laRegione
kureishi-ha-inaugurato-gli-insoliti-eventi-letterari-2020
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
12 ore

Addio a Daria Nicolodi, con Dario Argento nella vita e nei film

Attrice e sceneggiatrice, madre di Asia, ha lavorato con il regista romano in molti dei suoi film storici, da 'Profondo rosso' a 'Opera'
Jazz
12 ore

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song
Cult
19 ore

'Vacanze di Natale', il cinepanettone diventa libro

Il libro ripercorre la gestazione e la realizzazione di una pellicola entrata ormai nell'olimpo dei cult
Il caso
21 ore

Fare la spesa in modo sexy: è bufera sulla Rai

Proteste sui social e nel mondo politico per un tutorial che spiega come fare la spesa in modo sensuale, andato in onda a 'Detto Fatto'
Castellinaria
1 gior

Nonostante la nebbia. Nonostante Paskaljevic

Fuori concorso a Castellinaria l'ultimo film del regista e sceneggiatore serbo: un non sempre convincente dramma psicologico sui minori non accompagnati
Cinema
1 gior

Jennifer Grey su Patrick Swayze: 'Insostituibile'

L'attrice parla del sequel di 'Dirty Dancing', che la vedrà di nuovo nei panni di Frances 'Baby' Houseman, ma senza l'attore morto nel 2009.
Musica
1 gior

'Tra jazz e nuove musiche', in radio e in streaming

Primo appuntamento giovedì 26 novembre alle 21 negli studi di Lugano-Besso, in collaborazione con Jazz in Bess, con il trio Feigenwinter-Oester-Pfammatter
Musica
1 gior

Mina: esce 'Italian Songbook', la prima di sei antologie

Il primo capitolo è stato presentato da Massimiliano Pani, produttore 'della più famosa sconosciuta d'Italia', come la chiama lui.
Spettacoli
1 gior

Molestie alla Rsi, Canetta: procedure interne da migliorare

Il direttore sulle 32 segnalazioni di comportamenti impropri: capire perché non siano emerse prima ‘è il grande tema’
Musica
1 gior

Andrea Bignasca, vecchio lupo di mare

Un altro singolo, ‘Most Times’ aspettando l'album, ‘Keep Me From Drowning’, in cui il songwriter è 'un po' marinaio e un po' naufrago' (tra il Ticino e l'Atlantico)
Televisione
1 gior

Molestie Rsi, già 32 segnalazioni: indagherà un'istanza esterna

Si moltiplicano i comportamenti impropri segnalati al sito appositamente allestito. Il direttore Maurizio Canetta: 'Anche un solo caso, sarebbe già di troppo'
Musica
1 gior

'Electro Acoustic Room', il microfono come microscopio

Per il secondo appuntamento, venerdì 27 novembre alle 18.30, l'Aula Magna del Conservatorio ospita il 'Nano-Cosmos' della compositrice Ana Dell'Ara-Majek.
Arte
1 gior

Capolavori per tutte le tasche: Wopart è 'Virtual Fair'

Sono 400 esemplari, 'esposti' alla Fiera internazionale di Lugano dedicata prevalentemente a opere d’arte su carta. Che si apre giovedì 26 novembre alle 15.
Lirica
1 gior

'La Magia del Natale', ad Arbedo con Bonomi-Cattaneo-Greppi

Il concerto lirico, che ha nel suo programma i brani sacri e i canti natalizi più amati, si tiene domenica 6 dicembre alle 17 nella Chiesa di San Giuseppe
Teatro Sociale
1 gior

Per 'Zona 30', Leproust e Berman nel 'Klaus Nomi Project'

L'omaggio a una delle figure più singolari della New Wave americana nello spettacolo scritto e diretto da Pierre Lepori
Società
2 gior

Contro la violenza sulle donne mettiamoci la faccia

Parte oggi la ‘16 Days Campaign’, che porta al 10 dicembre, Giornata dei diritti umani. L'iniziativa congiunta DAISI e Fondazione Diritti Umani Lugano
Spettacoli
31.10.2020 - 21:000

Kureishi ha inaugurato gli insoliti Eventi letterari 2020

Lo scrittore anglo-pakistano, in collegamento da Londra, ha parlato della pandemia e delle nuove prospettive che ci attendono

«Eccoci qui a inaugurare un festival inconsueto». Che poi il “qua” al quale giovedì sera ha fatto riferimento Paolo Di Stefano, direttore degli Eventi letterari Monte Verità, è ubiquo: lui nella sua casa di Milano, il pubblico diviso tra Palacinema (una cinquantina, ben distanziati e con mascherina) e chissà dove con lo streaming, la moderatrice, la giornalista Alessandra Coppola, presente in sala e l’ospite, lo scrittore Hanif Kureishi, a Londra.

Un misto presenza e virtualità che potrebbe diventare la “nuova normalità”. «Se ci sarà, una nuova normalità: è una cosa che incuriosisce anche me. Per ora mi sembra che viviamo in un’epoca di crisi permanente» ha affermato in un certo punto Kureishi, rispondendo a una domanda su come è cambiata la sua città.

Romanziere, drammaturgo e sceneggiatore, Kureishi è nato a Londra nel 1954 da padre pakistano e da madre inglese: autore sempre attento alle trasformazioni sociali, chi meglio di lui per cercare di portare un nuovo sguardo su questi giorni «tristi e tenebrosi»? Certo, ci troviamo in una situazione che «non ha precedenti, qualcosa che non è mai successo e che spero non succederà più», quindi «è inutile che lo chiediate a me, non sono la persona giusta per dire cosa sta accadendo». E in effetti qualche rassicurante luogo comune l’ha infilato, come il lockdown occasione per imparare qualcosa su sé stessi e sul mondo, il disagio di non vedere più i volti nascosti dalle mascherine, persino un accenno a chi si è ritrovato chiuso in casa con una persona con cui mai si sarebbe aspettato di restare 24 ore su 24 ore, facendo quasi temere di aver firmato la sceneggiatura di un film di Vanzina (soprattutto quando ha rassicurato di avere «una compagna italiana a cui voglio molto bene»).

Ma poi, ecco l’attento narratore che a una domanda sulla Londra del lockdown, con i solitari giri in bicicletta in zone solitamente trafficate, non solo si interroga sul futuro della città, con quartieri di uffici ancora deserti, ma anche sul suo presente, su quella gioia che lui, cresciuto in periferia, aveva provato quando si era trasferito a West London perché era una zona viva, «mentre con il tempo si è insterilita, troppi ricchi».

E ancora, l’osservatore della società multietnica che ricollega la paura istintiva che, per paura del contagio, proviamo verso gli sconosciuti che incontriamo per strada alla diffidenza che sempre hanno accompagnato le minoranze. Così il 2020 non è più solo l’anno della pandemia, ma anche l’anno di Black Lives Matter, di un nuovo modo di pensare la pelle bianca, all’avere la pelle di un altro colore, all’essere minoranza, ai privilegi, alla storia, ai nostri vissuti. «È un movimento che cambierà l’Occidente»: probabilmente un’esagerazione, ma forse è davvero il momento di affrontare i problemi del razzismo, di guardare la storia da un’altra angolazione, di costruire una nuova narrazione attraverso i mass media e, ovviamente, anche la letteratura.

Scontata, a questo punto, la domanda sui nuovi autori. Tutt’altro che scontata la risposta: «Non leggo i romanzi dei nuovi autori: guardo i film, guardo la tv, leggo saggi di storia, filosofia, sociologia ma i romanzi dei nuovi scrittori no, non so neanche io il perché ma mi sono stufato». Tuttavia, ha proseguito Kureishi, ci sono scrittori asiatici e africani che si sono affermati a livello mondiale e «ne sono felice perché la letteratura può progredire solo quando ci sono nuove voci, quando qualcuno afferma “che modo strano e interessante di scrivere”». È un bene che si aprano nuovi spazi, «che ci sia interesse per questi autori, così come è successo a me quando ero giovane».

Appunto, i giovani: Kureishi è docente di scrittura creativa, e le opere dei suoi studenti le legge ma «non sono abbastanza coraggiosi, tendono a volare basso mentre io li incoraggio a osare, a essere audaci». Anche perché abbiamo bisogno di nuove scritture, di nuove parole, di nuove metafore per raccontare il virus e la pandemia.«La lingua è sempre indietro: prima accade un evento e solo dopo si trovano le parole per descriverlo e noi adesso dobbiamo trovare il linguaggio per una cosa inusitata».

Concludiamo con quella che in realtà è stata la prima domanda di Alessandra Coppola: le ‘Grandi speranze’ che fanno da titolo a questa edizione degli Eventi letterari. Pensate per l’anniversario dickensiano – 150 anni dalla morte – con la pandemia hanno assunto un nuovo significato. «Al momento non abbiamo alcuna speranza» la risposta secca di Kureishi. Certo, magari chiuso in casa c’è qualcuno che ha scritto o sta scrivendo ancora e verranno fuori quelle nuove, importanti narrazioni di cui abbiamo bisogno. «MMa io durante il primo lockdown ho scritto pochissimo, e lo stesso anche per i miei amici scrittori». Solo questa estate ha ritrovato la voglia di scrivere: il testo per uno spettacolo teatrale che doveva debuttare a dicembre a Torino: ‘The Spank’, la sculacciata, con Filippo Dini. «È incoraggiante lavorare, pensare a un progetto», anche se al momento pare difficile che i teatri riapriranno in tempo.

Eppure, nonostante si avvicini un lockdown più buio del primo, per la stagione e per lo spirito, nonostante la Brexit che sigilla il declino del Regno Unito, alla fine Kureishi si è detto ottimista: «Siamo alla fine di un’epoca, ma ci possiamo inventare qualcosa di nuovo: non è detto che dobbiamo essere una nazione ricca e potente, possiamo riorganizzare su altri valori come la comunità, l’uguaglianza, la libertà, l’integrazione delle minoranze».

© Regiopress, All rights reserved