laRegione
al-jazz-cat-club-torna-la-musica-anche-in-cinquanta
'Ma quanno ascimmo fora sarra' primavera' (Tullio De Piscopo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
12 ore

Addio a Daria Nicolodi, con Dario Argento nella vita e nei film

Attrice e sceneggiatrice, madre di Asia, ha lavorato con il regista romano in molti dei suoi film storici, da 'Profondo rosso' a 'Opera'
Jazz
13 ore

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song
Cult
20 ore

'Vacanze di Natale', il cinepanettone diventa libro

Il libro ripercorre la gestazione e la realizzazione di una pellicola entrata ormai nell'olimpo dei cult
Il caso
22 ore

Fare la spesa in modo sexy: è bufera sulla Rai

Proteste sui social e nel mondo politico per un tutorial che spiega come fare la spesa in modo sensuale, andato in onda a 'Detto Fatto'
Castellinaria
1 gior

Nonostante la nebbia. Nonostante Paskaljevic

Fuori concorso a Castellinaria l'ultimo film del regista e sceneggiatore serbo: un non sempre convincente dramma psicologico sui minori non accompagnati
Cinema
1 gior

Jennifer Grey su Patrick Swayze: 'Insostituibile'

L'attrice parla del sequel di 'Dirty Dancing', che la vedrà di nuovo nei panni di Frances 'Baby' Houseman, ma senza l'attore morto nel 2009.
Musica
1 gior

'Tra jazz e nuove musiche', in radio e in streaming

Primo appuntamento giovedì 26 novembre alle 21 negli studi di Lugano-Besso, in collaborazione con Jazz in Bess, con il trio Feigenwinter-Oester-Pfammatter
Musica
1 gior

Mina: esce 'Italian Songbook', la prima di sei antologie

Il primo capitolo è stato presentato da Massimiliano Pani, produttore 'della più famosa sconosciuta d'Italia', come la chiama lui.
Spettacoli
1 gior

Molestie alla Rsi, Canetta: procedure interne da migliorare

Il direttore sulle 32 segnalazioni di comportamenti impropri: capire perché non siano emerse prima ‘è il grande tema’
Musica
1 gior

Andrea Bignasca, vecchio lupo di mare

Un altro singolo, ‘Most Times’ aspettando l'album, ‘Keep Me From Drowning’, in cui il songwriter è 'un po' marinaio e un po' naufrago' (tra il Ticino e l'Atlantico)
Televisione
1 gior

Molestie Rsi, già 32 segnalazioni: indagherà un'istanza esterna

Si moltiplicano i comportamenti impropri segnalati al sito appositamente allestito. Il direttore Maurizio Canetta: 'Anche un solo caso, sarebbe già di troppo'
Musica
1 gior

'Electro Acoustic Room', il microfono come microscopio

Per il secondo appuntamento, venerdì 27 novembre alle 18.30, l'Aula Magna del Conservatorio ospita il 'Nano-Cosmos' della compositrice Ana Dell'Ara-Majek.
Arte
1 gior

Capolavori per tutte le tasche: Wopart è 'Virtual Fair'

Sono 400 esemplari, 'esposti' alla Fiera internazionale di Lugano dedicata prevalentemente a opere d’arte su carta. Che si apre giovedì 26 novembre alle 15.
Lirica
1 gior

'La Magia del Natale', ad Arbedo con Bonomi-Cattaneo-Greppi

Il concerto lirico, che ha nel suo programma i brani sacri e i canti natalizi più amati, si tiene domenica 6 dicembre alle 17 nella Chiesa di San Giuseppe
Teatro Sociale
1 gior

Per 'Zona 30', Leproust e Berman nel 'Klaus Nomi Project'

L'omaggio a una delle figure più singolari della New Wave americana nello spettacolo scritto e diretto da Pierre Lepori
Società
2 gior

Contro la violenza sulle donne mettiamoci la faccia

Parte oggi la ‘16 Days Campaign’, che porta al 10 dicembre, Giornata dei diritti umani. L'iniziativa congiunta DAISI e Fondazione Diritti Umani Lugano
Castellinaria
2 gior

A Castellinaria la storia di Jack e di suo fratello down

Il regista Stefano Cipani ci racconta ‘Mio fratello rincorre i dinosauri’, tratto da una storia vera
Spettacoli
31.10.2020 - 21:200

Al Jazz Cat Club torna la musica. 'Anche in cinquanta'

Ad Ascona e pure a Bellinzona. Si comincia il 17 novembre con De Piscopo-Moroni-Zunino nel tributo a Pino Daniele. A colloquio con Nicolas Gilliet.

Anche sul Jazz Cat Club aleggia lo spettro di quei cinquanta spettatori che da ieri pomeriggio qualcuno s’immagina mentre si spostano di teatro in teatro, quasi scelti dal destino, per far saltare le stagioni. Per Nicolas Gillet, i cinquanta ‘guastafeste’ (non hanno alcuna colpa, si fa dell’ironia, finché si può) saranno i benvenuti, così come gli artisti tra il Teatro del Gatto di Ascona e il Sociale di Bellinzona, nella sua Stagione Speciale. «Come la definirei? ‘Work in progress’, perché in ogni momento cambia qualcosa. È un nuovo inizio, per questo l’ho chiamato ‘Programma speciale’». Perché, in poche parole – e dopo quanto deciso ieri dalla Confederazione – «non si sa dove vai a finire. Ma quando la situazione si normalizzerà potremo tornare con nuove proposte».

La stagione 20-21 del Jazz Cat Club va da novembre a marzo. C’è modo di sperare, addirittura, che lo show che apre le danze possa arrivare a misure d’emergenza meno d’emergenza. ‘Around Pino’ è infatti il primo atto, martedì 17 novembre (due show, alle 19 e alle 21). ‘Around Pino’, lo dice in nome di battesimo, è il tributo a Pino Daniele portato sul palco da Tullio De Piscopo alla batteria – nello splendido ‘Vai mo’’ e molto altro – da Aldo Zunino al basso e Dado Moroni al pianoforte. «La mia conoscenza con Dado – racconta Nicolas – risale a quando avevo quattordici anni e andavo a sentirlo suonare a Zurigo, al Widder Bar, dov’era quasi pianista di casa. Comprai i suoi dischi, al tempo introvabili. In due di questi Dado suonava proprio con Tullio De Piscopo. In uno, al basso c’era Julius Farmer, musicista di New Orleans che ora non c’è più, e nell’altro Niels-Henning Ørsted Pedersen, storico bassista di Oscar Peterson. Quando su facebook ho visto Moroni e De Piscopo insieme mi ci sono buttato. Ho pensato fosse il concerto per ricominciare, per entusiasmare il pubblico dopo quello che è successo». ‘Around Pino’ è anche la maniera migliore per riportare in vita il Pino Daniele grande musicista: «Non a caso suonava con i migliori della scena internazionale, quasi tutti jazzisti».

Karima, Cyrille, Ellen

C’è tanto pianoforte lungo un cartellone che vedrà a Bellinzona il grande Antonio Faraò e il suo International Trio (lunedì 23 novembre alle 20.45 al Sociale di Bellinzona), ma anche Christian Willisohn con Uli Wunner al sax, venerdì 4 e sabato 5 dicembre alle 20.30 al Gatto. E Piero Frassi, che proprio al pianoforte accompagna Karima, ‘pupilla’ di Gilliet (ma anche di Burt Bacharach, che per lei ha scritto): «Ho registrato a Losone il suo ultimo disco, che ha poi preso il volo, portato avanti da Universal e ora stampato in Cina, un gran bel percorso». Karima sarà al Sociale con l’anno nuovo, mercoledì 20 gennaio alle 20.45.

Quote rose rispettate al Jazz Cat Club, che – un passo indietro – venerdì 18 e sabato 19 dicembre alle 20.30 al Gatto presenta (con Ludo Allainmat al pianoforte) Paddy Sherlock, voce e trombone, ed Ellen Birath, un ritorno ad Ascona: «Prima del Covid – spiega Gilliet – Ellen era la cantante più ricercata nei jazz club parigini. Fa cose r’n’b ma viene da Ella Fitzgerald, Billie Holiday e ha un programma misto in cui attinge dal loro repertorio e da quello di Louis Armstrong, misti a cose più r’n’b, intriganti. Credo che questa musica sia ciò di cui abbiamo bisogno adesso. Magari non la spensieratezza, ma grande qualità e intrattenimento. Perché la musica è anche intrattenimento, e far muovere il piede». E poi c’è Cyrille Aimée, voce francese che vive negli Stati Uniti, nominata ai Grammy quest’anno. Che è un recupero della stagione saltata: «Non mi piace lasciar cadere i concerti come se non fosse successo nulla. Ci tengo a essere corretto nei confronti degli artisti, dei soci del club, degli sponsor».

Potere della musica

Il Jazz Cat Club inventato da Gillet è ormai un adolescente, ma molto responsabile e dagli ottimi gusti musicali: «Tredici anni fa mi sono detto quanto fosse assurdo avere solo dieci giorni di JazzAscona e veder scomparire il jazz per il resto dell’anno. In quel periodo coltivavo anche una certa voglia d’indipendenza, volevo uscire dall’etichetta di tradizionalista che a volte mi veniva affibbiata. Col Jazz Cat Club mi potevo liberare da alcuni paletti, integrandomi in modo più deciso nel quadro europeo delle tournée, e far parte di un sistema più ampio di quello festivaliero, spalmato su soli dieci giorni». E anche con quei cinquanta che girano di teatro in teatro, garantisce Nicolas, il Jazz Cat si farà: «Sì, è al momento è vitale. Il rischio organizzativo c’è sempre, ma bisogna restare realisti, andare con una certa cautela che tuteli me e il musicista. E il rapporto che ho con questi splendidi artisti mi consente di riproporli più avanti, eventualmente, se il Covid dovesse mettersi di traverso». Segno di una stima che Gilliet si è meritato negli anni. Potere della musica (il programma completo su www.jazzcatclub.ch).

© Regiopress, All rights reserved