laRegione
monsieur-pigeon-una-storia-d-amore-e-di-solitudine
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
8 ore

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
20 ore

Il Volo omaggia il Maestro nella sua Roma

Il 'Tribute to Ennio Morricone' del trio del belcanto si terrà a giugno davanti alla basilica di San Pietro. E poi l'omonimo album.
Spettacoli
1 gior

A Chiasso il Cinema Teatro prepara il 'Piano D'

Il direttore Armando Calvia: 'Decisioni difficili da digerire, ma non possiamo certo stare con le mani in mano'
Arte
1 gior

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.
Teatro
1 gior

Crivellaro: 'Troveremo alternative, ma il teatro non è streaming'

'È incontro tra esseri umani. Approfitteremo per ragionare su cosa manca e su cosa è diventato', commenta il direttore artistico del Teatro di Locarno.
Teatro
1 gior

Cinquanta in sala, non di più. Helbling, Sociale: 'Una mazzata'

'Decisione presa per la salute pubblica – commenta il direttore del teatro bellinzonese – ma credo si sia sottovalutata l’efficacia dei piani di protezione'.
Musica
1 gior

Fabrizio De André: 'La buona novella' diventa un fumetto

La Fondazione ha acconsentito a far pubblicare in un libro a fumetti i testi originali dell'album, accostati ai disegni del visual artist Paolo Castaldi.
Osa!
1 gior

'In-canta l'attimo', due giorni di musica a chilometro zero

Rossana Taddei, Vent Negru, Raissa Avilés, il Duo Orifici-Boldre e tanti altri nella nuova rassegna all'interno di 'Voci audaci' di Osa!
Spettacoli
1 gior

I solisti di Sasso Corbaro con 'Passione' ad Arbedo

Domenica 8 novembre nella Sala Multiuso, il tenore e sassofonista arbedese Mauro Bonomi con Giovanni Bonariva alla fisarmonica e un quintetto di archi
Spettacoli
21.09.2020 - 16:250

Monsieur Pigeon, una storia d’amore e di solitudine

Al cinema il bel documentario di Antonio Prata dedicato a Giuseppe, senzatetto dal grande cuore

È un personaggio sfuggente, Giuseppe, protagonista del documentario ‘Monsieur Pigeon’ di Antonio Prata. Lo vediamo, con il suo furgone bianco in cui vive, mentre si prende cura dei piccioni del centro di Parigi: intuiamo a grandi linee la sua storia, qualcosa del suo passato la dice lui stesso, ma i dettagli rimangono nascosti, dietro questa figura del “signore dei piccioni” che, con delicatezza e rispetto, il regista ci fa conoscere, alternando le premurose attenzioni che l’uomo presta agli uccelli alle invelenite testimonianze dei residenti del ricco quartiere parigino – siamo a pochi passi dal Beaubourg – che mal lo sopporta..

Dopo le Giornate del cinema di Soletta lo scorso febbraio, il documentario di Prata arriva finalmente nelle sale ticinesi, nella tradizionale rassegna dei cineclub dedicata al cinema svizzero (domani sera all’Iride di Lugano; il 23 settembre, al Ciak di Mendrisio e il 28 al Gran Rex di Locarno). Un arrivo accompagnato da un premio: quello per il miglior documentario al festival Signs of the Night di Bangkok. «Si tratta di un piccolo festival indipendente, che punta sulla ricerca, sulla sperimentazione» ci spiega Antonio Prata. Ma quello che forse sta più a cuore al regista è che si tratta di un festival itinerante che, dopo Bangkok, ha toccato Berlino e, a ottobre, andrà proprio a Parigi «cosa che mai avrei immaginato, un anno fa». Purtroppo «a causa della pandemia, gli organizzatori si sono dovuti spostare in una sala un po’ in periferia: mi piacerebbe andare lì per accompagnare il film, ma non è possibile» (la Svizzera ha da poco dichiarato l’Île-de-France regione a rischio elevato di contagio).

Dicevamo di Giuseppe, personaggio sfuggente: non un semplice clochard – ammesso che esistano, “semplici clochard” –, ma una persona dalla grande sensibilità e dignità. E difficile da avvicinare: Antonio Prata l’ha conosciuto grazie al lavoro di Nevia Elezovic, fotografa luganese che a Giuseppe ha dedicato una mostra, con delle istantanee in bianco e nero. “Quando ho visto quelle foto ho subito chiesto a Nevia di farmi conoscere “Monsieur Pigeon”, e dieci giorni dopo siamo andati a Parigi» racconta Prata. Come è stato il primo incontro? «È una persona certamente spigolosa, e non credo sia stata la strada ad averlo reso così. Certamente hanno avuto il loro peso, gli anni trascorsi in questa maniera, oltretutto nel centro in una città come Parigi dove le cose non sono affatto semplici come si potrebbe pensare. La violenza, verbale e fisica, che ha dovuto subire e subisce ancora, è tanta. Ma credo che fosse severo e spigoloso anche prima di arrivare nella strada… oppure, come ho voluto pensare io e come ho cercato di raccontare nel film, semplicemente era una persona troppo buona, con un cuore troppo grande per sopportare i tradimenti subiti». I dettagli 

Il documentario non si sofferma sui dettagli: il tradimento che interessa ad Antonio Prata non è tanto quello della famiglia o degli amici, ma quello più generale dell’umanità, della vita. «Non ho mai chiesto direttamente, so che non viveva più con la moglie, so che ha due figli ormai adulti con cui non ha più contatti – e del resto non è semplice, per un figlio, accettare che il proprio padre finisca in quel modo – ma non mi sono voluto addentrare in queste vicende, è un modo di guardare, di raccontare le persone che non mi convince: ho voluto portare una visione mia, magari lontana dalla realtà, ma mia». Un’idealizzazione, forse, ma una cosa comunque Antonio Prata l’ha chiara: «Non posso credere sia semplicemente una malattia, un problema causato da un trauma: quella di Giuseppe è una storia di solitudine, se vuoi anche di amore – amore verso i piccioni, perché non riesce più ad amare gli esseri umani. E la domanda, per noi, diventa: come si fa a non prendersi cura di una persona che dona così tanto amore a degli esseri viventi?».

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved