festival-la-direzione-artistica-secondo-nadia-dresti
Nadia Dresti (Locarno film festival)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
13 ore

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
1 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
1 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
1 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
1 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
1 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
1 gior

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
1 gior

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
1 gior

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
1 gior

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
1 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
2 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
2 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
2 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Locarno film festival
laR
 
05.10.2020 - 18:32

Festival, la direzione artistica secondo Nadia Dresti

Nominata direttrice ad interim, l’ex responsabile di Locarno Pro spiega il profilo ideale per guidare il festival: conoscere il cinema e avere i contatti giusti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Chi dirigerà il Locarno film festival? Dopo la brusca partenza di Lili Hinstin, annunciata a fine settembre, il Consiglio direttivo ha condotto una “prima e approfondita analisi”, come si legge nel comunicato stampa. Ma se in questa analisi è contenuto un nome, lo si saprà nelle prossime settimane, quando si riunirà il Consiglio d’amministrazione del festival. Nel frattempo, una nomina c’è stata: quella di Nadia Dresti a direttrice artistica ad interim.

Un incarico, specifica la diretta interessata, volto unicamente a garantire la continuità operativa. E non c’è dubbio che Dresti la conosca bene, la realtà del festival: nel 2000 ha dato vita al settore Industry, oggi Locarno Pro (anch’esso in attesa di un nuovo responsabile dopo la partenza di Valentina Merli), ricoprendo il ruolo di International Advisor dopo la nomina a direttrice della Ticino film commission (incarico che, tornando momentaneamente a tempo pieno al festival, lascia: a breve si aprirà un concorso pubblico per il successore).

Sempre nel segno della continuità, sono state annunciate nuove nomine: la vicedirettrice operativa Simona Gamba avrà il compito di espandere le attività digitali del festival oltre i tradizionali confini temporali e geografici dell’evento, mentre Giada Peter sarà responsabile della comunicazione.

Da Locarno Pro, che ha creato e diretto per anni, a International Advisor e adesso alla direzione artistica ad interim.

Sono anche già stata vicedirettrice artistica, per cui conosco bene il funzionamento dell’ufficio programmazione. Ma il mio ruolo sarà garantire la continuità, mi occuperò della quotidianità della direzione artistica: di sicuro non inizierò a selezionare film, cosa che spetta al futuro direttore artistico, o alla futura direttrice artistica. Non è il mio ruolo e sarebbe ingiusto verso chi arriverà: mi occuperò della continuità sia della parte artistica, sia di Locarno Pro, perché a livello internazionale le richieste continuano ad arrivare, bisogna rispondere agli inviti.

Non sarà quindi una direzione artistica completa.

No, e non è mia intenzione diventare direttrice artistica: non è mia ambizione perché non è il mio profilo, io sono vicina all’industry, la mia forza non è l’artistico ma più legata all’economia, al mercato cinematografico. E sono sicura che con un direttore o una direttrice con competenze artistiche come tutti quelli che abbiamo avuto, e con una persona che farà quello che facevo io a Locarno Pro, il Festival di Locarno potrà solo continuare a crescere.

Un interim di “gestione corrente”, quindi. 

Esattamente: un lavoro per il quale servono determinate competenze. Per questo motivo hanno chiamato me: per assicurare la continuità, per chiarire che il Festival non è in balia degli eventi.

Quanto tempo pensa di restare come direttrice ad interim?

Della nomina si occupa il Consiglio direttivo, del quale non faccio parte. Ma penso che in un mese o due la nuova direzione sarà nominata e che per gennaio la persona scelta sarà operativa. Poi tutto è possibile e se avranno bisogno di me, con il ruolo di direttrice a interim, un mese in più io ci sono. Poi tornerò a essere International Advisor come prima.

Però lascia il posto di direttrice della Ticino Film Commission.

Continuerò la collaborazione anche con loro, come consulente. La richiesta di Marco Solari mi ha un po’ dato la scossa per dire: “Ecco, sono riuscita a dare alla Film Commission una dimensione internazionale, posso tranquillamente lasciare la direzione a un’altra persona”. Restando, ripeto, vicina, come advisor: penso che le mie competenze siano più utili così.

Si aprono adesso tre posizioni: direzione artistica del Festival e di Locarno Pro; direzione della Ticino Film Commission. Secondo lei quali sono i profili ideali?

Il direttore, o la direttrice, di Locarno deve essere innanzitutto una persona che conosce il cinema: cinefilo, o cinefila, ma anche con una sensibilità per il pubblico perché non dobbiamo dimenticare Piazza Grande. Diciamo un amante del cinema a 360 gradi e che abbia già un ‘carnet d'adresses’, che disponga di buoni contatti a livello internazionale.

Per la Ticino Film Commission, invece, occorre una persona che abbia contatti con il resto della Svizzera e con l’Europa, per portare le riprese nel nostro territorio. Era questa la mia forza: convincere le varie produzioni che è meglio girare in Ticino che non in un altro posto.

Contatti principalmente europei, per la Film Commission?

Sì: il Festival è molto internazionale per cui lì serve anche Asia, America Latina. Ma per la Ticino Film Commission è difficile che uno venga dall’America a girare in Ticino, a parte il James Bond sulla diga della Verzasca…

Per Locarno Pro?

Sicuramente una conoscenza dell’industria internazionale, dei mercati. Locarno ha un livello troppo alto per non avere dei professionisti in queste posizioni chiave: si tratta di specializzazioni del mestiere del cinema che è difficile trovare in Ticino o in Svizzera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved