laRegione
Nuovo abbonamento
+14
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
1 ora
Il lungo volo di Biriki
Incontriamo Bruna Ferrazzini e l’uccellino da lei creato: leggero, curioso, contagioso. E libero
Spettacoli
1 ora
Marco Solari: essenziale un Festival in presenza
Locarno 2020 avrà anche delle proiezioni in sala, presentate giovedì. Ma dovrà rinunciare a Piazza Grande e alla Rotonda, “palla al piede necessaria”
Culture
10 ore
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
20 ore
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
20 ore
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
23 ore
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
23 ore
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
1 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
1 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
1 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
1 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
1 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Spettacoli
2 gior
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
2 gior
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
2 gior
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
2 gior
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
2 gior
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Spettacoli
29.11.2019 - 06:000

L'energia dell'arte, il ghiaccio della scienza

Dagli studi sul riscaldamento globale al Greta Thunberg, intervista al glaciologo Felix Keller, al Lac per l'incontro ‘La scienza a regola d’Arte’

Un luogo insolito, misterioso, al di là delle nostre aspettative e previsioni: è questa l’Antartide che Julian Charrière ha incontrato e che – «ma è una ricostruzione, una finzione, una fantasmagoria», ci ha spiegato – ha messo nella sua suggestiva esposizione in corso al Museo d’arte della Svizzera italiana. Dopo l’inaugurazione, Charrière è tornato al Lac di Lugano per incontrare il glaciologo Felix Keller, per un riuscito dialogo tra i due saperi, parte del ciclo di appuntamenti ‘La scienza a regola d’Arte’ promosso dalla Fondazione Ibsa.

Felix Keller, cosa possiamo scoprire, sul clima, studiando il ghiaccio?

Perforando il ghiaccio, specialmente in Antartide ma anche in Groenlandia, possiamo imparare molto sulla storia del clima e al momento possiamo andare indietro di ottocentomila anni, scoprire quali erano le condizioni climatiche prima che noi esseri umani fossimo qui.

E come era il clima prima dell’uomo? Lo chiedo perché uno degli argomenti dei negazionisti è, appunto, che il riscaldamento globale sia un fenomeno naturale, non originato dall’uomo.

Le nostre ricerche portano a tre importanti conclusioni. La prima è che, effettivamente, il clima è sempre mutato. Ma – e questa è la seconda conclusione – l’umanità ha dimenticato come convivere con questo cambiamento climatico naturale: abbiamo sviluppato la nostra società come se il cambiamento climatico non esistesse. E la terza conclusione è che i gas serra come il metano e l’anidride carbonica aumentano in maniera significativa questi fenomeni, come mai abbiamo osservato negli ultimi ottocentomila anni.
Quello che dobbiamo fare adesso è non solo rimparare a vivere con il cambiamento climatico naturale , ma anche imparare a vivere con gli i mutamenti climatici amplificati dovuti alle emissioni di anidride carbonica, metano e altri gas serra.

Quindi è vero che il clima muta naturalmente – ma non è una buona notizia per noi.

Esatto, perché abbiamo due sfide davanti a noi: rimparare a vivere con il ciclo climatico naturale e imparare ad affrontare gli effetti dei gas serra.

Come glaciologo, quali effetti avrà il riscaldamento globale?

Se studiamo tutto il ghiaccio che esiste al mondo, scopriamo che le più importanti riserve di acqua dolce sono congelate. La maggior parte di ghiaccio si trova in Artide, Antartide e in Groenlandia, ma anche in alta montagna. E in regioni come l’Himalaya ci sono milioni di persone che dipendono dai ghiacciai per l’acqua dolce. Con il riscaldamento globale, questa situazione potrebbe cambiare.

In che modo?

La prima conseguenza della fusione dei ghiacciai è che milioni di persone – soprattutto nella regione dell’Himalaya e nelle Ande – non avranno abbastanza acqua dolce per sopravvivere. Per questo è importante proteggere i ghiacciai: affinché i contadini di queste regioni abbiano anche in futuro abbastanza acqua.

Questa penuria d’acqua dolce colpirà anche l’Europa?

Al momento non sembra esserci questo problema: per ora il riscaldamento globale porta altri problemi, da noi. Ma non escludo che fra trenta o quarant’anni anche a noi serva un sistema per proteggere i ghiacciai.

A cosa si riferisce? Come è possibile proteggere i ghiacciai dal riscaldamento globale?

In realtà c’è una soluzione abbastanza semplice, il riciclo dell’acqua di fusione dei ghiacciai. In estate i ghiacciai perdono una notevole quantità d’acqua: in una giornata calda il ghiacciaio del Morteratsch può perdere un milione di tonnellate di ghiaccio. Se conserviamo quest’acqua in alta montagna, la possiamo ricongelare, possiamo produrre neve senza dispendio energetico e con questa neve ricoprire i ghiacciai, perché la neve è la migliore protezione che si possa avere.
Con questo sistema di riciclo dell’acqua di fusione è possibile, coprendo il dieci per cento della superficie, fermare il ritirarsi dei ghiacciai in dieci o quindici anni.

Ma funziona?

Con il progetto MortAlive – “la morte viva”, ridare vita al ghiacciaio – stiamo sviluppando un sistema per produrre 40mila tonnellate di neve al giorno. Non è semplice, per questo siamo felici che l’agenzia svizzera per l’innovazione Innosuisse ha deciso di sostenerci nello sviluppo di questa tecnologia.

Con l’obiettivo, se ho capito bene, di esportare questa tecnologia nelle Ande e sull’Himalaya.

Sì, questo è l’obiettivo.

Sono anni che gli scienziati lanciano allarmi sul riscaldamento globale. Ma a smuovere le coscienze è stata una ragazza svedese, Greta Thunberg…

Secondo me la cosa davvero importante è che ci rendiamo conto dell’enorme divario che c’è tra quello che sappiamo sul cambiamento climatico e quello che facciamo. Gli psicologi che hanno studiato il fenomeno ci dicono che serve molta motivazione e per me può essere un po’ un problema che Greta Thunberg stia motivando molti giovani ma allontanando gli adulti che non apprezzano quel tipo di motivazione. Capisco che in questo momento ci serva la rabbia, per motivarci, ma da padre voglio dare una speranza per il futuro.

E ci sono motivi per sperare?

Sappiamo che cosa fare. Ci manca la motivazione, l’energia.

Potrebbe arrivare dall’arte?

Assolutamente sì: l’arte è da sempre una parte importante della vita degli esseri umani. Se mi chiede perché abbiamo bisogno dell’arte, la risposta non è perché ci dà da mangiare o perché ci dà soldi. L’arte ci dà la motivazione ed è questo quello che ci manca: abbiamo abbastanza da mangiare, abbiamo abbastanza soldi ma non abbiamo abbastanza motivazione. Arte e scienza devono collaborare, e non solo sul riscaldamento globale, perché l’arte ci dà energia.

Guarda tutte le 18 immagini
© Regiopress, All rights reserved