al-jazz-cat-club-torna-la-musica-anche-in-cinquanta
'Ma quanno ascimmo fora sarra' primavera' (Tullio De Piscopo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Moda
1 ora

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
1 ora

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno 75
4 ore

Per finire, tutti i film premiati nelle sale del Festival

In speciali proiezioni ad accesso gratuito, domenica 14 agosto il palmarès ‘in omaggio’
Culture
6 ore

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
7 ore

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
11 ore

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
13 ore

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
L’intervista
16 ore

Sophie Marceau e le donne ‘di tutti i tempi’

Era in Piazza con ‘Un femme de notre temps’. Convive pacifica col manifesto generazionale che la lanciò, crede nel lavoro ‘ma è più utile l’esperienza’.
Locarno 75
23 ore

Fuori concorso una ‘Candy Land’ senza sconti

Crudele e spietato, diversi spettatori hanno lasciato la sala durante la proiezione. Ma il limite è la poca originalità registica
Musica
23 ore

Addio a Lamont Dozier, leggenda del soul

Fu uno dei più grandi cantanti soul della Motown, è morto all’età di 81 anni. Suoi i brani più famosi delle Supremes
Locarno 75
23 ore

In Piazza Grande la fine del ‘Tempo delle mele’

Da ‘Une femme de notre temps’ di Civeyrac, con Sophie Marceau quale attrice protagonista, emergono alcune criticità confessate dal regista stesso
Scienze
1 gior

In Asia i coronavirus selvatici infettano 60’000 persone l’anno

Nella quasi totalità dei casi i virus trasmessi dai pipistrelli non sono in grado di replicarsi e trasmettersi in maniera efficiente nell’uomo
Chilometro zero
1 gior

Sulla diffrazione poetica, incontro alla darsena del Parco Ciani

Serata con Maurizio Chiaruttini e il poeta Antonio Rossi, giovedì 11 agosto, dalle 18, alla darsena
Musica
1 gior

Il Duo Ferrazzini-Hauri in concerto a Ceresio Estate

Padre e figlio, violoncellisti, proporranno il loro concerto domenica 14 agosto, dalle 19, alla chiesa San Tommaso di Agra
Spettacoli
1 gior

Poesia e musica al Cima Norma Art Festival

Sabato 13 agosto, dalle 20, a Torre una serata dedicata a letture in versi con Fabio Pusterla, seguita dalla performance di Frigeri e dalla musica di Lanz
Locarno 75
1 gior

Al cubano ‘Moa’ e al venezuelano ‘Muchachos’ l’Open Doors Award

Si è svolta questa mattina la cerimonia di premiazione della sezione che va alla scoperta di nuove cinematografie in America Latina e nei Caraibi
Sostiene Morace
1 gior

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
31.10.2020 - 21:20

Al Jazz Cat Club torna la musica. 'Anche in cinquanta'

Ad Ascona e pure a Bellinzona. Si comincia il 17 novembre con De Piscopo-Moroni-Zunino nel tributo a Pino Daniele. A colloquio con Nicolas Gilliet.

Anche sul Jazz Cat Club aleggia lo spettro di quei cinquanta spettatori che da ieri pomeriggio qualcuno s’immagina mentre si spostano di teatro in teatro, quasi scelti dal destino, per far saltare le stagioni. Per Nicolas Gillet, i cinquanta ‘guastafeste’ (non hanno alcuna colpa, si fa dell’ironia, finché si può) saranno i benvenuti, così come gli artisti tra il Teatro del Gatto di Ascona e il Sociale di Bellinzona, nella sua Stagione Speciale. «Come la definirei? ‘Work in progress’, perché in ogni momento cambia qualcosa. È un nuovo inizio, per questo l’ho chiamato ‘Programma speciale’». Perché, in poche parole – e dopo quanto deciso ieri dalla Confederazione – «non si sa dove vai a finire. Ma quando la situazione si normalizzerà potremo tornare con nuove proposte».

La stagione 20-21 del Jazz Cat Club va da novembre a marzo. C’è modo di sperare, addirittura, che lo show che apre le danze possa arrivare a misure d’emergenza meno d’emergenza. ‘Around Pino’ è infatti il primo atto, martedì 17 novembre (due show, alle 19 e alle 21). ‘Around Pino’, lo dice in nome di battesimo, è il tributo a Pino Daniele portato sul palco da Tullio De Piscopo alla batteria – nello splendido ‘Vai mo’’ e molto altro – da Aldo Zunino al basso e Dado Moroni al pianoforte. «La mia conoscenza con Dado – racconta Nicolas – risale a quando avevo quattordici anni e andavo a sentirlo suonare a Zurigo, al Widder Bar, dov’era quasi pianista di casa. Comprai i suoi dischi, al tempo introvabili. In due di questi Dado suonava proprio con Tullio De Piscopo. In uno, al basso c’era Julius Farmer, musicista di New Orleans che ora non c’è più, e nell’altro Niels-Henning Ørsted Pedersen, storico bassista di Oscar Peterson. Quando su facebook ho visto Moroni e De Piscopo insieme mi ci sono buttato. Ho pensato fosse il concerto per ricominciare, per entusiasmare il pubblico dopo quello che è successo». ‘Around Pino’ è anche la maniera migliore per riportare in vita il Pino Daniele grande musicista: «Non a caso suonava con i migliori della scena internazionale, quasi tutti jazzisti».

Karima, Cyrille, Ellen

C’è tanto pianoforte lungo un cartellone che vedrà a Bellinzona il grande Antonio Faraò e il suo International Trio (lunedì 23 novembre alle 20.45 al Sociale di Bellinzona), ma anche Christian Willisohn con Uli Wunner al sax, venerdì 4 e sabato 5 dicembre alle 20.30 al Gatto. E Piero Frassi, che proprio al pianoforte accompagna Karima, ‘pupilla’ di Gilliet (ma anche di Burt Bacharach, che per lei ha scritto): «Ho registrato a Losone il suo ultimo disco, che ha poi preso il volo, portato avanti da Universal e ora stampato in Cina, un gran bel percorso». Karima sarà al Sociale con l’anno nuovo, mercoledì 20 gennaio alle 20.45.

Quote rose rispettate al Jazz Cat Club, che – un passo indietro – venerdì 18 e sabato 19 dicembre alle 20.30 al Gatto presenta (con Ludo Allainmat al pianoforte) Paddy Sherlock, voce e trombone, ed Ellen Birath, un ritorno ad Ascona: «Prima del Covid – spiega Gilliet – Ellen era la cantante più ricercata nei jazz club parigini. Fa cose r’n’b ma viene da Ella Fitzgerald, Billie Holiday e ha un programma misto in cui attinge dal loro repertorio e da quello di Louis Armstrong, misti a cose più r’n’b, intriganti. Credo che questa musica sia ciò di cui abbiamo bisogno adesso. Magari non la spensieratezza, ma grande qualità e intrattenimento. Perché la musica è anche intrattenimento, e far muovere il piede». E poi c’è Cyrille Aimée, voce francese che vive negli Stati Uniti, nominata ai Grammy quest’anno. Che è un recupero della stagione saltata: «Non mi piace lasciar cadere i concerti come se non fosse successo nulla. Ci tengo a essere corretto nei confronti degli artisti, dei soci del club, degli sponsor».

Potere della musica

Il Jazz Cat Club inventato da Gillet è ormai un adolescente, ma molto responsabile e dagli ottimi gusti musicali: «Tredici anni fa mi sono detto quanto fosse assurdo avere solo dieci giorni di JazzAscona e veder scomparire il jazz per il resto dell’anno. In quel periodo coltivavo anche una certa voglia d’indipendenza, volevo uscire dall’etichetta di tradizionalista che a volte mi veniva affibbiata. Col Jazz Cat Club mi potevo liberare da alcuni paletti, integrandomi in modo più deciso nel quadro europeo delle tournée, e far parte di un sistema più ampio di quello festivaliero, spalmato su soli dieci giorni». E anche con quei cinquanta che girano di teatro in teatro, garantisce Nicolas, il Jazz Cat si farà: «Sì, è al momento è vitale. Il rischio organizzativo c’è sempre, ma bisogna restare realisti, andare con una certa cautela che tuteli me e il musicista. E il rapporto che ho con questi splendidi artisti mi consente di riproporli più avanti, eventualmente, se il Covid dovesse mettersi di traverso». Segno di una stima che Gilliet si è meritato negli anni. Potere della musica (il programma completo su www.jazzcatclub.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved