sanremo-2020-ha-scelto-i-giovani-e-tecla-e-un-talento
Tecla Insolia, talento (Rai)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
23 min

La lotta al Covid frena quella all'inquinamento da plastica

È uno dei risvolti della pandemia sottolineato da uno studio sugli impatti ambientali dell'utilizzo di materie plastiche e microplastiche.
Società
33 min

Si chiama 'Super Follows', è Twitter che monetizza

Un servizio in abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali postati da account di alto profilo
Culture
3 ore

200 anni fa moriva de Maistre, filosofo della Controrivoluzione

Critico feroce dell’Illuminismo, si rifugiò in Svizzera dove scrisse le 'Considerazioni sulla Francia' sostenendo la necessità di fondare il governo sulla religione
Aspettando Sanremo
17 ore

Nina, Sara e gli invisibili: Ermal Meta nella ‘Tribù urbana’

Al Festival con una ballad, ‘Un milione di cose da dirti’, e dal 12 marzo l'album: ‘È il movimento dell’umanità, importante come il sangue che circola’
Musica
19 ore

'The Lyrics: 1965 to the Present', autoritratto di McCartney

Curato e introdotto dal Premio Pulitzer Paul Muldoon, è il diario musicale in cui Sir Paul racconta la sua vita dai Beatles ai Wings agli album solisti.
Spettacoli
19 ore

Woody Allen è ancora nel catalogo di Hbo

In piena docuserie sulle accuse di molestie, lo stesso canale che la manda in onda ha deciso di non rimuovere i film del regista dalla sua piattaforma
Culture
19 ore

Addio al poeta e traduttore Philippe Jaccottet

Considerato uno dei maggiori poeti europei, ha anche pubblicato numerosi volumi in prosa, diari, riflessioni sulla poesia, in particolare quella francese, e sulla traduzione
Archeologia
20 ore

Tra Zugo e Walchwil scoperto l'Instagram dell'antichità

Sono monete romane e celtiche, mostrano galee, aquile, divinità e un coccodrillo incatenato a una palma, simbolo della conquista dell'Egitto da parte dei romani.
Culture
20 ore

Chiara Valerio, la matematica e la democrazia

Intervista all'autrice, ospite con Gustavo Zagrebelsky del primo appuntamento del nuovo ciclo di Arti liberali del Lac
Società
1 gior

Il Rapporto sulla Trasparenza di TikTok

Il social si è confrontato con le richieste di rimozione di contenuti: temi caldi dei clip rimossi, pandemia e disinformazione
Culture
1 gior

'To Fabio Andina, Peace and Love, Lawrence Ferlinghetti'

Gli incontri del romanziere ticinese con l''ultimo esponente della Beat Generation. Era il 1998, gli anni degli studi in California. Ecco come andò...
Culture
1 gior

Di matematica al Lac con Gustavo Zagrebelsky e Chiara Valerio

Nuovo appuntamento con Arti liberali, venerdì 26 febbraio alle ore 20.30, in diretta streaming sul sito www.luganolac.ch e sui canali social del centro culturale
Aspettando Sanremo
1 gior

Tutti in pista con gli Extraliscio (una storia d'amore)

‘L'Ariston sarà la nostra sala da ballo’, dice Mirco Mariani, creatore del 'punk da balera' con Moreno Il Biondo e La voce di Romagna Mauro Ferrara
Culture
1 gior

Alla Casa della letteratura le parole tra cura e pandemia

Intervista a Guenda Bernegger, caporedattrice della Rivista per le Medical Humanities e ospite del primo incontro online ‘Fratture e frammenti’
Cinema Teatro Chiasso
1 gior

'Tre', alti e bassi delle famiglie ai tempi dei social

Riservato agli istituti scolastici, è lo spettacolo per ragazzi tra gli 11 e i 18 anni fruibile in streaming su www.cinemateatrochiasso.ch il prossimo 4 marzo alle 14
Spettacoli
2 gior

Stevie Wonder lascia gli Stati Uniti: 'Me ne vado in Ghana'

In intervista con Oprah Winfrey: “Non voglio che i figli dei figli dei miei figli dicano: 'Oh, ti prego, apprezzami. Per favore rispettami...”.
Streaming
2 gior

Tutto o niente, la Juventus su Amazon

‘All or Nothing: Juventus’ è il primo capitolo italiano di un format che entra nei dietro le quinte dello sport.
Culture
2 gior

È morto Lawrence Ferlinghetti, icona della Beat Generation

Il poeta e narratore statunitense, scopritore di Ginsberg, Kerouac, Burroughs, aveva 101 anni
Pensiero
2 gior

I tempi dell’anima con il filosofo Luca Vanzago

Giovedì conferenza online organizzata dall’associazione Athena con l’autore di ‘Breve storia dell’anima’
Spettacoli
2 gior

Le resistenze del festival diritti umani di Ginevra

Il Fifdh, che si terrà online dal 5 al 14 marzo, sarà dedicato alle nuove forme di resistenza
Scienze
2 gior

Le lune di Marte nate da un unico satellite

Sarebbero i resti di un corpo celeste più grande colpito oltre un miliardo di anni fa. Lo sostengono ricercatori zurighesi su Nature Astronomy
Spettacoli
2 gior

Covid, l’attesa dei professionisti dello spettacolo

Delusi dalla mancata riapertura dei teatri a marzo, l’associazione t.punto attende fiduciosa aprile e ribadisce che in sala il rischio d’infezione è molto basso
Archeologia
3 gior

Australia, scoperta arte rupestre di 17mila anni fa

Echidna, goanna, pesci, impronte di mani, boomerang e canguri: identificati e datati per la prima volta i dipinti rupestri più antichi del continente.
Spettacoli
20.12.2019 - 18:190
Aggiornamento : 21.12.2019 - 00:28

Sanremo 2020 ha scelto i Giovani (e Tecla è un talento)

Nemmeno 16 anni, ha la classe di un'adulta. All'Ariston anche il bresciano Matteo Faustini, che diventerà quello di "Hai mai fatto l'amore con gli occhi? Io sì"

Di certo, per ora, ci sono i superospiti Al Bano e Romina (sempre e per sempre, e non è De Gregori, ma una maledizione) e Tiziano Ferro tutti i giorni (proprio tutti). Ma su Sanremo in partenza si può già scommettere che sarà il Festival delle giacchette di Amadeus, che ieri sera ha annunciato gli otto giovani, scelti (qui evidenziati in grassetto) da più giurie, compresa quella in studio, un tantino su di età: “Se qualcuno dovesse morire, lo faccia durante la pubblicità”, supplica Piero Chiambretti, che al suo fianco ha Pippo Baudo, Antonella Clerici, Carlo Conti e Gigi D’Alessio.

Gli applausi sono tutti per Re Pippo, del quale si ricorda l’avere inventato i Giovani e quindi via con l’archivio: l’Eros Ramazzotti di ‘Terra promessa’, i Negramaro di ‘Mentre tutto scorre’, il Gabbani di ‘Amen’ e un degno ricordo del fu Alex Baroni nell’indimenticata ‘Cambiare, Sanremo 1997. Già ascoltate su Rai e Rai Play, le 10 canzoni giunte in finale tra 842 proposte si sono scontrate l’una contro l’altra in nome di Maria (se Baudo ha inventato i Giovani, la De Filippi ha inventato la rissa tra Giovani) per 5 vincitori da aggiungersi ai due selezionati dai 740 di Area Sanremo e alla vincitrice di Sanremo Young. Per la quale segue ora capitolo a sé.

Canta bene e non è una colpa

C’è un solo vero talento, tra Giovani che alcuni sono già Vecchi. Canta senza l’autotune (correttore digitale d’intonazione, una specie di Viagra per gli stonati) perché sa cantare, e la cosa non è, come pare oggi, una macchia sulla reputazione. Tecla Insolia (scioglilingua, da cui il nome e basta) è stata l’unico buon motivo per guardare ‘Sanremo Young’, gara televisiva tra bimbi già isterici da successo (lei, invece, ha la calma dei forti) che le ha consegnato l'accesso diretto all'Ariston; la si ricorda duettare in quell’occasione con Ron in ‘Vorrei incontrarti fra cent’anni’ come fosse una veterana. Arriverà all’Ariston che avrà 16 anni come la Cinquetti di ‘Non ho l’età’; canterà ‘8 marzo’, brano che parla di donne e non ha i soliti autori; dice “Siamo petali di vita che faranno un giorno la rivoluzione”, dice “So la differenza tra uno schiaffo e una carezza”, che pare scritta per Fiorella o altra voce femminile che se l’è lasciata sfuggire. Tecla ha 15 anni ma canta come ne avesse 40. E nemmeno questa è una colpa.

Chiamami Achille

Sfida n.1. Il 19enne Thomas, fulminato da Michael Jackson, canta e balla ‘Ne 80’, citando “Queen e Sting e ‘Billy Jean’”. Addosso al giovane, la canzone risulta moderna come ‘My Way’ (ma non quella di Sid Vicious). La sfida la vince Leo Gassmann, figlio di Alessandro, nipote di Vittorio, bello come i suoi avi, che alla Fabrizio Moro canta ‘Vai bene così’, provando a non essere il figlio di Gassmann (che dev’essere una gran scocciatura). Sfida n.2. I Réclame da Roma cantano e suonano ‘Il viaggio di ritorno’, onesto mattoncino indie-pop digeribile solo verso la fine, ma che un senso ce l'ha. E così sembra che ‘Due noi’ di Fadi – riccionese dai tratti africani e accento alla Valentino Rossi, che vince – sia una gran canzone (ma non è).

Sfida n.3. La diciassettenne Shari da Udine canta ‘Stella’ per l’amica Elisa che non c’è più; Marco Sentieri da Casal di Principe (Caserta) è un ex-bullizzato che canta la storia di un bullo e di un bullizzato in ‘Billy blu’, firmata dal defunto Giampiero Artegiani, un po’ Faletti, un po’ Rocco Hunt, un po' Federico Salvatore. La tv premia il secondo.

Sfida n. 4. Jeffeo (che nome è Jeffeo?) trapper incazzato (ma dai?) di Cesano Boscone, se la gioca con Fasma, trapper incazzato da Roma con nome da infiammazione delle vie aeree e brano da incubo; la sfida si potrebbe intitolare “Sono io il nuovo Achille Lauro, se non vi è chiaro”; Jeffeo canta ‘Un due tre stella’ (“Mamma lavora stando in cassa e conta soldi che poi non sono i suoi” e “Tra le case popolari la rabbia ci ha resi popolari”), ha un buon testo e autotune a manetta; a Fasma il palco lo fa sentire «adatto», la musica gli dà speranza, le persone gli danno certezza e l’autotune gli dà ’intonazione per cantare ‘Per sentirmi vivo’, che a noi ci fa sentire morti.

L’importante è la simpatia

Sfida n.5. Gli allegri universitari col maglioncino Eugenio in via di Gioia ('Tsunami') hanno la stessa stucchevole simpatia dello Stato Sociale; non sanno cantare come Lo Stato Sociale, ma a parole trovano uno sprazzo di Storie Tese (“Da quando Archimede non eureka più”). Avincola – «Il figlio segreto di Lucio Dalla», cit. Gigi D’Alessio – è un giovane romano che fa il rider a Roma e canta della precarietà dell’amore e del lavoro (vuole scoprire se facendo il cantante si resta precari: chi glielo spiega?). ‘Un rider’ è brano non indimenticabile ma vero, Avincola non è Dalla ma è credibile: e infatti vincono gli Eugenio in via di Gioia, che fanno ballare.

‘Sono di Brescia, si sente?’

Mancano i due vincitori di Area Sanremo. Il primo è l’Ilva, ‘Il gigante d’acciaio’, quello che “quando c’è vento nel mio quartiere non si può giocare”. ‘Il gigante d’acciaio’ è la canzone di Gabriella Martinelli (tarantina) e Lula (romana), un pop-rock che parla, lo dice la fabbrica, di Taranto. Il secondo è il 25 enne maestro elementare Matteo Faustini che (incredulo) canta la bella ‘Nel bene e nel male’; non dice “pota!” ma ringrazia «tutti a Brescia, credo che si sente», sufficiente per capirne le origini. L’incipit “Hai mai fatto l’amore con gli occhi? Io sì” è destinato a fare la storia degli incipit (belle anche le montagne che “eran barriere, adesso sono un bel paesaggio”). È lui, Faustini da Brescia, come Leali da Nuvolera (Fausto), che ci salverà da Fasma?

Sanremo Giovani è finito, inizia Porta a Porta con Peppino Di Capri che canta ‘Last Christmas’ e lo si perdona, perché lui ha fatto quindici Festival di Sanremo e nel ‘65 ha aperto il concerto dei Beatles (e Achille Lauro invece no).

© Regiopress, All rights reserved