da-oggi-vita-breve-in-automatico-ai-post-bufala
Ti-Press
28.05.2021 - 10:32
Aggiornamento: 18:56
Ats, a cura de laRegione

Da oggi vita breve, in automatico, ai post bufala

Facebook affina la lotta alle fake news: subito segnalati (e post oscurati) gli utenti che le condividono periodicamente

Facebook compie un ulteriore passo nella riduzione delle fake news sulla piattaforma. Il social network ha annunciato che, già da oggi, entra in vigore una nuova politica che prevede la segnalazione, automatica, degli utenti che condividono periodicamente bufale. Una volta etichettato un account come tale, gli algoritmi di Facebook nasconderanno gradualmente i suoi post dalle bacheche degli amici, così da diminuirne l'efficacia. Se finora l'intervento del team di analisi di Facebook riguardava post specifici, la novità andrà a impattare direttamente sugli account, limitando tutti i futuri contenuti condivisi e non solo quelli considerati fake. L'azienda ha comunque sottolineato che la segnalazione non porterà alla cancellazione di un account o a sanzioni definitive; tuttavia una sospensione temporale, a seguito di una continua condivisione di bufale, non è da escludersi.

Arriva anche il report di smentita

Facebook ha introdotto altri due aggiornamenti mirati alla lotta alle fake news. La piattaforma, su desktop e app, taggherà una pagina che ha condiviso ripetutamente informazioni segnalate dai fact-checker. Gli utenti potranno cliccare sul banner mostrato per saperne di più. Per alcuni articoli, quelli risultati più popolari, Facebook proporrà inoltre un link con informazioni sul perché la notizia viene considerata falsa, un vero e proprio report di smentita, con prove, numeri e documenti a supporto. Solo qualche giorno fa, il commissario europeo al mercato interno, Thierry Breton, aveva chiesto alle piattaforme digitali di "assumersi le loro responsabilità" e di collaborare più efficacemente "per sottrarre fondi alla disinformazione".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook fake fake news lotta
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved