Società

Spotify a dieta: salta il 10 per cento dei dipendenti

Dopo i seicento licenziamenti di gennaio l'azienda annuncia un'ulteriore riduzione del personale: questione di ottimizzazione dei podcast

Nuovi tagli
(Keystone)
11 giugno 2023
|

Prosegue l'anno di ottimizzazione delle aziende tecnologiche. A fare i conti con le difficoltà economiche è ancora una volta Spotify, che dopo i tagli di gennaio licenzierà altre 200 persone. Come spiega Sahar Elhabashi, vicepresidente e responsabile della divisione Podcast Business, a essere coinvolto è il 2% della forza lavoro della piattaforma destinata all'unità podcast. A gennaio, Spotify aveva licenziato circa 600 lavoratori, ossia il 6% delle risorse a livello globale. La mossa, decisa per ottimizzare la gestione dei podcast riducendo le uscite, porterà sotto lo stesso tetto Parcast e Gimlet, i due network di produzione di contenuti digitali e podcast, acquisiti nel 2019, che si uniranno alla divisione Spotify Studios. «Stiamo espandendo i nostri sforzi di partnership con i principali podcaster di tutto il mondo con un approccio su misura ottimizzato per ogni programma e creatore. Questo perno è fondamentale per avere una proposta più uniforme, che ci consentirà di supportare meglio la comunità dei creatori» sottolinea Elhabashi.

Sempre a gennaio erano arrivate le dimissioni del chief content officer Dawn Ostroff, che durante la sua permanenza in Spotify aveva aumentato, di circa 40 volte, la proposta di podcast sul servizio di streaming, portandolo quasi al pari della musica. Negli ultimi mesi non sono mancati problemi con i contenuti in sé, come lo show The Joe Rogan Experience, accusato di veicolare disinformazione sul tema dei vaccini contro il Covid-19.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE