laRegione
Nuovo abbonamento
locarno2020-e-la-follia-del-nostro-ignorare-il-mondo
‘Icemeltland Park’ di Liliana Colombo
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

Pandemia vs Disney: saltano 'Black Widow' e 'West Side Story'

Al momento sembrano essere stati invece risparmiati 'Soul' e 'The Empty Man'.
Musica
4 ore

'What's Going On' di Marvin Gaye più in alto dei Beatles

Guida la classifica dei 500 migliori album di ogni tempo pubblicata dal Rolling Stone davanti a 'Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band'
Libri
6 ore

'Il lavoro, la fabbrica, la città' di Agustoni a LaFilanda

Domenica 27 settembre alle 16 a Mendrisio, promossa dalla Fondazione Sergio Agustoni, la presentazione del volume edito da Casagrande
Cinema
6 ore

Eugène Green senza mascherina: San Sebastian lo espelle

Il Festival, che ha in concorso il suo ultimo film 'Atarrabi et Mikelats', gli ha sospeso l'accredito per il rifiuto plurimo a indossarla.
Arte
7 ore

Premio Artista Bally 2019: 'Coeurs sacrés' a Palazzo Reali

Il MASI ospita l'opera della vincitrice Gabriela Maria Müller insieme a una selezione dei suoi lavori. Dal 25 settembre a Lugano fino al primo novembre.
Spettacoli
8 ore

Teatro e musica nel Locarnese: al via l'autunno di OSA!

In scena la 19esima edizione di 'La donna crea' (diretta da Santuzza Oberholzer) e la 17esima rassegna internazionale 'Voci audaci' di Oskar Boldre.
Teatro
8 ore

'Si riparte, si rinasce': riapre il sipario del Paravento

A Locarno 'la creatività non è andata in letargo'. Il 1° ottobre il palco del teatro locarnese torna a popolarsi di artisti dopo sette lunghi mesi di stop.
Culture
9 ore

Locarno Festival: le possibili cause del divorzio da Lili Hinstin

Bocche cucite al Festival, ma dietro le quinte si parla di allergia al glamour da parte della direttrice artistica e del suo scarso contatto con la città.
Società
10 ore

La coperta giusta per un sonno migliore

Una ricerca del'Università di Stoccolma spiega come coprirsi per dormire bene
Società
10 ore

Da homo sapiens a homo sedens

La ricerca di un etnologo francese paragona gli open space alle carceri
Culture
14 ore

Lili Hinstin e il Locarno Film Festival si separano

La decisione è consensuale. Il comunicato parla di 'divergenze strategiche'. Il Festival esprime 'gratitudine' e discuterà presto la successione
Spettacoli
1 gior

La chanson française piange Juliette Gréco

L'icona transalpina si è spenta oggi all'età di 93 anni. Era nata il 7 febbraio 1927 a Montpellier
Musica
1 gior

Daria Zappa e Jane Berthe, Duo Zéphyr a Minusio

Un viaggio nel repertorio francese per violino e arpa al teatro dell'oratorio S. Bosco, sabato 26 settembre alle 19
Spettacoli
11.08.2020 - 21:410

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo

Densa giornata ai Pardi di Domani, una delle poche sezioni completamente visibili in sala in questo strano Festival Internazionale del film Locarno, la cui edizione numero 73 passerà alla storia come quella che ha fatto trionfare il cortometraggio sul lungometraggio, richiedendo una buona capacità di adattamento a chi si aspetta tappeti rossi e grandi nomi, e da questi accetta ogni cosa. Il corto non è divistico, o meglio non lo è ancora come lo era all’inizio della Storia del Cinema, senza scomodare i Lumière e Méliès, Griffith e Chaplin, Edna Purviance e Mary Pickford, il mitico one reel, che ancora oggi studiosi e appassionati celebrano e che dovrebbe essere la base per chi racconta in corto.

Ecco la grande occasione di Locarno quest’anno. Accorgersi dei corti. Anche oggi, e si potranno ancora vedere domani e dopodomani, sono stati presentati cinque film, quattro one reel e un three reel, “Icemeltland Park” di Liliana Colombo. E di questo film vorremmo subito parlare perché la sua visione non poteva che segnare il corso della serata: si tratta di un amaro divertissement su un tema che pur di grande attualità non è abbastanza compreso. Lo scioglimento dei ghiacci e le sue conseguenze sulla vita in questo pianeta, una tragedia immane che riguarda tutti, non solo quelli che vivono vicino ai ghiacciai o ai poli, ma anche quelli che vivono sulle coste, o comunque sulla terra ferma. Ma pochi sembrano farci caso e meno ancora quelli che provano a fare qualcosa. La regista ci impone di riflettere; noi ormai prendiamo tutto come spettacolo, e allora ci dice: vedere le spettacolari frane di ghiaccio ed esprimere stupore è moralmente e civilmente inaccettabile. Noi vediamo di tutto e non riflettiamo su niente, né sulla tragedia di Beirut, di cui ci interessano forse i morti, il loro numero intendo, e lo stesso con la pandemia: sentiamo numeri, non vediamo persone e per questo balliamo in centinaia, in migliaia, giochiamo a non prenderci il virus, ma il virus come i ghiacci che si sciolgono ha effetti collaterali che incidono sul futuro della nostra vita. E Liliana Colombo ci deride: sono nostre le voci piene di stupore davanti a un mondo che crolla, noi, microbi inutili di questo universo, incapaci di salvare il pianeta su cui viviamo. Si resta delusi di se stessi dopo un film che illumina la nostra inettitudine con un linguaggio debitore della grande lezione della videoart.

Di spessore anche il primo one reel: “1978” del pakistano Hamza Bangash, una storia rock ma che ha come base proprio quell’anno in cui ebbe inizio il processo di islamizzazione del paese. Il protagonista è Lenny, una rock-star della comunità cristiana: canta in chiesa, nei concerti rock nel paese, ma viene intercettato dalla televisione islamica di stato che gli offre una maggiore visibilità in cambio di una rinuncia al blasfemo rock e un’adesione all’islamismo; Lenny sembra accettare, ma il rocker che è in lui avrà il sopravvento. Film interessante che fotografa un momento cruciale in questo Paese che ha perso parte della sua umanità; il pensiero va in Turchia da Erdogan: quanto è importante per un Paese rinunciare al laicismo, alla convivenza religiosa? Ben girato e interpretato il film merita un applauso.

Non convince pienamente “Megamall”, il film d’animazione svizzero firmato dalla giovane Aline Schoch; si tratta di un esercizio d’animazione, di buon interesse questo, ma con una leggerezza di racconto che finisce per non avere nulla da dire, e tutto per un cane che ama le patatine e le insegue tra le scale mobili di un supermercato. Di ben altro livello il norvegese “Play Schengen” diretto da Gunhild Enger, regista già premiata, attualmente impegnata nel preparare la presentazione del suo film d’animazione “Knutsen & Ludvigsen 2 - Det Store Dyret” prevista il prossimo 23 settembre. In questo corto si diverte a prendere in giro l’ignoranza dei giovani, la loro impossibilità culturale a comprendere l’esistenza di un altro al di là di un se stesso. Il film è durissimo: come si può comprendere un’Unione Europea con giovani che non vogliono conoscere l’Europa, ma che vogliono comunque realizzarsi nel vuoto, inutili anche a se stessi? Il film è amaramente vero e giocato con umorismo e grazia. L’ultimo a essere proiettato è stato “Thoughts on the Purpose of Friendship” dell’australiano Charlie Hillhouse, un film che invita all’amicizia serena, al chiudersi con l’amico del cuore e a evitare una società troppo attenta ai social per essere veramente sociale. Il regista ci mostra le piccole cose di questo condividere tra amici, isolati, e con questo protetti, dal mondo. È questa la condizione per stare bene? Chiudersi in piccole cerchie di persone vicine? Ma come si costruisce allora il futuro? O non abbiamo più bisogno di futuro? Un film inquietante.

© Regiopress, All rights reserved