Sciaffusa
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Friborgo
0
Ambrì
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Lakers
1
Bienne
3
2. tempo
(1-2 : 0-1)
Langnau
0
Losanna
2
2. tempo
(0-0 : 0-2)
Zugo
0
Lugano
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Sciaffusa
CHALLENGE LEAGUE
0 - 0
1. tempo
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:43
Friborgo
LNA
0 - 0
2. tempo
0-0
0-0
Ambrì
0-0
0-0
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:43
Lakers
LNA
1 - 3
2. tempo
1-2
0-1
Bienne
1-2
0-1
 
 
9'
0-1 NEUENSCHWANDER
 
 
11'
0-2 KOHLER
1-2 SCHLAGENHAUF
16'
 
 
 
 
22'
1-3 CUNTI
NEUENSCHWANDER 0-1 9'
KOHLER 0-2 11'
16' 1-2 SCHLAGENHAUF
CUNTI 1-3 22'
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:43
Langnau
LNA
0 - 2
2. tempo
0-0
0-2
Losanna
0-0
0-2
 
 
22'
0-1
 
 
23'
0-2
0-1 22'
0-2 23'
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:43
Zugo
LNA
0 - 2
2. tempo
0-1
0-1
Lugano
0-1
0-1
 
 
17'
0-1 LAJUNEN
 
 
23'
0-2 SANNITZ
LAJUNEN 0-1 17'
SANNITZ 0-2 23'
Ultimo aggiornamento: 24.01.2020 20:43
Domenica 8 dicembre alle 20.30
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore
Premi del cinema svizzero, quelle nomination poco chiare
Spettacoli
10 ore
Ligabue accenderà l'ultima serata di Moon&Stars a Locarno
Spettacoli
21 ore
Sanremo, 300mila euro per Benigni: scatta il tormentone compensi
L'intervista
23 ore
Ride bene chi ride Ornano (anche a Locarno)
Spettacoli
1 gior
'Fuori due, ne restano quattro' (Life of Terry Jones)
Culture
1 gior
Al Locarno Festival arriva 'la' retrospettiva
Scienze
1 gior
Cranio misterioso potrebbe essere quello di Plinio il Vecchio
Spettacoli
2 gior
Tina Turner fa ritirare un manifesto in Germania
Scienze
2 gior
E-cig dannose per la salute e non sicure
Culture
2 gior
Nomine Rsi, anche Savoia tra i promossi
Spettacoli
2 gior
Ozzy Osbourne rivela: 'Ho il morbo di Parkinson'
Spettacoli
2 gior
Sanremo e il mal di Cally, rapper nella bufera
Scienze
3 gior
La mano robotica che afferra gli oggetti senza toccarli
Società
3 gior
Più di 30mila letterine per Babbo Natale e Gesù Bambino
Spettacoli
3 gior
Morto Urs Egger: fu regista di 'Gottardo', maxi produzione tv
Spettacoli
3 gior
Peppe Vessicchio, lectio sanremensis
Arte
4 gior
Boom di visitatori alla Fondazione Beyeler di Basilea
Spettacoli
4 gior
Madonna cancella di nuovo un concerto, 45 minuti di preavviso
Spettacoli
4 gior
Sognare Federico Fellini, a cent'anni dalla nascita
Società
4 gior
Harry: ‘Volevamo rinunciare solo ai fondi pubblici’
Società
4 gior
Noëmi Lerch, scrivere dall'alpe
Spettacoli
6 gior
Negrita, è rock celebration
Pensiero
6 gior
Se il fact checking diventa un’ossessione
cinema
6 gior
Io, Ricky Turner ('Sorry we missed you')
Culture
1 sett
Artisti ‘in erba’ per l’Expo Idéale
Scienze
1 sett
Lo stress da lavoro fa male al cuore, c'è la (prima) prova
Società
1 sett
Ogni 25 marzo sarà il Dantedì
Società
1 sett
Harry e Megan in Canada? 'No grazie'
Spettacoli
1 sett
La Biennale di Venezia si affida a Cate Blanchett
Scienze
1 sett
Clima, gli ultimi cinque anni i più caldi dal 1880
Spettacoli
1 sett
Billie Eilish canta per James Bond
Spettacoli
1 sett
Dalla panchina al balconcino, Ale e Franz shakespeariani
Società
1 sett
Harry e Meghan, a chi la fattura?
L'intervista
03.12.2019 - 16:320

Fabio Concato, domenica ti porterò sul Lac

A Lugano l'8 dicembre con tutta la sua storia, incluso quel singolo ‘bestiale’ che fece innamorare Silvio e Veronica e per il quale appare in ‘Loro’ di Sorrentino

L’avevamo lasciato nel 2017 nelle acustiche stanze della Rsi a suonare il suo ‘Gigi’, album dedicato al padre con dentro i classici di un’intera carriera rivisitati in chiave jazz con il Paolo Di Sabatino Trio. Fabio Concato torna a Lugano domenica 8 dicembre, nella Sala Teatro del Lac alle 20.30 (info e prevendita: 058 866 42 22), con l’‘Open Tour’ che gira l’Italia senza connotazione di album. Al suo fianco, questa volta, il quartetto formato da Ornella D’Urbano (arrangiamenti, piano e tastiere), Stefano Casali (basso), Larry Tomassini (chitarre) e Gabriele Palazzi (batteria). Quelli di ‘Tutto qua’, ad oggi l’ultimo, splendido, lavoro di inediti. Partendo da un libro e anche da un film – ‘Loro’ di Paolo Sorrentino, nel quale Fabio interpreta sé stesso alla chitarra in ‘Domenica bestiale’, che fu canzone di tali Silvio e Veronica – riviviamo per aneddoti tratti di storia in cui la musica arriva prima del resto (come sempre dovrebbe...).

Appartieni alla ristretta cerchia di musicisti che non necessitano di un nuovo album per avere un tour. Il tuo, a guardar bene, dura tutto l’anno.

È vero e credo sia una cosa molto bella, perché mi accorgo di riempire spesso i teatri senza essere palesemente presente sul mercato discografico. Mi viene da pensare di aver seminato bene, oltre che essere stato fortunato.

La prima che hai detto.

La prima, ma pure la seconda. È anche un fatto di storia che girava in un certo modo, di discografia e di talent scout che adesso non esistono più. Fatta salva Maria De Filippi, è ovvio, la più grande talent scout d’Europa...

Percepisco della satira...

Sì, assolutamente (ride, ndr). Vedi, noi ridiamo, ma sai qual è la tragedia? È che è vero. Chi altri tira fuori dalla tv ballerini, cantanti e attori? Lo faceva Costanzo...

Nel libro ‘Fabio Concato - Conoscerlo e capirlo attraverso i suoi testi,’ Emiliano Longo scomoda per te addirittura la fotosintesi clorofilliana. Ed è fonte inesauribile di aneddoti. Ne riporto uno: la tua amicizia con Schizzo.

Gigi, mio padre, lo chiamava Schizzo, perché Enzo (Jannacci, ndr) era una pallina. A casa nostra saltava come un grillo da una stanza all’altra, e sul pianoforte. “Dai Gigi, vieni qui”, “Dai Gigi senti qui!” (con buona imitazione di Jannacci, ndr). E se mio padre diceva “Enzo...”, era perché stava perdendo la pazienza. Era Schizzo anche per mio zio, che ha suonato parecchio con lui. Anche se si sono visti poco, Enzo e mio padre si sono voluti molto bene.

Aneddoto n.2: Schizzo ti ruppe l’albero della barca...

Sì, una barchetta svedese regalataci da nostro padre. Andava come un siluro. Io e mio fratello avevamo detto a Enzo di stare attento perché sembrava facile da governare, ma con quel vento... E in pochi secondi l’albero era rotto. “Se me lo dicevi prima che c’era il vento...” (cita, imitandolo, il Jannacci di ‘Se me lo dicevi prima’, 1989, ndr).

Aneddoto n.3: la parlata del ‘terrunciello’ che rese famoso Abatantuono nasce in un cinema di Milano guardando ‘Butch Cassidy,’ ed è idea tua.

Sì, mia e di Giorgio Porcaro. Con un risvolto triste, e cioè che Giorgio non è mai riuscito a superare il problema che l’unico identificato con quella parlata sarebbe poi stato il solo Abatantuono. Quando Enzo mise tutti e due nello spettacolo ‘La tappezzeria’, li fece parlare entrambi così. Jannacci ha sempre avuto un occhio di riguardo per Diego, perché persona di umili natali, perché la mamma era guardarobiera al Derby e perché entrambi, Diego ed Enzo, avevano le medesime origini proletarie.

Quarant’anni fa usciva ‘Zio Tom,’ tuo concept album in cui c’è un domestico di colore che al desiderio di emancipazione risponde ‘Malcolm, che vuoi lottare? Devi deciderti a metter la testa a partito e a pregare'...

‘Zio Tom’ mi è venuta in mente come ‘A Dean Martin’ (brano del 1977 cantato in un misto d’italiano e americano maccheronico, ndr). Ero ancora molto attento alla politica, soprattutto a quella americana. Ricco, potente, bravo, Dean Martin decisi di colpirlo al cuore facendolo incontrare con uno dei primi travestiti. ‘Zio Tom’, invece, era la fake news del prototipo del domestico di colore, quello che in casa “non si fa niente, neanche mezza polpetta senza che l’abbia vista io”. È il presunto stupido, quel nero totalmente artificioso che non è mai esistito se non nella mente malata degli americani.

E poi il ‘Rag. Minghella,’ endecasillabi su base alla Weather Report per cantare di un maschilista che mette la moglie sotto la campana di vetro e si stupisce se lei piange tutto il dì...

Un uomo di una tristezza infinita, con questa moglie della cui rassegnazione non si accorge. E pensa che le aveva fatto anche prender la patente, e comperato tutti gli elettrodomestici...

Aneddoto n.4. ‘Fiore di maggio’ non è affatto casuale: prima che arrivasse il successo hai fatto il fiorista...

Sì, per un paio di anni. Tra il 1977 e il 1979 avevo pubblicato tre dischi, ma dopo ‘Zio Tom’ mi resi conto che non era successo nulla e caddi in una profonda prostrazione. Mi dissi che avrei dovuto fare qualcosa, perché era insopportabile vedere mia moglie uscire per andare a lavorare mentre io me ne stavo in casa. Il fiorista, unitamente a un po’ di terapia, mi salvò...

Aneddoto n.5: una volta composta ‘Domenica bestiale,’ il tuo commento fu: “A me sembra una caz **** ”; quello di tua moglie: “Io non ci capisco molto, ma a me non sembra tanto male”.

Non era un convincimento, ma rispetto a quel che avevo scritto sino ad allora mi sembrava molto diversa. Poi ho capito che era una canzone molto sentita, molto vissuta e anche un po’ furba, e con qualche possibilità di avere successo. Comunque, fino ai primi passaggi in radio, non avevo capito del tutto quel che avevo scritto. È successo anche che dopo due o tre anni l’avevo cantata così tante volte che non potevo più sentirla. Ma quello credo sia fisiologico per tutti i grandi pezzi che ti chiedono di eseguire sempre, e se non li fai ti menano. Però, a distanza di 40 anni, trovo che sia meravigliosa, e non perché l’ho scritta io, ma perché aveva le caratteristiche giuste.

Venendo a ‘Loro’ di Sorrentino: quando hai scoperto che era la canzone di Silvio Berlusconi e Veronica Lario?

Quando me l’ha rivelato Sorrentino, dicendomi: “Non so quanto ti possa far piacere... (ride, ndr) ma è così, mi sono documentato”. Mi ha detto: “E se ti chiamassi per fare questa cosa, la faresti?”. Io gli ho risposto che non avrei mai voluto risultare come uno dei suoi cantori, cosa che non sono mai stato. Paolo mi ha assicurato che non correvo rischi. Disse “Anzi, poi nel film Apicella ti vorrà morto...”.

Per te che notoriamente non scalpiti per stare davanti a una telecamera, che esperienza è stata?

Fantastica, hollywoodiana, con bellissime pause durante le quali è stato bello scambiare due parole con Servillo, Elena Sofia Ricci, con Paolo che è persona affettuosissima, e con tutte le maestranze. C’era aria di kolossal. Un conto è girare un video musicale, altra cosa è avere intorno centoventi persone, anche se si trattava di un playback...

Un playback riuscito bene...

Sì. Ma affinché non si capisse che era un playback, ho imposto a Sorrentino dei campi molto, molto lunghi (ride, ndr). Scherzo, non mi sarei mai permesso.

Pioveva come Dio la mandava...

Non esattamente. La pioggia è stata aggiunta con l’elettronica, ma io venivo bagnato davvero. Ogni volta che mi asciugavo un po’, arrivava un tizio con l’innaffiatoio. Mi hanno ‘fatto su’ come una salsiccia, dentro una specie di domopack trasparente per evitare che l’acqua finisse nelle ossa. Non era un settembre caldo e tirava un gran vento.

Diserti i salotti ‘alla Barbara D’Urso,’ che immagino ti chiederebbe se ‘Fiore di maggio,’ e cioè tua figlia, sia nata “sulla spiaggia” o “a casa di mio fratello” e probabilmente sguinzaglierebbe reporter in cerca di testimoni. Io credo che il disertare paghi...

Non so, credo di sì. Almeno secondo me e secondo quelli che mi vogliono bene. Guai a farmi vedere lì, ma soprattutto per me, perché non saprei cosa dire, mi sentirei in imbarazzo. Non voglio dire “con tutta la stima che ho per lei”, ma “con tutto il rispetto per il suo mestiere”, la sua è una televisione, credo, molto pericolosa.

Perdona la Barbara D’Urso che c’è in noi: ‘Fiore di maggio’ è nata sulla spiaggia o a casa di tuo fratello?

Credo proprio che fosse casa di mio fratello, che purtroppo se n’è andato poco tempo fa. Ti dirò di più, forse era la sera in cui l’Italia vinse i Mondiali di Spagna.

Grazie per lo scoop. Proporrei di finire in musica: ‘Canto,’ ‘Quando arriverà,’ ‘Se non fosse per la musica,’ hai cantato spesso la tua arte. E se non fosse stato per la musica?

Se non fosse stato per la musica sarebbe stato un bel problema. Non credo di saper fare molto di più. Fino a una certa età avrei fatto un mestiere fisico. Non voglio dire il contadino, che ci devi nascere e ti spacca in due. E poi oggi, la terra, nemmeno ti basterebbe lavorarla, forse ti chiederebbero di esserne anche un buon manager. Ero partito per fare lo psicanalista e lo psichiatra, studiavo per arrivare lì. È stato il cabaret a rovinare tutto. Cabaret che ho anche utilizzato come alibi, sono sincero.

Per molti di noi, comunque, le tue non sono semplicemente canzoni, ma vere e proprie sedute di analisi

Ah certo, se è per questo me lo diceva anche il mio psicanalista. Mi ha ascoltato per molto tempo e mi diceva che sarei potuto essere un buon medico.

© Regiopress, All rights reserved