01.09.2022 - 17:54
Aggiornamento: 18:37

Alla Svizzera interna lo streaming piace, bene anche il cinema

Lo dice Digimonitor, lo studio che ha pubblicato oggi i risultati della fruizione dei media, livelli da primato soprattutto per Netflix

Ats, a cura di Red.Cultura
alla-svizzera-interna-lo-streaming-piace-bene-anche-il-cinema
Keystone
Anche il grande schermo è tornato ad animarsi

La fruizione dei servizi di streaming Netflix, Spotify e Disney+ nella Svizzera nordalpina ha raggiunto livelli da primato nel 2022. Per ciascuna di queste piattaforme si sono registrati 400mila utilizzatori supplementari. Il cinema, dopo la pandemia di Covid-19, ha ritrovato numerosi spettatori. Sono alcuni dei risultati dello studio Digimonitor pubblicato dalla comunità di interesse per i media elettronici Svizzera (Igem) e dalla società Wemf, attiva nella ricerca sull’utilizzazione dei media.

Dal 2014, Digimonitor rileva ogni anno l’uso dei media e dei dispositivi elettronici nella Svizzera tedesca e in Romandia. Lo studio del 2022 si basa su un’indagine telefonica e in linea presso 1’842 persone di oltre 15 anni, anche prive di connessione a internet (1’058 nella Svizzera tedesca e 784 in quella francofona), realizzata tra inizio aprile e la metà di giugno. Gli autori indicano che il campione è rappresentativo della popolazione.

Netflix ha superato i tre milioni di utenti, Spotify ha raggiunto quota 2,5 milioni e Disney+ un milione. Accanto all’accresciuto interesse per film e serie televisive su schermi più o meno piccoli, a Nord delle Alpi la gente ha anche approfittato delle sale: nel primo anno post-pandemico infatti i quattro quinti dei cinefili sono tornati al cinema, per un totale di 2,5 milioni di persone nel primo semestre dell’anno.

In altro ambito, non c’è stata neppure disaffezione per i servizi di videoconferenza. Nonostante il ritorno al lavoro in presenza in ufficio, 1,1 milioni di persone continuano a utilizzare questi strumenti.

Anche le reti sociali TikTok, Instagram e LinkedIn registrano una crescita degli utilizzatori. Per le tre sono stati censiti tra 150mila e 200mila nuovi utenti. Instagram, che ne conta 2,5 milioni, tallona Facebook, utilizzato almeno occasionalmente da 2,8 milioni di persone. LinkedIn, impiegato principalmente nello sviluppo di contatti professionali e nella diffusione di contenuti specifici relativi al mercato del lavoro, è sfruttato almeno di tanto in tanto da 1,8 milioni di persone. Il servizio di video brevi TikTok ha 860mila utilizzatori.

Cinque milioni di persone leggono occasionalmente notizie in linea, ma solo 1,1 milioni hanno sottoscritto un abbonamento a pagamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved