angeles rispettivamente da New York, i premiati da casa propria) dei Golden Globes 2021 ha comunque fatto la storia: per la prima volta dal 1984, quando fu premiata Barbra Streisand con "Yentl", una donna, Chloe Zhao, ha vinto come miglior regista.

Il suo film, "Nomadland", è stato inoltre giudicato il miglior film drammatico dell'anno.

Ai premi assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association c'è stato anche un pezzo d'Italia: "Io Sì" di Laura Pausini si è aggiudicata il globo d'oro per la miglior canzone originale. "Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere", ha commentato incredula la Pausini su Instagram ringraziando Diane Warren, che ha collaborato con lei per il brano, parte della colonna sonora di "La vita davanti a sé" di Edoardo Ponti (dedicato alla madre Sophia Loren) che era candidato al miglior film straniero ma che è stato battuto dal sudcoreano "Minari".

Se "Nomadland" con Frances McDormand ha vinto come miglior film drammatico, Borat si è fatto valere nella categoria dei film comici e il suo autore, Sasha Baron Cohen, ha sbaragliato la concorrenza come miglior attore protagonista. "Grazie alla giuria di tutti i bianchi", ha detto da casa, lanciando una frecciata alla Hfpa i cui 87 membri non includono - ha scoperto la scorsa settimana il Los Angeles Times - un solo giornalista di colore. Accettando il premio alla carriera intitolato a Cecil B. DeMille, Jane Fonda ha rincarato la dose: "C'è una storia che abbiamo paura di vedere su noi stessi. Una storia su quali voci vogliamo elevare e quali mettere a tacere, di chi ha un posto a tavola e chi resta fuori dalle stanze delle decisioni".

Forse per riparare alla crisi di immagine la Hfpa ha assegnato a due attori di colore, Daniel Kaluuya e John Boyega, i primi due premi della serata andata in onda sulla Nbc da Los Angeles e New York. Scontato invece il riconoscimento postumo a Chadwick Boseman, la star di "Black Panther" morto di cancro l'anno scorso, che in "Ma Rainey Black Bottom" ha avuto l'ultima interpretazione della sua carriera. Poche sorprese: tra queste Andra Day come miglior attrice in un film drammatico per "The United States vs. Billie Holiday."

La Hollywood Foreign Press assegna 25 premi per il cinema e per la tv: "The Crown" ha vinto nella categoria migliore serie drammatica con Emma Corrin, Josh O'Connor e Gillian Anderson premiati per i ruoli di Lady Diana, del principe Carlo e di Margaret Thatcher. Netflix, che ha portato lo show di Peter Morgan sul piccolo schermo, aveva collezionato ben 42 nomination e ne ha vinte 10 tra cui un paio per la "Regina degli Scacchi". È in parte di Netflix anche il merito del successo di "Schitt's Creek", la serie comica canadese che aveva fatto man bassa agli Emmy: è stata premiata come migliore dell'anno e per l'interpretazione di Catherine O'Hara nella parte dell'eccentrica matriarca Moira Rose.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved