09.02.2022 - 18:27
Aggiornamento: 19:13

‘La pornografia fa male agli uomini ma bene alle donne’

I contenuti farebbero sentire sessualmente incompetenti le persone di sesso maschile. È il risultato di uno studio dei ricercatori di Losanna e Ginevra

Ats, a cura de laRegione
la-pornografia-fa-male-agli-uomini-ma-bene-alle-donne
Depositphotos

Più gli uomini consumano pornografia, più le loro prestazioni sessuali e la soddisfazione della loro partner diminuiscono. Per le donne, la tendenza è opposta, secondo uno studio dei ricercatori di Losanna e Ginevra.

Anche se la pornografia è un’industria gestita principalmente da e per gli uomini, sembra paradossalmente avere un effetto nocivo sulla sessualità maschile ma un effetto benefico su quella femminile. È per lo meno ciò che indica uno studio non rappresentativo condotto da Nicolas Sommet, del Centro Lives dell’Università di Losanna, e Jacques Berent, dell’Università di Ginevra.

L’indagine, pubblicata sulla rivista Psychological Medicine, è stata condotta in tre anni su circa 100mila intervistati e 4mila coppie eterosessuali di lingua francese reclutate con il sostegno di un influente ‘youtubeur’ in Francia. I ricercatori hanno distribuito un questionario per valutare tre indicatori: la percezione delle proprie capacità sessuali, il livello di funzionamento sessuale e la soddisfazione sessuale riferita dal partner.

È risultato che più gli uomini guardano la pornografia, più si sentono sessualmente incompetenti, più problemi sessuali riferiscono di avere e più le loro partner dicono di essere insoddisfatte. Al contrario, un consumo consistente da parte delle donne porta a una sensazione di maggiore competenza sessuale, meno problemi sessuali e un partner più soddisfatto sotto certi aspetti, come la qualità dello scambio.

Le precedenti ricerche in questo ambito si sono basate su piccoli campioni. Per questo studio, i ricercatori hanno collaborato con lo youtuber francese Mathieu Sommet. Anche se i risultati non sono rappresentativi della popolazione, questo metodo di reclutamento ha permesso di rivolgersi a intervistati iperconnessi in un’età cruciale del loro sviluppo sessuale. L’età media è infatti di circa 21-22 anni.

“Benché i risultati siano statisticamente chiari, la forza degli effetti rimane relativamente modesta, il che ci dice che la pornografia non può essere vista come la fonte di tutti i mali – per gli uomini – o come una panacea per le donne”, sottolinea Nicolas Sommet in un comunicato stampa del Lives, il centro svizzero di competenza nella ricerca sul percorso di vita e le vulnerabilità, con sede presso le università di Losanna e Ginevra.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved