laRegione
Nuovo abbonamento
Domenica 8 dicembre alle 20.30
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
5 ore
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
8 ore
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
8 ore
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
17 ore
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
1 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
1 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
1 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
1 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Spettacoli
2 gior
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
2 gior
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
2 gior
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
2 gior
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
2 gior
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Scienze
3 gior
Seimila anni buttati via
L'aumento accelerato della temperatura media cancella millenni di clima temperato
Scienze
3 gior
Il bosco fa respirare l'Europa
Le foreste concorrono ad assorbire ogni anno 806 milioni di tonnellate di anidride carbonica
Scienze
4 gior
La discriminazione di genere c’è anche dove non si vede
Secondo una ricerca, preconcetti sull'abilità lavorativa delle donne presenti soprattutto in chi pensa che la parità sia stata raggiunta
Spettacoli
4 gior
The show must go on. Nonostante la pandemia
Le difficoltà per il settore degli eventi rimangono, come ci spiega Gabriele Censi: Senza il pubblico il settore degli eventi morirebbe.
Scienze
4 gior
Cina, scoperto un virus potenzialmente pandemico
Studiosi lo hanno identificato ed è simile a quello resonsabile dell'influenza H1N1 che causò vittime e paure nel 2009
Spettacoli
4 gior
Premio d’onore del cinema svizzero per Markus Imhoof
Il regista premiato per “la sua perpetua ricerca dell'umanità, che mescola politica e aneddoti personali”
Spettacoli
4 gior
Covid-19, il Cirque du Soleil in bancarotta
Con i ricavi azzerati a causa della pandemia, la società ha deciso di ristrutturare il debito per garantire un futuro al gruppo
Spettacoli
4 gior
Marchè du film di Cannes, il virtuale piace
Festival cinematografico annullato, ma il tradizionale mercato del film si è tenuto, con successo, online
Spettacoli
4 gior
Piccolo teatro di Milano, direttore cercasi
Dimissioni ‘a sorpresa’ di Sergio Escobar, da vent’anni alla guida del teatro milanese. Carmelo Rifici tra i possibili successori
Arte
5 gior
DE-PRESS-ME, una breccia artistica nella chiusura
Intrusione artistica benevola nei confini domestici sbarrati dall’emergenza sanitaria
Società
5 gior
Che la morte ci sia lieve (Pau come Nadia)
Donés, leader di Jarabe de Palo, che come la Iena Toffa ha raccontato in pubblico, fino in fondo, l’urgenza (e la bellezza) del vivere
Spettacoli
5 gior
Luminanza, un bando per il teatro contemporaneo
Alan Alpenfelt ci racconta il nuovo progetto di formazione per giovani autori di teatro, un “reattore per la drammaturgia contemporanea”
Arte
6 gior
L’orizzonte di Edward Hopper alla Fondazione Beyeler
Prolungata fino al 26 luglio la mostra che il museo di Basilea dedicata ai paesaggi del pittore americano
Arte
6 gior
Ischgl and more: il Masi riparte dal trash
Esposizione pop-up per la riapertura della sede del Lac del Museo d'arte della Svizzera italiana, con le moraleggianti fotografie di Hechenblaikner
Spettacoli
6 gior
San Materno, la ‘Cruda bellezza’ della danza
Intervista a Isabel Lunkembisa, protagonista della prima attività estiva del teatro di Ascona
Spettacoli
1 sett
Life is Live: il Lucerne festival si (ri)presenta
Nuovo programma, abbreviato, per il festival di musica classica che avrà luogo dal 14 al 23 agosto
Arte
1 sett
Il ’bricoleur dell’anima’ Pietro Beretta a Casa Serodine
Si apre domani ad Ascona la mostra dedicata a Beretta, artista originale ed estroso, per non dire beffardo
Società
1 sett
Un avviso per riconoscere le notizie vecchie
Facebook avvertirà se un articolo ha più dintre mesi
Scienze
1 sett
Un fulmine mai visto
Registrata in Brasile la scarica maggiore mai identificata: 709 chilometri
L'intervista
03.12.2019 - 16:320

Fabio Concato, domenica ti porterò sul Lac

A Lugano l'8 dicembre con tutta la sua storia, incluso quel singolo ‘bestiale’ che fece innamorare Silvio e Veronica e per il quale appare in ‘Loro’ di Sorrentino

L’avevamo lasciato nel 2017 nelle acustiche stanze della Rsi a suonare il suo ‘Gigi’, album dedicato al padre con dentro i classici di un’intera carriera rivisitati in chiave jazz con il Paolo Di Sabatino Trio. Fabio Concato torna a Lugano domenica 8 dicembre, nella Sala Teatro del Lac alle 20.30 (info e prevendita: 058 866 42 22), con l’‘Open Tour’ che gira l’Italia senza connotazione di album. Al suo fianco, questa volta, il quartetto formato da Ornella D’Urbano (arrangiamenti, piano e tastiere), Stefano Casali (basso), Larry Tomassini (chitarre) e Gabriele Palazzi (batteria). Quelli di ‘Tutto qua’, ad oggi l’ultimo, splendido, lavoro di inediti. Partendo da un libro e anche da un film – ‘Loro’ di Paolo Sorrentino, nel quale Fabio interpreta sé stesso alla chitarra in ‘Domenica bestiale’, che fu canzone di tali Silvio e Veronica – riviviamo per aneddoti tratti di storia in cui la musica arriva prima del resto (come sempre dovrebbe...).

Appartieni alla ristretta cerchia di musicisti che non necessitano di un nuovo album per avere un tour. Il tuo, a guardar bene, dura tutto l’anno.

È vero e credo sia una cosa molto bella, perché mi accorgo di riempire spesso i teatri senza essere palesemente presente sul mercato discografico. Mi viene da pensare di aver seminato bene, oltre che essere stato fortunato.

La prima che hai detto.

La prima, ma pure la seconda. È anche un fatto di storia che girava in un certo modo, di discografia e di talent scout che adesso non esistono più. Fatta salva Maria De Filippi, è ovvio, la più grande talent scout d’Europa...

Percepisco della satira...

Sì, assolutamente (ride, ndr). Vedi, noi ridiamo, ma sai qual è la tragedia? È che è vero. Chi altri tira fuori dalla tv ballerini, cantanti e attori? Lo faceva Costanzo...

Nel libro ‘Fabio Concato - Conoscerlo e capirlo attraverso i suoi testi,’ Emiliano Longo scomoda per te addirittura la fotosintesi clorofilliana. Ed è fonte inesauribile di aneddoti. Ne riporto uno: la tua amicizia con Schizzo.

Gigi, mio padre, lo chiamava Schizzo, perché Enzo (Jannacci, ndr) era una pallina. A casa nostra saltava come un grillo da una stanza all’altra, e sul pianoforte. “Dai Gigi, vieni qui”, “Dai Gigi senti qui!” (con buona imitazione di Jannacci, ndr). E se mio padre diceva “Enzo...”, era perché stava perdendo la pazienza. Era Schizzo anche per mio zio, che ha suonato parecchio con lui. Anche se si sono visti poco, Enzo e mio padre si sono voluti molto bene.

Aneddoto n.2: Schizzo ti ruppe l’albero della barca...

Sì, una barchetta svedese regalataci da nostro padre. Andava come un siluro. Io e mio fratello avevamo detto a Enzo di stare attento perché sembrava facile da governare, ma con quel vento... E in pochi secondi l’albero era rotto. “Se me lo dicevi prima che c’era il vento...” (cita, imitandolo, il Jannacci di ‘Se me lo dicevi prima’, 1989, ndr).

Aneddoto n.3: la parlata del ‘terrunciello’ che rese famoso Abatantuono nasce in un cinema di Milano guardando ‘Butch Cassidy,’ ed è idea tua.

Sì, mia e di Giorgio Porcaro. Con un risvolto triste, e cioè che Giorgio non è mai riuscito a superare il problema che l’unico identificato con quella parlata sarebbe poi stato il solo Abatantuono. Quando Enzo mise tutti e due nello spettacolo ‘La tappezzeria’, li fece parlare entrambi così. Jannacci ha sempre avuto un occhio di riguardo per Diego, perché persona di umili natali, perché la mamma era guardarobiera al Derby e perché entrambi, Diego ed Enzo, avevano le medesime origini proletarie.

Quarant’anni fa usciva ‘Zio Tom,’ tuo concept album in cui c’è un domestico di colore che al desiderio di emancipazione risponde ‘Malcolm, che vuoi lottare? Devi deciderti a metter la testa a partito e a pregare'...

‘Zio Tom’ mi è venuta in mente come ‘A Dean Martin’ (brano del 1977 cantato in un misto d’italiano e americano maccheronico, ndr). Ero ancora molto attento alla politica, soprattutto a quella americana. Ricco, potente, bravo, Dean Martin decisi di colpirlo al cuore facendolo incontrare con uno dei primi travestiti. ‘Zio Tom’, invece, era la fake news del prototipo del domestico di colore, quello che in casa “non si fa niente, neanche mezza polpetta senza che l’abbia vista io”. È il presunto stupido, quel nero totalmente artificioso che non è mai esistito se non nella mente malata degli americani.

E poi il ‘Rag. Minghella,’ endecasillabi su base alla Weather Report per cantare di un maschilista che mette la moglie sotto la campana di vetro e si stupisce se lei piange tutto il dì...

Un uomo di una tristezza infinita, con questa moglie della cui rassegnazione non si accorge. E pensa che le aveva fatto anche prender la patente, e comperato tutti gli elettrodomestici...

Aneddoto n.4. ‘Fiore di maggio’ non è affatto casuale: prima che arrivasse il successo hai fatto il fiorista...

Sì, per un paio di anni. Tra il 1977 e il 1979 avevo pubblicato tre dischi, ma dopo ‘Zio Tom’ mi resi conto che non era successo nulla e caddi in una profonda prostrazione. Mi dissi che avrei dovuto fare qualcosa, perché era insopportabile vedere mia moglie uscire per andare a lavorare mentre io me ne stavo in casa. Il fiorista, unitamente a un po’ di terapia, mi salvò...

Aneddoto n.5: una volta composta ‘Domenica bestiale,’ il tuo commento fu: “A me sembra una caz **** ”; quello di tua moglie: “Io non ci capisco molto, ma a me non sembra tanto male”.

Non era un convincimento, ma rispetto a quel che avevo scritto sino ad allora mi sembrava molto diversa. Poi ho capito che era una canzone molto sentita, molto vissuta e anche un po’ furba, e con qualche possibilità di avere successo. Comunque, fino ai primi passaggi in radio, non avevo capito del tutto quel che avevo scritto. È successo anche che dopo due o tre anni l’avevo cantata così tante volte che non potevo più sentirla. Ma quello credo sia fisiologico per tutti i grandi pezzi che ti chiedono di eseguire sempre, e se non li fai ti menano. Però, a distanza di 40 anni, trovo che sia meravigliosa, e non perché l’ho scritta io, ma perché aveva le caratteristiche giuste.

Venendo a ‘Loro’ di Sorrentino: quando hai scoperto che era la canzone di Silvio Berlusconi e Veronica Lario?

Quando me l’ha rivelato Sorrentino, dicendomi: “Non so quanto ti possa far piacere... (ride, ndr) ma è così, mi sono documentato”. Mi ha detto: “E se ti chiamassi per fare questa cosa, la faresti?”. Io gli ho risposto che non avrei mai voluto risultare come uno dei suoi cantori, cosa che non sono mai stato. Paolo mi ha assicurato che non correvo rischi. Disse “Anzi, poi nel film Apicella ti vorrà morto...”.

Per te che notoriamente non scalpiti per stare davanti a una telecamera, che esperienza è stata?

Fantastica, hollywoodiana, con bellissime pause durante le quali è stato bello scambiare due parole con Servillo, Elena Sofia Ricci, con Paolo che è persona affettuosissima, e con tutte le maestranze. C’era aria di kolossal. Un conto è girare un video musicale, altra cosa è avere intorno centoventi persone, anche se si trattava di un playback...

Un playback riuscito bene...

Sì. Ma affinché non si capisse che era un playback, ho imposto a Sorrentino dei campi molto, molto lunghi (ride, ndr). Scherzo, non mi sarei mai permesso.

Pioveva come Dio la mandava...

Non esattamente. La pioggia è stata aggiunta con l’elettronica, ma io venivo bagnato davvero. Ogni volta che mi asciugavo un po’, arrivava un tizio con l’innaffiatoio. Mi hanno ‘fatto su’ come una salsiccia, dentro una specie di domopack trasparente per evitare che l’acqua finisse nelle ossa. Non era un settembre caldo e tirava un gran vento.

Diserti i salotti ‘alla Barbara D’Urso,’ che immagino ti chiederebbe se ‘Fiore di maggio,’ e cioè tua figlia, sia nata “sulla spiaggia” o “a casa di mio fratello” e probabilmente sguinzaglierebbe reporter in cerca di testimoni. Io credo che il disertare paghi...

Non so, credo di sì. Almeno secondo me e secondo quelli che mi vogliono bene. Guai a farmi vedere lì, ma soprattutto per me, perché non saprei cosa dire, mi sentirei in imbarazzo. Non voglio dire “con tutta la stima che ho per lei”, ma “con tutto il rispetto per il suo mestiere”, la sua è una televisione, credo, molto pericolosa.

Perdona la Barbara D’Urso che c’è in noi: ‘Fiore di maggio’ è nata sulla spiaggia o a casa di tuo fratello?

Credo proprio che fosse casa di mio fratello, che purtroppo se n’è andato poco tempo fa. Ti dirò di più, forse era la sera in cui l’Italia vinse i Mondiali di Spagna.

Grazie per lo scoop. Proporrei di finire in musica: ‘Canto,’ ‘Quando arriverà,’ ‘Se non fosse per la musica,’ hai cantato spesso la tua arte. E se non fosse stato per la musica?

Se non fosse stato per la musica sarebbe stato un bel problema. Non credo di saper fare molto di più. Fino a una certa età avrei fatto un mestiere fisico. Non voglio dire il contadino, che ci devi nascere e ti spacca in due. E poi oggi, la terra, nemmeno ti basterebbe lavorarla, forse ti chiederebbero di esserne anche un buon manager. Ero partito per fare lo psicanalista e lo psichiatra, studiavo per arrivare lì. È stato il cabaret a rovinare tutto. Cabaret che ho anche utilizzato come alibi, sono sincero.

Per molti di noi, comunque, le tue non sono semplicemente canzoni, ma vere e proprie sedute di analisi

Ah certo, se è per questo me lo diceva anche il mio psicanalista. Mi ha ascoltato per molto tempo e mi diceva che sarei potuto essere un buon medico.

© Regiopress, All rights reserved