gli-stereotipi-di-genere-perdono-d-importanza
Piace poco l’utilizzo dell’asterisco di genere
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
6 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
14 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
29.12.2021 - 10:11
Aggiornamento: 16:30
Ats, a cura de laRegione

Gli stereotipi di genere perdono d’importanza

In Svizzera solo il 14% degli uomini si ritiene esclusivamente maschio e solo il 6% delle donne esclusivamente femmina. Il 12% del totale, entrambi

Oltre il 99% della popolazione svizzera si considera senza dubbi un uomo o una donna. Malgrado ciò, rileva un sondaggio sul tema del genere, le sfumature sono importanti per molte persone nella descrizione della propria identità. Stando all’inchiesta, pubblicata dall’istituto di ricerca Sotomo e ordinata dalla piattaforma ‘Geschlechtergerechter’, solo lo 0,4% si considera esplicitamente come non binario, ovvero non si riconosce in nessuno dei due sessi. Ma quando si passa alle caratteristiche complete, lo schema si fa più complesso: solo il 14% degli uomini si ritiene infatti esclusivamente maschio e solo il 6% delle donne esclusivamente femmina. Il 12% del totale si percepisce tanto maschio quanto femmina.

Secondo lo studio, per il 55% della popolazione il sesso è importante o piuttosto importante per la propria identità. Il 60% delle donne considera che il genere determini chi sono, percentuale che scende al 49% fra gli uomini.

Le donne sono maggiormente confrontate con la loro femminilità a causa delle persistenti discriminazioni, mentre gli uomini associano meno le loro possibilità e limitazioni al sesso di appartenenza, spiegano gli autori della ricerca, effettuata interrogando online 2’690 persone nelle tre regioni linguistiche fra il 29 settembre e il 1º novembre. Un divario ideologico appare comunque fra gli uomini: per il 62% di quelli di destra, essere un uomo è importante. Al contrario, solo il 12% di quelli di sinistra si identifica in modo forte con il proprio genere.

La maggioranza delle persone coinvolte stima che le differenze fra i sessi abbiano ragioni sia biologiche che sociali. Il tasso di chi pensa che le diversità di comportamento siano innate si ferma al 17%. Una quota identica è convinta che esse siano unicamente il risultato di convenzioni. Gli uomini in là con l’età sono la categoria che più spesso sottolinea l’importanza dei fattori biologici.

Solo il 18% ritiene poi che esistano unicamente uomini o donne. Il fatto che alcune persone non si facciano classificare in questo schema classico è oggi ricorrente, viene indicato nello studio. Il campione interpellato è invece diviso su come l’amministrazione dovrebbe gestire tale dato di fatto: la metà crede infatti che la prassi di designare qualcuno nei documenti ufficiali con uno dei due sessi, in vigore attualmente in Svizzera, debba essere cambiata.

Piace poco invece (al 7%) l’utilizzo dell’asterisco di genere e di altre tipologie di scrittura simili, usate con l’intento di creare un linguaggio più inclusivo. D’altro canto non convince nemmeno l’uso del maschile per riferirsi anche alle donne, formulazione approvata dal 27% degli intervistati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donne femmina genere maschio svizzera uomini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved