spotify-molti-artisti-non-possono-permettersi-di-boicottarlo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
11 ore

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
15 ore

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
18 ore

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
1 gior

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
1 gior

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
1 gior

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
1 gior

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
1 gior

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
1 gior

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
1 gior

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
03.02.2022 - 15:09
Aggiornamento: 16:15
Ats, a cura de laRegione

Spotify, molti artisti non possono permettersi di boicottarlo

Nonostante ogni ascolto venga retribuito mezzo centesimo, la piattaforma è uno strumento necessario per farsi conoscere

Gli artisti meno noti non ci hanno rimesso nulla dalla polemica che ha spinto Neil Young e Joni Mitchell a lasciare Spotify. Per i primi, però, la piattaforma di streaming musicale è un “male necessario”. Infatti, essendo una fonte chiave di entrate e di esposizione, non possono permettersi di farne a meno.

A guadagnare veramente sono solo i ‘big’

“Anche se non siamo d’accordo con il modo in cui ci pagano, (...) siamo costretti a prendere parte a un sistema che non funziona per noi”, dice Ralph, conosciuto col nome d’arte Pilsner Man. Secondo diversi media statunitensi Spotify paga, in media, tra 0,3 e 0,5 centesimi per ascolto, o tra 3 e 5 dollari per ogni mille riproduzioni.

“Mi rendo conto che non siamo compensati in modo giusto o equo – afferma il cantante e musicista Leo Sidran –, con un modello che favorisce solo il 5% degli artisti che si trovano in cima alla classifica”. Nonostante ciò “lasciare la piattaforma mi priverebbe di un potenziale enorme, che permette alla gente di trovarmi”. Secondo l’artista, dunque “Spotify è un male necessario” per molti.

“Neil Young può alimentare il dibattito togliendo la sua musica a causa dello status che già ha – continua Sidran –, ma per me l’unico modo per essere nella conversazione è che la gente ascolti il mio lavoro. E per questo, penso di dover rimanere su Spotify”. Infatti, secondo la rivista specializzata Billboard, Neil Young e Joni Mitchell perderanno poco più del 10% delle loro entrate lasciando il portale. D’altra parte, però, guadagnano milioni di dollari l’anno e sono ascoltati su altre piattaforme da milioni di amanti della musica.

Spotify punta tutto sui podcast

Se il podcast del conduttore Joe Rogan, accusato di spacciare teorie cospirative ha spinto il cantante Neil Young ad agire, ha anche riacceso il dibattito intorno al modello di business del gigante della musica online. Per molti artisti la controversia che circonda Rogan evidenzia anche la nuova strategia dell’azienda svedese, che ha fatto del podcasting una priorità negli ultimi tre anni.

Secondo un calcolo dell’agenzia di stampa Afp, Spotify ha sborsato più di un miliardo di dollari in acquisizioni dall’inizio del 2019 per costruire un intero ecosistema intorno al podcast, dalla produzione al marketing, con un grosso assegno, nel processo, per il conduttore al centro della polemica.

“Sto parlando di rispetto. Chi lo prende e chi no. Pagare i musicisti una frazione di centesimo? E lui, 100 milioni? Mostra il tipo di azienda che sono e il tipo di frequentazioni che hanno”, ha scritto la cantante R&B India.Arie su Instagram martedì. L’artista ha spiegato così la sua decisione di lasciare Spotify.

Alcuni programmi non vengono remunerati, altri ricevono milioni

Di per sé, l’economia dei podcast è ancora molto più disuguale della musica, con la stragrande maggioranza dei programmi che non vengono pagati dalla maggior parte delle piattaforme, incluso Spotify. Ma l’industria ha anche, come nel business della musica, la sua élite di stelle che intascano milioni di dollari.

Leggi anche:

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
musica spotify streaming
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved