rivoluzione-su-playboy-in-copertina-c-e-un-coniglietto
‘Se un uomo gay si sente sexy nel costume iconico delle conigliette, perché non dovrebbe poterlo indossare orgogliosamente?’
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
28 min

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 ora

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 ora

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
19 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
22 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
23 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Società
06.10.2021 - 13:410
Aggiornamento : 14:03

Rivoluzione su Playboy: in copertina c’è un ‘coniglietto’

È Bretman Rock, il primo gay di sempre in copertina. Influencer di 23 anni, è diventato famoso per aver creato una popolare serie di lezioni di trucco su YouTube

Succintissimo costume topless, tacchi alti, calze nere, cravattino, polsini e il cerchietto con le orecchie a punta: Playboy ha una nuova coniglietta, ma stavolta è un gay. Per la prima volta un uomo apertamente omosessuale è apparso sulla copertina del leggendario magazine dando un nuovo twist al suo storico soprannome di ‘rivista per soli uomini’. Protagonista della rivoluzionaria cover story di ottobre è Bretman Rock, influencer di 23 anni diventato famoso per aver creato una popolare serie di lezioni di trucco su YouTube. Rock, che è anche protagonista di un reality su Mtv, ha un seguito su Instagram di oltre 17 milioni di seguaci, oltre a essere un attivista militante della comunità Lgbtq.

Playboy, che Hugh Hefner fondò nel 1953 e che l’anno scorso è passato a produrre contenuti solo online, ha condiviso su Twitter una frase di Rock che sottolinea la portata storica della foto. “Che Playboy abbia un maschio in copertina è una gran cosa per la comunità Lgbt, per la mia comunità di colore, ed è tutto così surreale”. E ancora: “Viene da chiedersi, sta veramente succedendo? E io sono così grazioso”. Per Anthony Allen Ramos, dell’organizzazione Glaad che si batte contro la discriminazione dei gay, la scelta di Rock rappresenta “un potente passo avanti verso una maggiore inclusione nel mondo della moda e del modeling”.

Rock è il terzo uomo sulla copertina di Playboy dopo il fondatore Hefner e il musicista latino Bad Bunny, apparso nel 2000 sull’edizione online. Non è peraltro il primo della comunità Lgbtq ‘adottato’ dalla rivista: l’anno scorso, un’altra influencer del settore beauty, Victoria Volkova, è stata la prima trans ad apparire su Playboy Mexico sulle orme di Roberta Close, Caroline ‘Tula’ Cossey, Giuliana Farfalla e Geena Rocero, testimonial di altre edizioni. Nel novembre 2017 la modella francese Ines Rau era diventata la prima Playmate di Playboy apertamente trans.

Anche stavolta la scelta del magazine si è rivelata controversa: “Playboy è morto da tempo... e ora si capisce perché”, ha commentato un lettore su Twitter. E un altro ha rincalzato: “Ora Playboy è Playgay. Distruggeranno ogni spazio rimasto di mascolinità”. Le tante reazioni al vetriolo erano attese, ha detto un portavoce del PLBY Group, che pubblica la rivista: “Sono simili a quelli che Playboy ha ricevuto quando nel 1971 mise in copertina l’afroamericana Darine Stern, quando nel 1991 scelse la modella trans Tula Cossey; quando si è battuto per l’aborto al tempo di ‘Roe contro Wade’ e negli anni Settanta per la riforma della cannabis. Se un uomo gay si sente sexy nel costume iconico delle conigliette, perché non dovrebbe poterlo indossare orgogliosamente?”.

© Regiopress, All rights reserved