locarno-2020-la-perfezione-del-cinema-a-open-doors
Engkwentro” (Scontro) di Pepe Diokno
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
10 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
11 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
12 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
13 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
13 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
13 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
13 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
14 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
17 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
18 ore

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
12.08.2020 - 09:00
di Ugo Brusaporco

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno

Esiste la perfezione al cinema? Seppelliti da immagini di ogni tipo, qualche volta si sogna di salire la scala della purezza cinematografica. Un po’ come si fa magari nel melodramma, e ogni tanto cerchi il Mozart di “Così fan tutte”, superbo libretto del Da Ponte e là scopri sublime la purezza del dramma in musica. Succede anche al cinema e talvolta basta rifugiarsi nel Griffith di “The Country Doctor” – la perfezione del cinema esisteva già nel 1909 – e comunque preziosa perfezione è atterrata anche al Festival di Locarno, grazia alla sezione Through The Open Doors con “Kairat“, film kazako del 1992. Il titolo originale è: “Кайра”, la sceneggiatura e la regia di Darezhan Omirbaev, la straordinaria fotografia in bianco e nero di Aubakir Suleyev, il montaggio fondamentale nella sua pulizia di R. Belyakova, e le musiche e il suono impressionanti di Gulsara Mukataeva. Per dire di questo film si possono scomodare Bresson, soprattutto per il lavoro con gli attori, Ozu o Hou Hsiao-Hsien e Tsai Ming-Liang per il minimalismo asiatico, ma Darezhan Omirbaev ha un suo tratto di originalità che lo rende unico: non un minuto si sente sprecato, ma passa semplicemente troppo velocemente. Vorresti fermare ogni inquadratura e dire all’operatore “fammela vedere ancora”. Il bambino che tira una linea sul muro, un gesto di insondabile bellezza, scivola nel film a narrare quello che resta del nostro agire umano una linea persa su una parete bianca a sporcarla, prima di sparire per sempre. Certo “Kairat” ha un difetto fondamentale: è troppo perfetto. E al lettore che chiede di una trama è facile rispondere è un film che parla d’amore, di innamorarsi, dell’essere giovani, in un mondo che cambia, che non è più quello in cui sei cresciuto. Un mondo che ha perso certezze: il 1992 è il primo anno dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, la disgregazione di un Paese. E il film racconta la paura, la fragilità, l’angoscia di un nuovo mondo che ha cancellato gli ideali, che ha tolto dall’orizzonte il futuro. Un momento biblico e Darezhan Omirbaev lo testimonia senza pietà, eppure nel suo sguardo duro si scorge quella carità che San Paolo non chiamava amore, perché è una parola più piccola di “carità”. La si scorge nei riguardi del protagonista, vero Tamino, nel suo viaggio iniziatico. E i treni vanno e le sale cinematografiche sono ancora piene, è solo il debutto della fine.

Su un gradino appena più basso si pone, sempre grazie a Open doors “Engkwentro” (Scontro) di Pepe Diokno. Il regista filippino vinse con questo film il Premio della Sezione Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia 2009 e anche il Premio “Luigi De Laurentiis” Opera Prima. All’epoca il regista esordiente aveva 22 anni e il coraggio, macchina a spalla, di accompagnarci nelle ultime ventiquattr’ore di due giovani fratelli che si ritrovano a combattersi tra le bande che si contendono il controllo della droga nella baraccopoli di una città non identificata. Il sindaco della città per fermare la violenza delle bande giovanili ha a sua disposizione delle squadre della morte che senza scrupolo si sbarazzano di tanti bambini. E un perfetto noir, ben condotto e recitato, con ritmo e con una forte capacità di denuncia: non si dimentichi che una decina di anni fa, nel periodo raccontato dal regista, furono uccise solo a Manila oltre ottocento persone, la maggior parte minori, proprio dalle squadre della morte. Nel 2016 erano già 4600 vittime ufficiali, grazie alla politica del presidente Rody Duterte, uno che in campagna elettorale aveva detto che, se fosse stato eletto, con i cadaveri dei drogati avrebbe “ingrassato i pesci della baia di Manila”. Pepe Diokno dà dei nomi a quei cadaveri.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved