NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
0
VAN Canucks
1
1. tempo
(0-1)
ANA Ducks
TOR Leafs
02:00
 
dal-teatrino-al-teatro-vuoto-sanremo-no-covid-ci-sara
Ci si vede al bar dell'Ariston (forse)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
5 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
6 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
7 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
8 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
8 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
9 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
10 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
13 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
13 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
14 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
15 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
15 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Spettacoli
05.02.2021 - 11:480
Aggiornamento : 13:27

Dal teatrino al teatro (vuoto): Sanremo no-Covid ci sarà

Il Comitato tecnico scientifico approva il protocollo Rai, il Codacons minaccia denuncia per epidemia colposa: politica permettendo, adesso è il Festival

Sempre che Matteo Renzi non occupi il Teatro Ariston pretendendo di presentarlo lui (in inglese) il Festival perché Amadeus non è all’altezza (Maria Elena Boschi valletta, ospite Mohammed bin Salman in un monologo sulla libertà di stampa), Sanremo si farà. Non con le buone – il pubblico in sala, gli inseguimenti ai cantanti, le interviste del pre-partita e le albe al Santa Tecla – ma con le cattive – senza pubblico in sala, con divieto di baci, fiori consegnati su carrelli sterilizzati, tamponi ogni 72 ore per chi accede al teatro, giornalisti al Casinò e tanta distanza tra simili da farci il giro del mondo. Almeno fino a Viña del Mar, altra città di Festival, ma mai tanto importante come quello in Riviera.

Sostiene Mannoia

Come sarà il Festival di Sanremo senza le signore ingioiellate della prima fila, avamposto del lifting e del tempo che fu? A chi ammiccheranno quei simpaticoni dello Stato Sociale? Davanti a chi stonerà Fedez? Su chi sputacchierà Max Gazzè? Ma soprattutto: se Bugo dovesse andarsene a metà pezzo, la Rai avrà pronti gli “Oooh” registrati? E chi ci restituirà l’espressione di smarrimento tipica del “E chi diavolo è questo?”, quando sul palco saliranno i big Madame, Fasma e Random? A queste e ad altre non fondamentali domande (qualcuna sì) risponderemo da qui al 2 e fino al 6 di marzo, la settimana in cui — più seriamente parlando – la manifestazione che strategicamente vale un Superbowl accoglierà l’industria musicale italiana nella città dei fiori, a trattare di canzoni e cantanti. Esulta la Pmi (Produttori Musicali Indipendenti), unitamente all’Afi (Associazione fonografici italiani) e alla Fimi (Federazione industria musicale italiana). Esulta pure Fiorella Mannoia, che qualche giorno fa dichiarava: “Bisogna stare attenti a dire ‘lo rimandiamo’ o ‘se non si fa è uguale’“, perché dietro Sanremo “ci sono case discografiche, c’è lavoro, c’è ricerca, musicisti, arrangiatori, contratti”. Lei, Fiorella, la dice come si dice anche in Ticino: “Non so perché nella scala della cultura noi siamo sempre visti come fanalino di coda”.

Con un elenco infinito di clausole che include anche “navette oscurate per trasportare i big (come Madame, Fasma e Random, ndr) per evitare il rischio di assembramenti esterni” – l’oscuramento dei vetri delle navette, must di Sanremo, risale a prima della mucca pazza – il Comitato Tecnico Scientifico (Cts) ha firmato le 75 pagine del protocollo Rai: no al pubblico in platea e galleria (e relativi scaldapubblico), no agli eventi esterni, sì ad accessi e percorsi diversificati per il cast, artisti e orchestrali, tamponi, distanze (1,5 m), mascherine Ffp2 (deroga per chi è sul palco). E gli artisti in teatro già vestiti, perché il dietro le quinte dell’Ariston sono un vicolo più affollato del Budello di Alassio, ed è un attimo per il virus “Volare”.

Sanremez

Mentre la stampa internazionale attende di sapere se, debitamente mascherata, calerà in Riviera o sarà costretta a scrivere di Sanremo in modalità “Calze, mutande, vestaglione di flanella, tavolinetto di fronte al televisore, frittatona di cipolle, familiare di Peroni gelata, tifo indiavolato e rutto libero”, la macchina musical-gossip del Festival (aspettando i big Madame, Fasma, Random, naturalmente) è per ora aggiornata alle scuse di Fedez a Francesca Michielin per avere, lui, canticchiato in rete un frammento della loro ‘Chiamami per nome’, rischiando la squalifica. Il Festival lo ha graziato “pur esprimendo serio biasimo” vista la durata minima “tale da non svelare di per sé il brano”. D’altra parte, un Festival in pandemia avrebbe mai potuto fare a meno del potential reach di Chiara Ferragni? (per gli italofoni: quelli che, potenzialmente, potrebbero vedere il Festival e anche televotare il marito. Che sono 55 milioni).

Nel frattempo, a nome dei consumatori, il Codacons – che con Fedez ha il dente avvelenato e pure una causa persa – denuncia la “pantomima inutile che ha portato a una decisione scontata, quella del via libera del Comitato tecnico scientifico al Festival di Sanremo”. Codacons che in caso di contagi minaccia di denunciare “penalmente la Rai e il Cts per concorso in epidemia colposa”. Insomma, parafrasando il Natale: adesso è Sanremo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved