ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 min

’Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 ora

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa e Europa
Libri
1 ora

Le ciliege della costa del Mar Nero

Pubblichiamo un estratto dalla prima sezione del terzo capitolo ‘Üsküdar’ tratto dal libro ‘Un inverno a Istanbul’, tradotto da Laura Bortot
Musica
3 ore

Enrico Fagone tra l’Osi e il Grammy®

Ha diretto la London Symphony Orchestra, solisti Saunghee Lee (clarinetto) e JP Jofre (bandoneon) nel cd ‘Aspire’. È candidato all’Oscar della musica.
Culture
13 ore

Manipolazione psicologica è la parola più diffusa nel 2022

Il termine inglese è gaslighting e si rifà a una pièce teatrale del 1938, dalla quale sono stati tratti due celebri film
Arte
13 ore

È record di vendita per la regina Elisabetta II in blu di Warhol

La serigrafia della defunta monarca è stata battuta all’asta a Toronto per 853mila dollari
Scienze
14 ore

Risuscitati virus zombie rimasti per millenni nel permafrost

Il cambiamento climatico agisce anche sul terreno tipico delle regioni fredde: il più antico agente patogeno risale a 50mila anni fa ed è tuttora infetto
Culture
14 ore

Laurea non più essenziale per posizioni da top manager

Per diverse grandi aziende come Google o Ibm i criteri principali per le assunzioni diventano ora esperienza e capacità
Plurilinguismo
01.09.2022 - 18:16
Aggiornamento: 18:36

Monito ai Politecnici federali: più attenzione all’italiano

Rispondendo a un’interpellanza che chiede le informazioni in lingua del sì online, il Consiglio federale invita a seguire la legge sulle lingue

Ats, a cura di Red.Cultura
monito-ai-politecnici-federali-piu-attenzione-all-italiano
Keystone
Per un accesso a tutti senza l’ostacolo della lingua

Anche i Politecnici federali, e gli istituti afferenti, devono adeguarsi alla legge sulle lingue e presentare quindi in italiano tutta o parte delle informazioni sulle rispettive pagine web. È quanto scrive il Consiglio federale rispondendo a un’interpellanza della liberale radicale Anna Giacometti.

Secondo la consigliera nazionale grigionese, è vero che l’inglese si è ormai affermato come lingua della scienza, ma purtroppo si assiste a livello federale a una costante prevaricazione nei confronti delle lingue nazionali anche in contesti in cui dovrebbe essere garantita parità di trattamento. A subirne le conseguenze è soprattutto l’italiano, fa notare la deputata accennando alle pagine internet di istituti nazionali come i Politecnici federali, il Fondo nazionale svizzero, Eawag, Paul Scherrer Institut, Empa. Questi ultimi operano su mandato del Consiglio federale e beneficiano di un importante sostegno finanziario da parte della Confederazione, ma tralasciano sistematicamente l’offerta di una versione delle proprie pagine internet in lingua italiana. E quando queste pagine sono presenti, il contenuto in italiano è estremamente ridotto.

Per Giacometti, ciò rappresenta un’inosservanza del plurilinguismo costituzionale federale e, nel caso dei Politecnici, l’assenza di informazioni rilevanti nella propria lingua madre costituisce una difficoltà ulteriore per le future studentesse e i futuri studenti italofoni. Nella sua risposta, il governo sottolinea di dare grande importanza alla promozione delle lingue nazionali, in particolare all’interno dell’Amministrazione federale centrale. Benché l’inglese abbia oramai assunto le vesti di lingua della scienza, l’esecutivo riconosce che il settore dei Politecnici e i suoi istituti appartengono anche all’Amministrazione federale decentralizzata e rientrano nel campo d’applicazione della legge sulle lingue. Per questo, il Consiglio federale solleciterà il Consiglio dei Politecnici federali "ad adoperarsi insieme agli istituti del settore dei Politecnici affinché i contenuti dei rispettivi siti internet siano presenti in modo adeguato nelle lingue ufficiali".

Tuttavia, precisa il governo, la situazione è diversa per swissuniversities e il Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (Fns). Non facendo parte dell’Amministrazione federale, essi non rientrano nel campo d’applicazione della legge. A differenza di swissuniversities, però, l’Fns ha il compito di diritto pubblico di promuovere la ricerca scientifica. Per questo, in occasione della stesura della convenzione sulle prestazioni 2025-2028 con il Fondo, la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione solleverà il tema dell’adeguata considerazione delle lingue ufficiali, in particolare nei contenuti digitali dell’Fns.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved