prodigio-di-liberta-e-indipendenza-e-anna-kuliscioff
WikiMedia
Anna Kuliscioff fotografata da Mario Nunes Vais nel 1908 a Firenze
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 ore

Vent’anni di magia, autenticità e di successi inaspettati

In occasione dell’anniversario importante del Vallemaggia Magic Blues, abbiamo fatto due chiacchiere con il promotore nonché cofondatore Fabio Lafranchi
Opera
16 ore

Carmen bifronte, fra nozione operistica e nozione letteraria

L’opera più fortunata di Georges Bizet è un punto fermo nei suoi successori per essere l’opera realista per antonomasia
Culture
18 ore

Ci sono ancora biglietti disponibili per Castle On Air

A Castelgrande di Bellinzona i concerti di Sangiovanni, Achille Lauro, Mahmood ed Elisa
Culture
19 ore

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
19 ore

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
19 ore

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
19 ore

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
19 ore

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
21 ore

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
19.05.2022 - 14:25
di Sto

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani

"Mi auguro, per il trionfo della causa del mio sesso, solo un po’ più di solidarietà fra le donne. Allora forse si avvererà la profezia del più grande scrittore del nostro secolo – Victor Hugo – che presagì alla donna quello che Gladstone presagì all’operaio: che cioè il secolo XX sarà il secolo della donna".

Dottora dei poveri, madonna slava, madrina del socialismo o più semplicemente Signora Anna sono solo alcuni degli appellativi con cui i contemporanei definivano Anna Kuliscioff (Crimea, 1854 - Milano, 1925), intellettuale e militante dalla notevole complessità. Una "eterogeneità insita" – scrive Elena Vozzi in ‘In te cerco la vita. Lettere di una donna innamorata della libertà’ (L’Orma Editore, 2017) – che definisce la figura della principale protagonista di socialismo e femminismo italiani agli inizi del XX secolo, per i quali ha combattuto su più fronti.

Al secolo Anja Rosenstein, un’Anna appena diciottenne parte alla volta di Zurigo dove è ammessa al Politecnico. L’istituto turicense si rivela un luogo di grande libertà di pensiero dove la ragazza trova il suo ambiente ideale e dove la sua vita comincia a contrassegnarsi da una continua lotta per la libertà. Tornata in patria, aderisce alla cosiddetta "andata al popolo" ma alla fine degli anni 80 del 1800 è costretta a scappare e riparare in Svizzera (oltre a Zurigo, visita anche il Canton Ticino). Stringerà amicizie importanti nella cerchia anarchica e del nascente ambiente socialista e conoscerà Andrea Costa, per un po’ di tempo suo compagno. Kuliscioff compie studi in medicina, iniziati in Svizzera e completati in Italia dove svolge un’intensa attività gratuita in favore dei poveri. Insieme al marito Filippo Turati, Anna condivide la direzione della ’Critica sociale’: è una delle prime donne a essere iscritte all’albo dei giornalisti. A ridosso del Novecento, prende parte al movimento per l’emancipazione delle donne, di cui è una fra le figure più rappresentative. Fra le sue battaglie più celebri v’è l’approvazione nel 1902 della prima legge italiana di tutela del lavoro femminile e minorile e la lotta per il suffragio universale. "Prodigio di libertà e indipendenza, Anna Kuliscioff ha attraversato da protagonista tre decenni della vita politica europea dando un incalcolabile contributo nelle battaglie per i diritti delle donne e dei lavoratori", sintetizza bene la presentazione nel risguardo del volumetto a cura di Vozzi.

Occasione

L’occasione per scoprire la figura della rivoluzionaria russa è un incontro organizzato dal Gruppo culturale della sinistra del Locarnese e Valli, in collaborazione con la Biblioteca cantonale di Locarno. La serata è in calendario venerdì 20 maggio, dalle 18.15, e sarà ospitata dalla Biblioteca cantonale di Locarno (Bclo). Durante l’incontro interverranno Marina Cattaneo (vicepresidente della Fondazione Anna Kuliscioff di Milano) e lo storico ticinese Maurizio Binaghi; entrambi dialogheranno con la mediazione del direttore della Bclo Stefano Vassere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anna kuliscioff femminismo locarno socialismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved