ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
1 ora

’Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
2 ore

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
17 ore

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
17 ore

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
1 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
1 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
1 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
18.02.2021 - 20:34

Baron Cohen l'anti-bullo, da Idle a Borat, da Trump all'Oscar

I dietro le quinte dell'ultimo Borat nell'incontro con uno dei leggendari Monty Python. E quattro chiacchiere anche sulla doppia nomination

di Francesca Pierleoni, Ansa
baron-cohen-l-anti-bullo-da-idle-a-borat-da-trump-all-oscar
‘Seguito di film cinema’ (Keystone)

"Un uomo che ha realmente cambiato le tante facce della commedia". Così Eric Idle uno dei componenti dei leggendari Monty Python, ha introdotto nell'incontro online organizzato dall'American Cinemateque, Sacha Baron Cohen, uno dei trionfatori dell'attuale stagione cinematografica, sia come mente creativa, co-sceneggiatore, co-produttore e mattatore in ‘Borat - Seguito di film cinema’ di Jason Woliner (disponibile su Amazon Prime Video, nuova avventura di uno dei suoi personaggi simbolo), che come interprete di uno dei suoi eroi personali, Abbie Hoffmann (attivista, scrittore e tra le figure di riferimento del movimento di protesta del '68) nel corale ‘Il processo ai Chicago 7’ di Aaron Sorkin (disponibile su Netflix).

Dopo la doppia nomination fra gli attori protagonisti e non protagonisti ai Golden Globes, Baron Cohen ora punta a tornare in corsa per gli Oscar (ha già ottenuto una candidatura nel 2007 per la sceneggiatura di Borat). Una consacrazione alla quale, secondo Idle, ha diritto: "Non vorrei dire cosa fare ai votanti, ma Sacha ha fatto un grandissimo lavoro ed è il momento che venga riconosciuto. Sono molto fiero di te". Un complimento che emoziona il collega, da grande fan dei Monty Python e visto che da sempre considera Idle "il mio eroe". Nella conversazione, Baron Cohen spiega che "fin dall'inizio, fin da ‘Ali G’ (un altro dei suoi personaggi-icona, ndr) ho pensato alla comicità come strumento per 'umiliare i potenti'. Io me la prendo con i bulli, con chi fa cose sbagliate, e provo una certa soddisfazione a colpire personaggi come Dick Cheney". O anche lo stesso Donald Trump, che Baron Cohen aveva intervistato proprio nei panni di Ali G. "Era molto deluso dal non avere come intervistatrice una bionda in tailleur – scherza–. Ha resistito sette - otto minuti, ha interrotto solo quando ho iniziato a chiedergli soldi".

La satira è al centro anche del sequel di Borat: "Per la prima volta durante le riprese ho dovuto indossare un giubbetto antiproiettile. È successo per la scena al raduno dei pro-armi. Ci avevano detto che sarebbe potuto diventare violento se i manifestanti avessero capito che qualcuno tentava d'infiltrarsi... Lì c'erano tante persone con armi semi automatiche. Poi, mentre cantavo la canzone contro i vaccini e Obama, alcuni hanno capito che era una gag e sono saltati sul palco. Noi siamo scappati e ci siamo rifugiati in un'ambulanza, ma non ci lasciavano andare via. Il poliziotto che era con noi sosteneva i manifestanti, e non ci ha aiutato". Una ulteriore sfida per Cohen è stata il dover restare nel personaggio di Borat per cinque giorni consecutivi, per girare la parte del mockumentary nella quale viene ospitato in casa da due appassionati di cospirazioni: “È stato un po' terrificante, anche perché erano molto sospettosi. Ma al terzo giorno mi sono reso conto che anche quando ero solo in bagno a lavarmi i denti, ormai mi comportavo come Borat. Comunque, pur essendo appassionati di cospirazioni politiche, erano persone molto educate. Hanno anche cercato di educare Borat a essere meno misogino".

Per Cohen è stata una grande gioia poter interpretare un uomo che ha sempre ammirato, Abbie Hoffmann, al quale aveva anche dedicato parte di una sua dissertazione quando era studente di storia a Cambridge: "Ero ossessionato da lui sin da quando avevo 20 anni e quando, 13 anni fa, ho saputo che Spielberg stava lavorando a un film sul processo ai Chicago 7, mi sono subito proposto per il ruolo. Ho lavorato settimane per avere il giusto accento". Il progetto poi si è fermato ed è stato ripreso solo recentemente da Aaron Sorkin: "Essere sul quel set con giganti del teatro e del cinema come Frank Langella, Eddie Redmayne, Mark Rylance, è stato incredibile. Le comparse che facevano da spettatori al processo applaudivano tra una scena e l'altra". In quel periodo "giravo i Chicago 7 di giorno e lavoravo al sequel di ‘Borat’ la sera, con il timore di non fare in tempo a finirlo. Volevo assolutamente che uscisse prima delle elezioni americane". E "c'è da ringraziarti – sottolinea Idle – perché potresti aver influenzato positivamente il voto, visto che hai smascherato un po' di quei cretini".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved