trump-sospeso-per-due-anni-da-facebook
Trump fuori fino al 7 gennaio 2023 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Seicento in fuga: la versione di Bargniff

In diretta da un’infame bettola milanese, l’intervista al ‘protagonista assoluto’ (o così dice lui) dell’ultimo romanzo di Carlo Silini
Culture
8 ore

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
19 ore

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
20 ore

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
22 ore

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
22 ore

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
1 gior

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
1 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
04.06.2021 - 20:22
Aggiornamento : 06.06.2021 - 14:40

Trump sospeso per due anni da Facebook

'Un insulto a 75 milioni di americani' ha affermato l'ex presidente. L'azienda, che non prevede un blocco definitivo, ha applicato la punizione più severa prevista

Ansa, a cura de laRegione

Mano pesante di Facebook, che ha deciso di bandire Donald Trump dalla sua piattaforma per almeno due anni: dopo la sospensione scattata il 7 gennaio scorso, l'ex presidente americano potrà riaccedervi a partire dal 7 gennaio del 2023. Ma solo se saranno venuti meno "i rischi per la sicurezza pubblica" che hanno motivato l'esclusione del tycoon.

La società guidata da Mark Zuckerberg ha dunque deciso di punire Trump col massimo della pena. Questo, si spiega in una nota, "vista la gravità delle circostanze". Il riferimento è ai tragici fatti del 6 gennaio scorso, quando Trump anche con una serie di messaggi postati sui social media avrebbe incitato la folla dei suoi sostenitori ad assaltare Capitol Hill, dove si trova la sede del Congresso americano. Un attacco violento che ha portato alla morte di ben cinque persone. "Riteniamo che le sue azioni costituiscano una seria violazione delle nostre regole, violazione che merita la sanzione più severa", ha affermato Nick Clegg, vicepresidente del gruppo. Un duro colpo per l'ex presidente, bandito anche da Twitter. Un colpo in grado di compromettere le ambizioni di un tycoon che accarezza ancora l'ipotesi di una nuova discesa in campo per le elezioni presidenziali americane del 2024. E anche se non fosse così, Trump è comunque fermamente intenzionato a esercitare tutta la sua influenza sul voto, anche su quello delle elezioni di metà mandato del 2022, quando si rinnoverà gran parte del Congresso americano.

Durissima, e non poteva essere diversamente, la reazione: "La decisione di Facebook è un insulto a 75 milioni di persone che hanno votato per noi nelle elezioni presidenziali truccate del 2020. Il nostro Paese non può più sopportare questo abuso", ha tuonato l'ex presidente. Facebook ha quindi chiarito che se nel gennaio del 2023 permarranno i rischi che hanno portato alla sospensione dell'account di Trump questa sospensione sarà estesa. Se invece Trump verrà riammesso, ci saranno comunque una serie di sanzioni che scatteranno nel caso in cui l'ex presidente dovesse commettere ulteriori violazioni, compresa quella della rimozione permanente dalla piattaforma delle sue pagine e dei suoi account. Il social media ha anche annunciato la fine di ogni trattamento di favore per i responsabili politici. D'ora in poi varranno le stesse regole per tutti gli utenti e anche i politici verranno ritenuti responsabili per diffondere disinformazione, senza più godere di alcuna immunità. "Nel valutare i contenuti di rilevanza informativa - si spiega - non tratteremo quelli postati dai politici in modo diverso da quelli di chiunque altro: applicheremo lo stesso metro per tutti i contenuti, misurando se il valore dell'interesse pubblico abbia maggiore peso dei rischi potenziali del lasciare il contenuto online".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump facebook
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved