il-leone-d-oro-durante-la-pandemia-a-nomadland
Cate Blanchett, presidente della Giuria (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
4 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
6 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
6 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
6 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
10 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
11 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
12 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
23 ore

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
1 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
1 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
13.09.2020 - 18:37
Aggiornamento: 14.09.2020 - 12:05
di Ugo Brusaporco

Il Leone d’oro durante la pandemia a ‘Nomadland’

La Giuria di Venezia si è espressa. E dire che tutto era previsto è persino banale, spiega il nostro inviato Ugo Brusaporco

La Giuria di Venezia 77, presieduta da Cate Blanchett e composta da Matt Dillon, Veronika Franz, Joanna Hogg, Nicola Lagioia, Christian Petzold e Ludivine Sagnier, dopo aver visionato i 18 film in competizione ha deciso di premiarne 8 e dire che tutto era previsto è persino banale.

Il Leone d’oro per il miglior film è andato a ‘Nomadland’ di Chloé Zhao (Usa), un omaggio all’arte di attrice di Frances McDormand, protagonista del film, ma soprattutto è una precisa scelta che omaggia un femminile che politicamente non disturba. Non perché il film di Chloé Zhao non sia meritevole di encomio, ma più che prendere una posizione su un dramma sociale come il nomadismo dovuto alla crisi economica, il film prende la via di celebrare una nuova frontiera trasformando il dramma di tanti nell’eroismo di pochi. E la sua frontiera ha i paesaggi classici del western. Da Fort Apache a Amazon, forse il tema meritava di più, ma è più facile premiare un film dal passo malinconicamente felpato come questo, piuttosto di un film che costringe a prendere posizione e a far pensare come ‘Und morgen die ganze Welt’ (E domani un altro mondo) di Julia von Heinz, l’unico film che ha guardato ai giovani di oggi in un concorso pieno di vecchio dire.

Se la Giuria non avesse scelto il metro della pari opportunità, la scelta per il Leone d’oro sarebbe stata una lotta tra ‘Nuevo Orden’ di Michel Franco (Messico, Francia) e ‘Spy No Tsuma’ (Moglie di una spia) di Kiyoshi Kurosawa. Invece al primo è andato il Leone d’argento - Gran Premio della Giuria mentre Kurosawa aspetta in Giappone il suo Leone d’argento - Premio per la migliore regia. Ecco, il fatto che molti autori e personaggi non abbiano potuto accompagnare il loro film è stato uno dei punti più deboli di questa Mostra che, al di là delle dichiarazioni di routine, ha pagato a caro prezzo questa edizione blindata, proprio per l’assordante silenzio attorno ai film,  a parte quelli italiani e ai pochi americani. Si è evidenziato un pericoloso provincialismo ed è esploso forte il problema di una totale mancanza generale di cultura cinematografica, che per un Festival dovrebbe essere la base di conoscenza per chi vi partecipa. In realtà Venezia fino ad oggi e ancora, nonostante il Covid, ha e offre una visione da tappeti rossi del suo essere Festival del Cinema.

Il Premio speciale della Giuria è andato al russo ‘Dorogie Tovarischi!’ (Cari Compagni!) che Andrei Konchalovsky ha dedicato al massacro di Novočerkassk, uno dei momenti più bui della dittatura krusceviana, un film sull’ideologia, sulla Storia, sul problema delle fosse comuni che ha segnato il XX secolo, peccato che l’attenzione del regista si fermi alla superficie di questi tem. Molto più meritato è il Premio per la migliore sceneggiatura a Chaitanya Tamhane per ‘The Disciple’ (India). È stato questo un film importante per una meditazione sul senso dell’arte cinematografica, non dimentichiamo che questo festival un tempo non si vergognava di dirsi di “Arte cinematografica”; con Kiyoshi Kurosawa il regista indiano è il solo del concorso a non avere un narrativo dire televisivo e a mantenere sempre una struttura cinematografica dell’espressione.

La Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile va a Vanessa Kirby, protagonista nel film di Kornél Mundruczó ‘Pieces of a woman’, una bella coproduzione tra Canada e Ungheria. Vanessa Kirby era protagonista anche di un altro film, il deludente ‘The World To Come’ di Mona Fastvold, in cui anche la sua recitazione non brillava, ma qui è veramente molto intensa e brava. Finalmente al Paese ospitante, l’Italia, che aveva quattro film in concorso, è stata dato un premio: la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile. L’ha guadagnata Pierfrancesco Favino per il suo lavoro nel film ‘Padrenostro’ di Claudio Noce. Il peggior film in concorso, e il signor Favino con la sua fissità attoriale, incapacità espressiva, ha ben contribuito alla sua pochezza. Di certo Orkhan Iskandarli grande interprete del film di Hilal Baydarov ‘Səpələnmiş Ölümlər Arasinda’ (Tra una morte e l’altra) avrebbe meglio onorato il premio. Il Premio Marcello Mastroianni a Rouhollah Zamani grande protagonista del film iraniano ‘Khorshid’ (Sun Children) di Majid Majidi ha il merito di non far dimenticare un film che parla della gioventù tradita, del dramma di essere migranti non accettati, del nostro tempo qualche volta miserabile.

La sezione Orizzonti ha avuto come Miglior Film l’ iraniano ‘Dashte Khamoush’ (The Wasteland) di Ahmad Bahrami. Di tratta di un film che celebra il lavoro, il regista aveva detto che “il film è un omaggio a mio padre e a tutti coloro che, in ogni parte del mondo, lavorano duramente. Quei lavoratori senza i quali la civiltà degli uomini non avrebbe raggiunto l’attuale livello di progresso”. Scontato il premio per la regia a Lav Diaz per il suo ‘Lahi, Hayop’ (Genus Pan). Il regista filippino ha firmato un altro capolavoro e i temi sono quelli del lavoro e della società che tradisce i lavoratori. E a completare la scelta sociale della Giuria di Orizzonti è il Premio Speciale della Giuria a ‘Listen’ di Ana Rocha de Sousa (Regno Unito, Portogallo), che ha vinto anche il Premio Venezia Opera Prima che le frutta anche 100mila dollari. Non è difficile dire che è il miglior film del festival, un festival che lei ha emozionato.

Ed ora messa agli archivi questa edizione, la Mostra aspetta di vedere come sarà la prossima sperando che la pandemia sia finita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved