il-leone-d-oro-durante-la-pandemia-a-nomadland
Cate Blanchett, presidente della Giuria (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi, Microcinema
6 ore

‘Sette, sono i magnifici’

Dai boschi del Malcantone alle sale milanesi, da Kurosawa a Sturges, da Venezia al cinema Eden di Carpi, storie di film che portano altri film
Cinema
11 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
11 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
11 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
11 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
12 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
13 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
13 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
14 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
17 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
13.09.2020 - 18:37
Aggiornamento: 14.09.2020 - 12:05
di Ugo Brusaporco

Il Leone d’oro durante la pandemia a ‘Nomadland’

La Giuria di Venezia si è espressa. E dire che tutto era previsto è persino banale, spiega il nostro inviato Ugo Brusaporco

La Giuria di Venezia 77, presieduta da Cate Blanchett e composta da Matt Dillon, Veronika Franz, Joanna Hogg, Nicola Lagioia, Christian Petzold e Ludivine Sagnier, dopo aver visionato i 18 film in competizione ha deciso di premiarne 8 e dire che tutto era previsto è persino banale.

Il Leone d’oro per il miglior film è andato a ‘Nomadland’ di Chloé Zhao (Usa), un omaggio all’arte di attrice di Frances McDormand, protagonista del film, ma soprattutto è una precisa scelta che omaggia un femminile che politicamente non disturba. Non perché il film di Chloé Zhao non sia meritevole di encomio, ma più che prendere una posizione su un dramma sociale come il nomadismo dovuto alla crisi economica, il film prende la via di celebrare una nuova frontiera trasformando il dramma di tanti nell’eroismo di pochi. E la sua frontiera ha i paesaggi classici del western. Da Fort Apache a Amazon, forse il tema meritava di più, ma è più facile premiare un film dal passo malinconicamente felpato come questo, piuttosto di un film che costringe a prendere posizione e a far pensare come ‘Und morgen die ganze Welt’ (E domani un altro mondo) di Julia von Heinz, l’unico film che ha guardato ai giovani di oggi in un concorso pieno di vecchio dire.

Se la Giuria non avesse scelto il metro della pari opportunità, la scelta per il Leone d’oro sarebbe stata una lotta tra ‘Nuevo Orden’ di Michel Franco (Messico, Francia) e ‘Spy No Tsuma’ (Moglie di una spia) di Kiyoshi Kurosawa. Invece al primo è andato il Leone d’argento - Gran Premio della Giuria mentre Kurosawa aspetta in Giappone il suo Leone d’argento - Premio per la migliore regia. Ecco, il fatto che molti autori e personaggi non abbiano potuto accompagnare il loro film è stato uno dei punti più deboli di questa Mostra che, al di là delle dichiarazioni di routine, ha pagato a caro prezzo questa edizione blindata, proprio per l’assordante silenzio attorno ai film,  a parte quelli italiani e ai pochi americani. Si è evidenziato un pericoloso provincialismo ed è esploso forte il problema di una totale mancanza generale di cultura cinematografica, che per un Festival dovrebbe essere la base di conoscenza per chi vi partecipa. In realtà Venezia fino ad oggi e ancora, nonostante il Covid, ha e offre una visione da tappeti rossi del suo essere Festival del Cinema.

Il Premio speciale della Giuria è andato al russo ‘Dorogie Tovarischi!’ (Cari Compagni!) che Andrei Konchalovsky ha dedicato al massacro di Novočerkassk, uno dei momenti più bui della dittatura krusceviana, un film sull’ideologia, sulla Storia, sul problema delle fosse comuni che ha segnato il XX secolo, peccato che l’attenzione del regista si fermi alla superficie di questi tem. Molto più meritato è il Premio per la migliore sceneggiatura a Chaitanya Tamhane per ‘The Disciple’ (India). È stato questo un film importante per una meditazione sul senso dell’arte cinematografica, non dimentichiamo che questo festival un tempo non si vergognava di dirsi di “Arte cinematografica”; con Kiyoshi Kurosawa il regista indiano è il solo del concorso a non avere un narrativo dire televisivo e a mantenere sempre una struttura cinematografica dell’espressione.

La Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile va a Vanessa Kirby, protagonista nel film di Kornél Mundruczó ‘Pieces of a woman’, una bella coproduzione tra Canada e Ungheria. Vanessa Kirby era protagonista anche di un altro film, il deludente ‘The World To Come’ di Mona Fastvold, in cui anche la sua recitazione non brillava, ma qui è veramente molto intensa e brava. Finalmente al Paese ospitante, l’Italia, che aveva quattro film in concorso, è stata dato un premio: la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. L’ha guadagnata Pierfrancesco Favino per il suo lavoro nel film ‘Padrenostro’ di Claudio Noce. Il peggior film in concorso, e il signor Favino con la sua fissità attoriale, incapacità espressiva, ha ben contribuito alla sua pochezza. Di certo Orkhan Iskandarli grande interprete del film di Hilal Baydarov ‘Səpələnmiş Ölümlər Arasinda’ (Tra una morte e l’altra) avrebbe meglio onorato il premio. Il Premio Marcello Mastroianni a Rouhollah Zamani grande protagonista del film iraniano ‘Khorshid’ (Sun Children) di Majid Majidi ha il merito di non far dimenticare un film che parla della gioventù tradita, del dramma di essere migranti non accettati, del nostro tempo qualche volta miserabile.

La sezione Orizzonti ha avuto come Miglior Film l’ iraniano ‘Dashte Khamoush’ (The Wasteland) di Ahmad Bahrami. Di tratta di un film che celebra il lavoro, il regista aveva detto che “il film è un omaggio a mio padre e a tutti coloro che, in ogni parte del mondo, lavorano duramente. Quei lavoratori senza i quali la civiltà degli uomini non avrebbe raggiunto l’attuale livello di progresso”. Scontato il premio per la regia a Lav Diaz per il suo ‘Lahi, Hayop’ (Genus Pan). Il regista filippino ha firmato un altro capolavoro e i temi sono quelli del lavoro e della società che tradisce i lavoratori. E a completare la scelta sociale della Giuria di Orizzonti è il Premio Speciale della Giuria a ‘Listen’ di Ana Rocha de Sousa (Regno Unito, Portogallo), che ha vinto anche il Premio Venezia Opera Prima che le frutta anche 100mila dollari. Non è difficile dire che è il miglior film del festival, un festival che lei ha emozionato.

Ed ora messa agli archivi questa edizione, la Mostra aspetta di vedere come sarà la prossima sperando che la pandemia sia finita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved