laRegione
osi-in-streaming-il-contrappunto-al-tempo-della-dodecafonia
Al Lac senza pubblico (foto Luca Sangiorgi)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 ore

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
8 ore

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
10 ore

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
10 ore

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
1 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
1 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
1 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
1 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
1 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Spettacoli
04.12.2020 - 14:160

Osi in streaming, il contrappunto al tempo della dodecafonia

Mercoledì in un Lac senza pubblico, Markus Poschner ha diretto la Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók e la Suite op. 4 di Richard Strauss

Come dire “L’amore al tempo del colera”, oso un accostamento sinestesico perché il romanzo di García Márquez e la “Musica per archi, percussioni e celesta” di Béla Bartók sono due capolavori assoluti del Novecento. Ma il virtuosismo di Màrquez che trasforma la realtà in finzione è altra cosa dell’omotetia negli sviluppi fugati di Bartók, che portano il tonale ai limiti dell’atonale.

Ho già ascoltato due volte in diretta l’intrigante opera di Bartók con l’Orchestra della Svizzera Italiana diretta da Markus Poschner: all’Auditorio di Besso cinque anni fa, sullo schermo del mio computer mercoledì scorso. Sono stati due ascolti diversamente affascinanti. In sala il suono d’assieme costruito nello spazio sonoro disponibile, le scelte agogiche condizionate anche dall’attenzione del pubblico. Sul computer il suono d’assieme alquanto compromesso dai tanti microfoni ripartiti nell’orchestra, ma in compenso l’espressività dei volti degli strumentisti in primo piano, soprattutto il gesto seducente di Poschner visto dalla parte degli orchestrali.

Bartók compone nel 1936 a 55 anni quest’opera che contrappone la concezione contrappuntistica, apice della musica colta occidentale, alla dodecafonia da poco proposta da Schönberg. Lo fa con una singolare disposizione simmetrica degli archi, due gruppi di contrabbassi, di violoncelli, di viole, quattro di violini, rigorosamente collocati metà a sinistra e metà a destra del palco; in mezzo la ricca percussione che impegna quattro percussionisti, poi pianoforte, celesta e arpa. E mi è sembrata convincente la scelta quasi cameristica fatta da Poschner: ho contato 22 archi con solo 2 contrabbassi.

L’ostentazione di tanta simmetria mi sembra un omaggio di Bartók alla matematica che regge e giustifica non solo la musica tonale, ma il determinismo epistemologico, già da alcuni anni smentito dalla relatività di Einstein e non solo da quella. Bartók, che muore nel 1945, è coetaneo di Picasso, Joyce, Stravinskij, artisti che hanno capito, non proprio dove sta andando il mondo, ma almeno che il mondo sta cambiando. Piace immaginare le ambizioni espressive del compositore ungherese proiettate nella seconda metà del Novecento, accanto a compositori come Carter o Boulez, al passo con la ricerca epistemologica che confina ormai il bello all’interno dell’organizzazione neuronale del cervello, insomma in quella musica contemporanea, alla quale mi piacerebbe ponesse mano ogni tanto anche l’Orchestra della Svizzera Italiana.

Nonostante l’assenza del pubblico e l’occupazione totale del palco i 29 strumentisti impegnati in Bartók portavano la mascherina. A viso scoperto (ma non sereno, preoccupato per questa situazione d’emergenza) erano i 13 fiati impegnati nel primo brano del concerto, la Suite op. 4 di Richard Strauss, composta a 17 anni, nel 1881, l’anno di nascita di Bartók.

© Regiopress, All rights reserved