ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi/Microcinema
5 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
6 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
16 ore

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
17 ore

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
19 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
21 ore

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
23 ore

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
1 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
1 gior

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
1 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
laR
 
03.10.2022 - 22:59

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista

dagli-scout-alla-lotta-operaia-storia-orale-dell-mgp
(D.B.)

"Era come una sorta di risveglio, del quale non ci rendevamo conto nel momento in cui l’abbiamo vissuto". Parole d’un vecchio militante del Movimento giovanile progressista (Mgp), formazione della sinistra autonoma ticinese che vivacizzò la scena politica a cavallo tra anni Sessanta e Settanta. Parole confluite – insieme a numerose altre testimonianze – tra le pagine di ‘Inseguendo la rivoluzione’, il volume che la fondazione Pellegrini Canevascini ha appena dedicato all’Mgp e alla sua successiva incarnazione, Lotta di classe. Un’opera della "collana rossa" che l’autore – il giovane storico Giacomo Müller – presenterà domani alle 20 alla Casa del Popolo di Bellinzona (interverranno Bruno Strozzi e Vincenzo Di Dio, due ex militanti, e Franco Cavalli di ForumAlternativo). Ne parliamo con Danilo Baratti, membro della Fondazione che insieme a Müller ha curato l’edizione.

Dagli scout al marxismo-leninismo, dai sentieri di montagna all’operaismo (in un cantone senza operai, se non ‘d’importazione’). La storia dell’Mgp sembra spiazzante, anche se in fondo somiglia a quella di molti movimenti della ‘New Left’ europea. Come ebbe inizio il tutto?

L’Mgp nacque in seno a uno specifico gruppo di scout liberali, il clan Rover dell’Aget di Bellinzona. Qui sorsero i primi confronti e sensibilità politiche. Da lì provengono leader come Giorgio Bellini, Renato Berta ed Enrico Furger, che poi porteranno le loro rivendicazioni nelle scuole e vedranno allargarsi il gruppo. A quel punto però il Movimento si emanciperà dalle sue origini, sposando il marxismo.

Uno dei militanti intervistati nel libro ricorda: "Andavamo coi cartelli ‘I vietcong a Saigon’, che non era una buona idea ma comunque è così. (...) Ci siamo accorti a un certo punto che i giovani seguivano noi soprattutto, cioè c’era bisogno di radicalizzazione in quel senso lì". All’apice della sua popolarità, poco prima del declino degli anni Settanta, l’Mgp contava una ventina di quadri e riusciva a mobilitare qualche centinaio di simpatizzanti. Cosa facevano?

C’erano naturalmente la mobilitazione, le manifestazioni e i dibattiti, in cui temi più internazionali come la guerra in Vietnam si intersecavano con le esigenze locali di studenti e apprendisti. Ricordiamo d’altronde che il Ticino sarà per certi versi un precursore del ’68 – si pensi in particolare all’occupazione della Magistrale di Locarno nel marzo di quell’anno – nel rivendicare una società più giusta. Un’esperienza che naturalmente si accosta a quella delle altre regioni svizzere e dell’Europa in generale.

L’Mgp sposò presto l’operaismo, ovvero l’idea – che in Italia si incarnava in formazioni come Potere Operaio – che il percorso rivoluzionario dovesse nascere dalle fabbriche, e che la vicinanza degli studenti al proletariato fosse fondamentale per rovesciare il capitalismo. Anche con la forza.

Non, però, la forza intesa come terrorismo. In Ticino non vi fu mai l’involuzione armata che si vide in Italia con una frangia di Potere Operaio: il confronto rimaneva inteso come lotta di classe nel senso più ampio, il linguaggio col senno di poi poteva a volte apparire violento, ma non vi furono sconfinamenti in quella direzione.

L’attività dell’Mgp appare marcatamente pubblicistica: com’era tipico in quei tempi si davano alle stampe volantini, giornali, quaderni ("non si può più improvvisare, spontaneismo finito, ora è tutta una roba di quaderni…" notava con una certa ironia Giorgio Gaber). A che pro?

Contava la volontà di organizzare, di studiare, di capire la realtà con rigore analitico per poterla cambiare. Un approccio che è sopravvissuto fino a oggi in vari partiti, movimenti, atenei che hanno poi accolto gli eredi di quegli anni. Va però detto che parecchi militanti sono anche andati, almeno per qualche tempo, a lavorare in fabbrica.

Ciascuno però andò per la sua strada, decretando l’evaporazione del movimento dopo una decina d’anni: nel 1975 quel capitolo si poteva già considerare chiuso. Cos’era successo?

Si sentì certamente l’onda del riflusso, del ritorno al privato, oltre alla cappa degli anni di piombo. Molti si erano spostati nelle città, anche appunto per condividere direttamente l’esperienza operaia, ma finendo per perdersi un po’ di vista. Si dissolse l’organizzazione: l’unico che avrebbe resistito, tra gli esperimenti di quegli anni, si sarebbe dimostrato il Partito socialista autonomo (1969-1992, ndr) poi confluito nel Ps. Ma rimase un’eredità di persone e di idee.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved