ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
2 ore

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
4 ore

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
5 ore

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
8 ore

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
13 ore

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
15 ore

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
16 ore

Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’

Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Culture
1 gior

Percorsi manzoniani a LaFilanda

Quattro domeniche parlando di Promessi Sposi a partire dal 2 ottobre a Mendrisio
Spettacoli
1 gior

Contrordine: Robbie Williams non sarà a Zurigo

L’organizzatore dell’evento ha parlato di problemi di pianificazione per giustificare il mancato arrivo all’Hallenstadion della star britannica del pop.
Arte
1 gior

Due opere di Giacometti donate al Museo d’arte dei Grigioni

Si tratta di due ritratti: uno di ‘Giovanin de Vöja’ e uno di formato ridotto di Annetta Giacometti con il figlio Bruno
Spettacoli
1 gior

Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’

Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
Società
1 gior

Video on Demand, cala visualizzazione abbonamento o streaming

Dopo tassi di crescita superiori al 50% nel 2020 e nel 2019, la domanda si sta notevolmente affievolendo
laR
 
19.06.2021 - 05:25

34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile

Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"

di Ivo Silvestro
34-donne-accusano-pornhub-di-sfruttamento-e-pornografia-minorile

Nuovi guai per Pornhub: il gigante della pornografia online è stato infatti denunciato da 34 donne i cui video a luci rosse, in alcuni casi realizzati quando erano minorenni, sarebbero finiti sulla piattaforma senza il loro consenso. Ma la denuncia presentata in un tribunale della California dallo studio legale Brown Rudnick non si limita alla pubblicazione di questo materiale e descrive MindGeek, la società che controlla Pornhub e un centinaio di altri siti, come una vera e propria associazione criminale. L’azienda non solo non avrebbe sufficientemente protetto le vittime di violenza sessuale, ma le avrebbe sfruttate creando un sistema incentrato su materiale pornografico non consensuale, con controlli solo di facciata, e mettendo a tacere, con metodi tipici della malavita, vittime e accusatori.

“Il gruppo – si legge nella denuncia dello studio legale – agisce brutalmente per evitare che le sue attività criminali vengano alla luce”, agendo come un soggetto “senza legge e senza scrupoli” ricorrendo a menzogne, calunnie, ricatti e intimidazioni. È il caso di Mike South, attore pornografico e giornalista, che dopo aver scritto alcuni articoli su MindGeek ha ricevuto prima offerte di sponsorizzazione e poi minacce, inclusa una scatola di fiammiferi trovata alla porta di ingresso accompagnata dal bigliettino “Mi dispiace che la tua casa sia bruciata”. Trattamenti simili sarebbero stati riservati ad attivisti per i diritti umani e alle vittime di sfruttamento sessuale che hanno provato a criticare Pornhub. Anche gli ex dipendenti verrebbero sorvegliati e, se considerati un pericolo per l’azienda, minacciati.

Pornhub ha ovviamente respinto le accuse, definendole “false” e “assurde” e ribadendo che i video caricati sulla piattaforma sono tutti controllati da sistemi automatici e moderatori umani. Nella denuncia si mostrano tuttavia alcuni casi di video chiaramente descritti come non consensuali nel titolo – ragazze incoscienti perché ubriache o drogate – rimasti online per mesi, oltre a moderatori che sconsigliano di denunciare alle autorità video illegali.

Il precedente

Non è del resto la prima volta che il modello Pornhub viene messo sotto accusa: negli scorsi mesi un articolo del New York Times denunciava la presenza sulla piattaforma di video con minori o caricati senza il consenso delle persone filmate. In seguito a questa denuncia, le società di gestione di carte di credito Visa e Mastercard – che figurano anche loro tra gli accusati in quanto avrebbero tratto profitto dallo sfruttamento sessuale – avevano sospeso i rapporti con MindGeek, bloccando il pagamento dei contenuti “premium” sulla piattaforma.

In seguito a questa operazione, Pornhub ha cancellato milioni di video e disabilitato alcune funzioni come la possibilità di scaricare i filmati sul proprio computer, riconoscendo quindi la presenza di un problema ma mostrando, al contempo, la volontà di essere un rispettabile sito di pornografia.

Grazie a campagne di marketing molto intelligenti, Pornhub è infatti riuscita a imporsi come marchio se non ammirabile, quantomeno citabile senza vergogna. È il caso di iniziative per la protezione dell’ambiente, studi sulle abitudini del pubblico basati sui dati di accesso e di un progetto di educazione sessuale – rimasto tuttavia slegato al sito principale e con importanti lacune quali il tema del consenso o il sadomaso – e soprattutto delle campagne per la libertà di espressione. In Thailandia, dopo la decisione del governo di bloccare l’accesso ai siti pornografici, Pornhub è diventato simbolo delle proteste.

‘Non si tratta di pornografia, ma di stupro’

Lo studio legale, nel suo dettagliato comunicato stampa, parla di “una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online”. Al di là della retorica, è interessante come il caso viene presentato all’opinione pubblica, inclusa un’intervista a una delle vittime che lo studio ha probabilmente fornito in esclusiva a un’emittente e un sito internet, mindgeeklitigation.com, per presentare il caso e raccogliere testimonianze. “Non è una questione di pornografia, ma di stupro” ha affermato l’avvocato Michael Bowe: impostare così il caso, sia in aula sia fuori, è una necessità, dal momento che negli Stati Uniti la pornografia è protetta, in quanto libertà di espressione, dal Primo emendamento. L’obiettivo della causa – oltre al risarcimento delle vittime – non è quindi la chiusura di Pornhub o la scomparsa della pornografia online, ma che sulle piattaforme di MindGeek figuri solo materiale consensuale.

Finora in casi simili si è sempre scelto di tutelare la libertà di espressione, ma in questo caso le accuse non sono di offesa alla morale o di oscenità e non riguardano la pornografia in generale. Sarà quindi interessante vedere se questa strategia avrà successo. Per saperlo, tuttavia, occorrerà attendere diversi anni: vista l’enfasi con cui è stata presentata, è improbabile che la causa si concluda con un accordo extragiudiziale e prosegua invece fino alla Corte suprema.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved