ULTIME NOTIZIE Culture
Conferenza
1 ora

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
2 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
3 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
6 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
17 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
21 ore

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
22 ore

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
22 ore

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
23 ore

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
23 ore

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
1 gior

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
2 gior

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
2 gior

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
ISTANBUL
2 gior

Al capolinea la storia d’amore fra Mauro Icardi e Wanda Nara

Dopo la fine della love story fra il calciatore Francesco Totti e la showgirl Hilary Blasi l’annuncio di una nuova rottura
Culture
3 gior

È morta la scrittrice Hilary Mantel, fu due volte Booker

Nota come autrice della trilogia su Thomas Cromwell e come polemista, si è spenta all’età di 70 anni
Spettacoli
3 gior

Nino D’Angelo, ‘Il Poeta che non sa parlare’ a Lugano il 5 marzo

Fa tappa al Palacongressi la serie di concerti dell’artista napoletano, tra grandi successi e le canzoni dell’ultimo album, finalista al Premio Tenco
Culture
3 gior

Come sbiancare una sirenetta

Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Musica
3 gior

I tre concerti dell’Orchestra Arcadia

Sabato primo ottobre a Lugano, il giorno dopo a Riva San Vitale, sabato 8 ottobre ad Ascona
Culture
3 gior

Le scritture femminili del FIT Festival

Con ‘Chasing a Ghost’ di Alexandra Bachzetsis si apre il 28 settembre il FIT Festival del Teatro e della scena contemporanea
Spettacoli
3 gior

Un Sociale dai temi sociali

Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Culture
3 gior

Museo in erba, la stagione 2022-2023

‘Arte, che passione!’ fino al 20 novembre; ‘Ritmi, forme, colori’ (Centre Pompidou Parigi), dal 26 novembre; ‘Da ün Giacometti e l’altar’ dal 1° aprile
laR
 
14.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:29

Fabri Fibra a Lugano: ‘Si legittima la violenza sulle donne’

L’intento di Io l’8 è ‘provocare una reazione e far sì che la società si interroghi sull’opportunità di portare un musicista come il rapper in città’

fabri-fibra-a-lugano-si-legittima-la-violenza-sulle-donne
WikiMedia
Si esibirà in piazza Luini il 6 luglio prossimo

Sono indignate e contrariate. Anzi, di più: sono arrabbiate le militanti del collettivo femminista Io l’8 ogni giorno. Indignazione e rabbia sono le reazioni al concerto che Fabri Fibra (al secolo Fabrizio Tarducci) terrà il prossimo 6 luglio in piazza Luini a Lugano, quella antistante il Lac. L’evento in programma – con il sostegno della Città di Lugano e alcuni media locali, in collaborazione con il LongLake Festival e MyNina Spettacoli – ha provocato il biasimo delle femministe che, dopo una lunga discussione al loro interno, hanno deciso di inviare a organizzatori e promotori una lettera aperta (cfr. laRegione, 13 giugno 2022, pagina 11). Fra le altre cose, Io l’8 chiede l’annullamento dell’esibizione del controverso rapper marchigiano: "Un personaggio che da 20 anni costruisce la propria fama e profittabilità commerciale inneggiando pubblicamente all’odio e alla violenza contro le donne e le persone Lgbt", ha scritto il collettivo, che alle 18 di oggi scenderà in piazza Governo per ribadire la necessità di strumenti validi ed efficaci per contrastare le varie forme di violenza sulle donne.

Seppur coscienti del fatto che parlare del musicista implichi dargli risalto, le militanti hanno ritenuto doveroso e urgente prendere posizione in merito alla sua presenza a Lugano. A loro modo di vedere la scelta di farlo esibire in piazza Luini avrebbe quale rischio la legittimazione del messaggio veicolato dalla sua musica che ha quali meri scopi il successo e la commercializzazione. «In più occasioni lo stesso Fabri Fibra ha esplicitamente dichiarato che nei suoi testi non c’è alcun intento critico, culturale o artistico», ribadiscono Elena Nuzzo e Angelica Lepori, militanti di Io l’8 interpellate da laRegione.

L’intento del collettivo, lo scriviamo subito, «è provocare una reazione e far sì che la società si interroghi sull’opportunità di portare un musicista come Fabri Fibra in centro città, promuovendone di fatto il lavoro senza tematizzarne criticamente i contenuti».

‘Double Trouble’

«Un evento del genere viola gli impegni presi dalla Confederazione (e dal Canton Ticino) nella promozione di incontri volti all’inclusione e all’eliminazione di pregiudizi e discriminazioni, sostenendo una cultura libera dagli stereotipi di genere; intervenendo anche sugli aspetti culturali che concepiscono e diffondono un’immagine femminile oggettificata, inferiore», spiega Elena Nuzzo, facendo riferimento agli articoli della Convenzione di Istanbul (ratificata dalla Svizzera nel 2017) che insiste sugli aspetti (soprattutto culturali) già presenti nella Cedaw (Convenzione per l’eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne, in vigore dal 1997).

L’esibizione del 6 luglio, secondo il collettivo, è dunque in aperto contrasto con i propositi contenuti nelle due convenzioni, portando nello spazio pubblico chi canta "se non me la dai te la strappo come Pacciani" (che non è esattamente come citare Gargamella, ndr), "Giro in casa con in mano questo uncino/ti ci strappo le ovaie e che cazzo me le cucino!", "Puttana vieni fuori che ti stupro" e ci fermiamo qui. «Dandogli spazio, le nostre istituzioni legittimano questa concezione senza problematizzarla, contestualizzarla all’interno di un percorso di riflessione», argomenta Nuzzo, che in questa occasione si è occupata di andare a cercare e approfondire il lavoro del rapper, leggendo e documentando sia i testi delle sue canzoni, sia gli articoli comparsi sulla stampa. Dalla ricerca svolta, illustra la militante, emerge «un’immagine della donna quale oggetto sessuale, nei cui confronti è permesso, legittimo, tollerato e normale arrivare allo stupro, al femminicidio e alle più estreme forme di violenza. Testi insomma intrisi sistematicamente di sessismo, misoginia, omofobia. A colpire soprattutto è la banalizzazione della violenza – sostiene –, inneggiata a tal punto da incitarla. Davvero le istituzioni vogliono dargli spazio?».

‘Troppo di tutto’

«La nostra reazione non è solo utile, ma anche doverosa. Nella nostra società la banalizzazione e lo sdoganamento di messaggi d’odio sono una tendenza, in questo caso non è "solo" sessismo ma è anche incitazione alla violenza e divulgazione di immagini di sessualità violenta basata sul possesso. Non è possibile accettare questo genere di contenuti e farli passare come provocazioni o scherzi, soprattutto pensando agli influssi che possono avere sulle giovani generazioni. Tanto più che Fabri Fibra non si è mai scusato, non ha mai riflettuto criticamente sui contenuti delle sue canzoni», ribadisce Angelica Lepori circa la pertinenza dell’azione del collettivo. «Un secondo elemento che ci ha fatto drizzare le orecchie e che ci ha spinto alla richiesta pubblica di annullamento è il fatto che chi ospita il concerto è il Lac, un ente sovvenzionato anche con soldi pubblici». Qualora fosse il caso, «la decisione di annullamento andrà naturalmente spiegata e tematizzata. Per Città, enti e organizzatori questa potrebbe essere l’occasione per prendere posizione su un tema urgente dicendo concretamente no alla violenza sulle donne, al di là dei proclami. Inoltre può essere un’opportunità per aprire un dibattito serio sul tipo di cultura e attività ricreative che Comune e Cantone vogliono promuovere», conclude Lepori.

‘L’uomo nel mirino’

Già conosciuto per le sue canzoni problematiche, non è di certo la prima volta che Fabrizio Tarducci viene criticato per i suoi testi: nel 2013 è stato per esempio escluso dal palco del Concerto del Primo Maggio a Roma. Allora, Fibra è stato accusato dall’associazione Dire – Donne in rete contro la violenza – di scrivere canzoni omofobe e misogine, facendo riferimento in particolare a "Su le mani". In quel frangente, il rapper si è difeso dalle critiche spiegando che le "immagini non vanno interpretate in modo letterale se utilizzate all’interno di un testo hip hop". Ciononostante gli organizzatori del concerto hanno deciso di revocargli l’invito. Nel 2016, il Tribunale di Milano ha condannato il rapper per diffamazione a una multa di ventimila euro come risarcimento al cantante Valerio Scanu, che lo aveva querelato per alcune frasi sessualmente esplicite e a sfondo omofobico a lui riferite nel brano "A me di te". In Italia, quella è stata la prima sentenza per diffamazione contro un cantante rap.

‘Potevi essere tu’

In quell’occasione, gli avvocati di Fibra avevano sostenuto la difesa appellandosi alla sua cifra stilistica, alla specificità del genere rap come espressione di rabbia attraverso un linguaggio esplicito e immagini forti. «Non ci si può nascondere dietro alla peculiarità del genere musicale. Si può essere crudi e schietti senza legittimare l’uso della violenza contro le donne», sostiene Nuzzo. «Il 6 luglio è all’indomani della Conferenza sull’Ucraina a Lugano (4 e 5 luglio, ndr). In questo contesto, allora, proviamo a modificare i testi laddove Fibra usa termini offensivi contro le donne e mettiamoci per esempio Ucraina. Saremmo ugualmente disposti ad accettare i suoi brani, a tollerarli?», chiosa la femminista.

Leggi anche:

‘Sessista, misogino, omofobo: no al concerto di Fabri Fibra’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved