laRegione
i-pardi-di-domani-vanno-in-tour
Locarno Film Festival
26.10.2020 - 19:280
Aggiornamento : 19:47

I Pardi di domani vanno in tour

Da novembre a maggio, in tutta la Svizzera, i corti del Locarno 2020 vanno in sala: è il Festival a fianco dell'industria, dei registi e delle sale.

È un'invasione pacifica. Ma il Locarno Film Festival si dice "pronto a invadere la Svizzera". Lo farà da novembre a maggio 2021 a colpi di cortometraggi. In quello che è un prolungamento del 30esimo compleanno della sezione, i Pardi di domani porteranno in tour per il Paese i film dell’edizione 2020: otto date, per otto sale, per otto città; per un totale di quarantatré film. Si comincia da Winterthur giovedì 5 novembre all'interno del 24esimo Kurzfilmtage-Winterthur; a Ginevra due giorni dopo (sabato 7), all'interno del GIFF, e a Zurigo il 16 dicembre. Nel 2021, il tour prosegue a Basilea, Losanna, Lucerna, Friborgo e Berna.

Tre mesi dopo l’edizione speciale Locarno 2020 - For the Future of Films, il Festival conferma così la sua presenza al fianco dell’industria, delle sale indipendenti e degli autori, garantendo ai film di vivere nel suo ambiente naturale: la sala. A Winterthur, in casa dei curatori della Notte del cortometraggio (al GranRex di Locarno sabato 31 ottobre), saranno proiettati 'Memby' di Rafael Castanheira Parrode, 'Gramercy' di Pat Heywood e Jamil McGinnis, 'Nha Mila' di Denise Fernandes, 'O Black Hole!' di Renee Zhan, 'A Boring Film' di Mahde Hasan. A Ginevra, invece: 'Parcelles S7' di Abtin Sarabi, 'Fish Bowl' di Ngabo Emmanuel, 'The De Facto Martyr Suite' di Justine de Gasquet, 'Retour à Toyama' di Atsushi  Hirai, 'Pacífico Oscuro' di Camila Beltrán

Il tour avrà per protagonisti anche alcuni degli autori dei cortometraggi svizzeri che, a eccezione della prima di Winterthur, presenzieranno a tutte le tappe per vivere un momento di scambio con il pubblico in sala. Con loro anche Tizian Büchi, membro del comitato di selezione dei cortometraggi del programma Locarno 2020 che presenterà alcune delle tappe del tour. Tutte le informazioni a questo indirizzo.

© Regiopress, All rights reserved