spotify-molti-artisti-non-possono-permettersi-di-boicottarlo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
49 min

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
1 ora

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Chilometro zero
1 ora

Una matinée dedicata al tema della toponomastica al femminile

L’appuntamento è proposto nel solco della rassegna Chilometro zero, lunedì 22 agosto, alle 9, in Biblioteca cantonale a Lugano
Prix au Public
3 ore

Lattina di Feldi con pezzi di sottotitoli

Sfilate di direttori artistici, il tormentone sul Ceneri, le donne che non sudano (e altre storie locarnesi)
Piazza Grande
3 ore

Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’

È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
5 ore

Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa

‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
7 ore

Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio

‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
9 ore

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
11 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
14 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
03.02.2022 - 15:09
Aggiornamento: 16:15
Ats, a cura de laRegione

Spotify, molti artisti non possono permettersi di boicottarlo

Nonostante ogni ascolto venga retribuito mezzo centesimo, la piattaforma è uno strumento necessario per farsi conoscere

Gli artisti meno noti non ci hanno rimesso nulla dalla polemica che ha spinto Neil Young e Joni Mitchell a lasciare Spotify. Per i primi, però, la piattaforma di streaming musicale è un “male necessario”. Infatti, essendo una fonte chiave di entrate e di esposizione, non possono permettersi di farne a meno.

A guadagnare veramente sono solo i ‘big’

“Anche se non siamo d’accordo con il modo in cui ci pagano, (...) siamo costretti a prendere parte a un sistema che non funziona per noi”, dice Ralph, conosciuto col nome d’arte Pilsner Man. Secondo diversi media statunitensi Spotify paga, in media, tra 0,3 e 0,5 centesimi per ascolto, o tra 3 e 5 dollari per ogni mille riproduzioni.

“Mi rendo conto che non siamo compensati in modo giusto o equo – afferma il cantante e musicista Leo Sidran –, con un modello che favorisce solo il 5% degli artisti che si trovano in cima alla classifica”. Nonostante ciò “lasciare la piattaforma mi priverebbe di un potenziale enorme, che permette alla gente di trovarmi”. Secondo l’artista, dunque “Spotify è un male necessario” per molti.

“Neil Young può alimentare il dibattito togliendo la sua musica a causa dello status che già ha – continua Sidran –, ma per me l’unico modo per essere nella conversazione è che la gente ascolti il mio lavoro. E per questo, penso di dover rimanere su Spotify”. Infatti, secondo la rivista specializzata Billboard, Neil Young e Joni Mitchell perderanno poco più del 10% delle loro entrate lasciando il portale. D’altra parte, però, guadagnano milioni di dollari l’anno e sono ascoltati su altre piattaforme da milioni di amanti della musica.

Spotify punta tutto sui podcast

Se il podcast del conduttore Joe Rogan, accusato di spacciare teorie cospirative ha spinto il cantante Neil Young ad agire, ha anche riacceso il dibattito intorno al modello di business del gigante della musica online. Per molti artisti la controversia che circonda Rogan evidenzia anche la nuova strategia dell’azienda svedese, che ha fatto del podcasting una priorità negli ultimi tre anni.

Secondo un calcolo dell’agenzia di stampa Afp, Spotify ha sborsato più di un miliardo di dollari in acquisizioni dall’inizio del 2019 per costruire un intero ecosistema intorno al podcast, dalla produzione al marketing, con un grosso assegno, nel processo, per il conduttore al centro della polemica.

“Sto parlando di rispetto. Chi lo prende e chi no. Pagare i musicisti una frazione di centesimo? E lui, 100 milioni? Mostra il tipo di azienda che sono e il tipo di frequentazioni che hanno”, ha scritto la cantante R&B India.Arie su Instagram martedì. L’artista ha spiegato così la sua decisione di lasciare Spotify.

Alcuni programmi non vengono remunerati, altri ricevono milioni

Di per sé, l’economia dei podcast è ancora molto più disuguale della musica, con la stragrande maggioranza dei programmi che non vengono pagati dalla maggior parte delle piattaforme, incluso Spotify. Ma l’industria ha anche, come nel business della musica, la sua élite di stelle che intascano milioni di dollari.

Leggi anche:

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
musica spotify streaming
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved