34-donne-accusano-pornhub-di-sfruttamento-e-pornografia-minorile
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
5 ore

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento “ ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte”
Spettacoli
12 ore

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
13 ore

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
15 ore

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
19 ore

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
21 ore

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
1 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
1 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
2 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
2 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
2 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
2 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
2 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
2 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Società
 
19.06.2021 - 05:250

34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile

Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"

Nuovi guai per Pornhub: il gigante della pornografia online è stato infatti denunciato da 34 donne i cui video a luci rosse, in alcuni casi realizzati quando erano minorenni, sarebbero finiti sulla piattaforma senza il loro consenso. Ma la denuncia presentata in un tribunale della California dallo studio legale Brown Rudnick non si limita alla pubblicazione di questo materiale e descrive MindGeek, la società che controlla Pornhub e un centinaio di altri siti, come una vera e propria associazione criminale. L’azienda non solo non avrebbe sufficientemente protetto le vittime di violenza sessuale, ma le avrebbe sfruttate creando un sistema incentrato su materiale pornografico non consensuale, con controlli solo di facciata, e mettendo a tacere, con metodi tipici della malavita, vittime e accusatori.

“Il gruppo – si legge nella denuncia dello studio legale – agisce brutalmente per evitare che le sue attività criminali vengano alla luce”, agendo come un soggetto “senza legge e senza scrupoli” ricorrendo a menzogne, calunnie, ricatti e intimidazioni. È il caso di Mike South, attore pornografico e giornalista, che dopo aver scritto alcuni articoli su MindGeek ha ricevuto prima offerte di sponsorizzazione e poi minacce, inclusa una scatola di fiammiferi trovata alla porta di ingresso accompagnata dal bigliettino “Mi dispiace che la tua casa sia bruciata”. Trattamenti simili sarebbero stati riservati ad attivisti per i diritti umani e alle vittime di sfruttamento sessuale che hanno provato a criticare Pornhub. Anche gli ex dipendenti verrebbero sorvegliati e, se considerati un pericolo per l’azienda, minacciati.

Pornhub ha ovviamente respinto le accuse, definendole “false” e “assurde” e ribadendo che i video caricati sulla piattaforma sono tutti controllati da sistemi automatici e moderatori umani. Nella denuncia si mostrano tuttavia alcuni casi di video chiaramente descritti come non consensuali nel titolo – ragazze incoscienti perché ubriache o drogate – rimasti online per mesi, oltre a moderatori che sconsigliano di denunciare alle autorità video illegali.

Il precedente

Non è del resto la prima volta che il modello Pornhub viene messo sotto accusa: negli scorsi mesi un articolo del New York Times denunciava la presenza sulla piattaforma di video con minori o caricati senza il consenso delle persone filmate. In seguito a questa denuncia, le società di gestione di carte di credito Visa e Mastercard – che figurano anche loro tra gli accusati in quanto avrebbero tratto profitto dallo sfruttamento sessuale – avevano sospeso i rapporti con MindGeek, bloccando il pagamento dei contenuti “premium” sulla piattaforma.

In seguito a questa operazione, Pornhub ha cancellato milioni di video e disabilitato alcune funzioni come la possibilità di scaricare i filmati sul proprio computer, riconoscendo quindi la presenza di un problema ma mostrando, al contempo, la volontà di essere un rispettabile sito di pornografia.

Grazie a campagne di marketing molto intelligenti, Pornhub è infatti riuscita a imporsi come marchio se non ammirabile, quantomeno citabile senza vergogna. È il caso di iniziative per la protezione dell’ambiente, studi sulle abitudini del pubblico basati sui dati di accesso e di un progetto di educazione sessuale – rimasto tuttavia slegato al sito principale e con importanti lacune quali il tema del consenso o il sadomaso – e soprattutto delle campagne per la libertà di espressione. In Thailandia, dopo la decisione del governo di bloccare l’accesso ai siti pornografici, Pornhub è diventato simbolo delle proteste.

‘Non si tratta di pornografia, ma di stupro’

Lo studio legale, nel suo dettagliato comunicato stampa, parla di “una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online”. Al di là della retorica, è interessante come il caso viene presentato all’opinione pubblica, inclusa un’intervista a una delle vittime che lo studio ha probabilmente fornito in esclusiva a un’emittente e un sito internet, mindgeeklitigation.com, per presentare il caso e raccogliere testimonianze. “Non è una questione di pornografia, ma di stupro” ha affermato l’avvocato Michael Bowe: impostare così il caso, sia in aula sia fuori, è una necessità, dal momento che negli Stati Uniti la pornografia è protetta, in quanto libertà di espressione, dal Primo emendamento. L’obiettivo della causa – oltre al risarcimento delle vittime – non è quindi la chiusura di Pornhub o la scomparsa della pornografia online, ma che sulle piattaforme di MindGeek figuri solo materiale consensuale.

Finora in casi simili si è sempre scelto di tutelare la libertà di espressione, ma in questo caso le accuse non sono di offesa alla morale o di oscenità e non riguardano la pornografia in generale. Sarà quindi interessante vedere se questa strategia avrà successo. Per saperlo, tuttavia, occorrerà attendere diversi anni: vista l’enfasi con cui è stata presentata, è improbabile che la causa si concluda con un accordo extragiudiziale e prosegua invece fino alla Corte suprema.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved