ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
il-kids-unboxing-che-spinge-i-bimbi-a-mangiare-dolciumi
Caramelle dai conosciuti (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Il ricordo
1 ora

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
11 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
11 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
14 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
16 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
16 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
16 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
17 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
18 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
19 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Società
19.03.2021 - 12:120
Aggiornamento : 14:18

Il 'kids unboxing' che spinge i bimbi a mangiare dolciumi

Sono le nuove strategie pubblicitarie da social studiate dalla vallesana Promotion Santé Valais, preoccupata per il rapporto con gli 'influencer' di pari età.

Le nuove strategie pubblicitarie sui social network incoraggiano i bambini a mangiare prodotti industriali zuccherati. Tali abitudini incideranno anche sulla loro vita adulta, mette in guardia Promotion Santé Valais, calatasi di uno studio inedito sul tema a livello svizzero. Un nuovo concetto di marketing rivolto ai bambini su YouTube è cresciuto a vista d'occhio negli ultimi anni, ha spiegato l'associazione vallesana di riferimento in materia di prevenzione, di promozione della salute e della terapia polmonare. Questo fenomeno, denominato ‘kids unboxing’, mette in scena giovanissimi ‘influencer’ che spiattellano, utilizzano e presentano prodotti ricevuti da varie industrie, tra cui quella alimentare. Preoccupata da queste nuove strategie pubblicitarie, Promotion santé Valais ha commissionato all'Alta scuola di gestione (Heg) dell'Arco giurassiano - Neuchâtel uno studio di neuromarketing su 90 bambini, in maggioranza vallesani, di età compresa tra i 4 e i 13 anni. L'obiettivo era quello di individuare i meccanismi neuronali e le zone cerebrali utilizzate o no dai piccoli consumatori di fronte a un video, per comprenderne i comportamenti che ne derivano.

Non percepiti come pubblicità

Prima constatazione: "tali video non sono percepiti dai bambini come pubblicità, mentre sanno fare la differenza quando queste appaiono su manifesti o alla tv, ovvero in luoghi segnalati", indica Julien Intartaglia, decano dell'Istituto della comunicazione e del marketing presso l'Heg e autore dello studio. I bambini sviluppano persino un legame affettivo con gli influencer della loro età e il marchio fa allora tranquillamente il suo ingresso nell'universo dei giovani consumatori a lungo termine. Si ritiene infatti che "la metà dei marchi che si consuma da bambino farà in seguito parte della nostra vita adulta", ha rilevato il ricercatore.

Uno studio ha dimostrato che "il 95% del nostro apprendimento nell'ambito dei consumi è inconscio", ha spiegato Intartaglia. L'impatto di questa "pubblicità clandestina accolta senza filtri o scetticismo" è quindi ancor più forte. Affinché i bambini possano prendere coscienza di tali elementi, il ricercatore raccomanda l'attuazione di un programma di sensibilizzazione a questo marketing molto più insidioso presso gli allievi dal primo al decimo anno scolastico Harmos.

Zucchero a prescindere

Seconda constatazione: il tasso di attenzione dei bambini più giovani (dai 4 ai 6 anni) verso i prodotti alimentari zuccherati è particolarmente elevato. "Abbiamo potuto constatarlo misurando il movimento degli occhi dei partecipanti grazie a speciali occhiali e un casco che misura l'attività emozionale del cervello", ha precisato ancora Julien Intertaglia. L'indagine ha pure rilevato che l'esposizione a questi video non influenza direttamente la scelta del prodotto, ma suscita la voglia di mangiare e, per giunta, alimenti a base di zucchero. L'analisi dell'attività cerebrale del bambino davanti a un video del tipo ‘kids unboxing’ ha dimostrato come questa sia assimilabile a un'attività di relax e di divertimento. Sapendo che la memoria si ricorda di questa sensazione piacevole, "si corre il rischio che, una volta adulto, il giovane si sia abituato a mangiare dolciumi quando ha fame", riassume Intartaglia. Il ricercatore ricorda come le abitudini alimentari si creino sin dalla più giovane età e costituiscano una vera e propria sfida per la sanità pubblica.

© Regiopress, All rights reserved