laRegione
le-calze-di-nylon-compiono-ottant-anni
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
28 min

Castellinaria, Cristiana Giaccardi è la nuova direttrice operativa

Giaccardi, già responsabile della programmazione del Festival del cinema giovane di Bellinzona, affiancherà il direttore artistico Giancarlo Zappoli
Culture
3 ore

Plantu, storico disegnatore, lascia Le Monde

Dopo cinquant'anni di collaborazione in prima pagina. Il caso della vignetta sull'incesto del collega Gorce 'non c'entra'
Spettacoli
6 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
21 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
23 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Società
14.05.2020 - 16:470

Le calze di nylon compiono ottant'anni

il 15 maggio 1940 iniziò negli Stati Uniti la vendita ufficiale, quattro milioni di paia in quattro giorni

La scena madre del film "Il Laureato", in cui l'affascinante seppur matura Mrs Robinson, ovvero Anne Bancroft, seduta sul bordo del letto si sfila le calze di nylon, per sedurre il neolaureato Benjamin Braddock, interpretato da Dustin Hoffman, ha popolato i sogni erotici d'intere generazioni maschili. Le gambe perfette dell'attrice erano esaltate dal quel velo trasparente che lasciava scoprire la pelle con un gesto voluttuoso.

Le calze di nylon, la cui nascita è avvenuta 80 anni fa. In verità fu nel 1935 che Wallace Hume Carothers scoprì il nylon, materiale senza il quale le calze non sarebbero mai state realizzate. Carothers depositò il brevetto nel' 37, ma venti giorni dopo si suicidò, perdendo l'occasione di godersi il successo.

Il termine nylon deriva da No-Run (non si smaglia) nome dato dai ricercatori. Ma alla DuPont non erano convinti del nome. Si pensò d'invertire le vocali (Nuron) e poi di cambiare la parola in Nulon. Tuttavia, in base ad alla legge sulla protezione del marchio, non fu permesso di utilizzare questo nome, pertanto si continuò a cercare finché si approdò al termine Nylon. La ditta DuPont pubblicizzò la sua invenzione a partire dal '38 mettendo in luce un suo possibile utilizzo per le calze da donna.

Il 24 ottobre 1939 le prime calze di nylon fecero il loro ingresso sul mercato: 4000 paia di calze di nylon prodotte per eseguire il test di prova vennero vendute in poche ore. Dopo questa vendita di prova, il 15 maggio 1940, ebbe inizio la vendita ufficiale in tutto il Paese. Nei primi quattro giorni vennero venduti quattro milioni di paia di calze.

Dopo il 1942, ossia dopo l'ingresso degli Stati Uniti nel secondo conflitto mondiale, il nylon assunse un nuovo ruolo. Grazie alla sua resistenza, suscitò l'interesse delle forze armate, tanto che per la produzione di calze venne utilizzato quasi esclusivamente il nylon. Le calze di nylon diventarono così merce rara, usata sul mercato nero come moneta di scambio. Meno nota è la contemporaneità della scoperta del poliammide negli Usa, e in Germania, dove il prodotto venne chiamato Perlon.

Il gruppo IG Farben, produttore del Perlon in Germania, venne smantellato dagli Alleati dopo la fine della guerra. Le calze fashioned cominciarono la loro marcia trionfale dagli States. Nel 1945 la produzione e la vendita delle calze di nylon prese un nuovo slancio: a New York in sei ore vennero vendute oltre 50mila paia. La calza di nylon diventò così un accessorio irrinunciabile per le donne. Dive come Rita Hayworth e Jane Russel mostravano quanto fossero belle le gambe se si indossavano le calze di nylon.

All'inizio, le calze avevano uno spessore compreso tra i 70 e 40 denari, che si ridusse fino ad ottenere, attorno al 1950, calze con una trasparenza pari a 10 denari. Negli anni '50 e '60 il nylon ha conosciuto tassi di crescita eccezionali. Indossare le calze di nylon con la cucitura dietro la gamba diventò un simbolo dei tempi. Quando però vennero introdotte le macchine per maglieria tubolare, le calze persero "la riga".

Arrivano i collant. Nel 1959 la ditta DuPont fece brevettare l' elastane con il nome Lycra, materiale con la proprietà di allungarsi fino a quattro volte la lunghezza originaria senza perdere la forma. Utilizzando nylon e lycra assieme è stato possibile, intorno al 1960, produrre i primi collant di nylon. Il vantaggio dei collant è rappresentato dalla scomparsa del reggicalze, fino a quel momento indispensabile. La comparsa della minigonna favorì il cambiamento e fino agli anni '70 le giarrettiere furono sostituite dai collant. A partire dalla fine degli anni '90, la domanda di collant diminuì, a causa, da un lato, della comparsa di tessuti sempre più resistenti rispetto al nylon e alla lycra, e dall'altro alle nuove abitudini assunte dalle donne di portare calzini sportivi al posto dei collant di nylon, pantaloni al posto delle gonne.

Poi c'è stato il momento della rinuncia ai collant anche d'inverno a 20 sotto zero a New York perché la moda imponeva gambe nude anche se si rischiava l'assideramento. Per fortuna questa stupida tendenza è finita. Al momento il mercato sembra essersi stabilizzato e le donne sembrano aver riscoperto che le calze sono un simbolo di femminilità.

© Regiopress, All rights reserved