ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
38 min

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
teatro
55 min

Carmelo Rifici fra i finalisti del Premio Ivo Chiesa

Il regista e direttore artistico di Lis è stato nominato nella categoria Premio La Scuola. Il riconoscimento è promosso dal Teatro Nazionale di Genova
Culture
1 ora

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
2 ore

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Podcast
8 ore

The deep NEsT, Marco Coppola nel nido di Bandecchi e La Rosa

Ospite, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il responsabile di Gayticino a Zonaprotetta. Su YouTube, Spotify e www.deepnest.com
Distopie
9 ore

‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse

Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Spettacoli
10 ore

Compagnia Finzi Pasca, un Sociale per ‘52’

Sabato 3 dicembre al Teatro Sociale di Bellinzona, ispirato a ‘Ochentas Balas sobre el Ala’ di Pablo Gershanik
Culture
10 ore

Osi di nuovo alle Officine per il Concerto di Natale 2022

Guidata dal direttore d’orchestra italiano Enrico Calesso, il 10 dicembre tra Dvořák e Brahms
Otium
19 ore

Il Forum per l’italiano in Svizzera

Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Musica
20 ore

Addio a Christine McVie, voce dei Fleetwood Mac

Cantante, cantautrice e tastierista, è morta all’età di 79 anni dopo una breve malattia
Spettacoli
21 ore

Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano

‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
Società
23 ore

Jim Carrey lascia Twitter, senza nominare Elon Musk

L’attore di ‘The Truman Show’ non nomina il nuovo proprietario del social, ma pubblica un video animato che molti leggono come provocazione al miliardario
Società
1 gior

Domande razziste a corte, impiegata staff reale si dimette

La donna avrebbe insistito a chiedere quali fossero le radici di un’attivista malgrado i ripetuti tentativi di spiegarle che si sentisse britannica
L’intervista
1 gior

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Società
1 gior

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
1 gior

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
2 gior

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
2 gior

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
05.07.2019 - 06:00
Aggiornamento: 11:37

Sessanta minuti con Nomad Antenna

Intervista al giornalista in pensione Feo Del Maffeo che ci racconta il suo progetto radiofonico su YouTube

di Clara Storti
sessanta-minuti-con-nomad-antenna

Di questi tempi il mestiere risulta un po’ meno facile del solito: le ferie estive risucchiano le persone neanche fossero il famigerato Triangolo delle Bermude. Fortunatamente, però, ci sono i colpi della signora bendata, quasi sempre maldestra, che ogni tanto però c’azzecca con la mira e fa sì che qualcuno, all’altro capo della cornetta, risponda. «Mi chiamo Feo Del Maffeo, ho 67 anni, l’ultimo lavoro che ho fatto è stato alla Rete Uno della Rsi e prima di allora, sempre in Svizzera, ho lavorato nel settore alberghiero. Non c’è molto altro da aggiungere...», risponde, con voce calma e accogliente (‘radiofonica’ è sicuramente l’aggettivo più appropriato), l’irriducibile giornalista in pensione, quando gli chiediamo di presentarsi brevemente (malgrado il suo nome sia ben noto).

Lo disturbo mentre si trova in vacanza a Schinoussa, un’isoletta dell’arcipelago delle Cicladi, perché curiosa del suo progetto web dedicato alla radio ‘Nomad Antenna’ e pubblicato sulla piattaforma YouTube.

Da qualche tempo, Feo realizza sessanta minuti di trasmissione, con cadenza aleatoria, montando (grazie a un software semplice e gratuito) fonogrammi di interviste, suoni e musiche (finora, ha caricato sette video con fermoimmagine). Una radio che ha nelle rubriche ‘La Butega’ e la ‘Gazzetta del Blues’ le due colonne portanti; come spiegherà l’ideatore del progetto.

Come è nata l’iniziativa e i suoi contenuti

‘Nomad Antenna’ è «un’ora di radio autoprodotta, assolutamente casalinga, che pubblico con una frequenza molto anarchica su YouTube». Come tutte le pubblicazioni della piattaforma, anche quella di Feo è di libero ascolto e accesso: «Tutti possono ascoltarla, quando vogliono e per quanto vogliono».

L’idea, anzi, «l’esigenza nasce da due progetti in sospeso» che, per una mera questione di tempo, Del Maffeo non è mai riuscito a far andare in onda su Rete Uno. Il progetto non è stato abbandonato e lo scorso gennaio, mentre si trovava in Thailandia – è un gran viaggiatore e amante del caldo –; il giornalista si è chiesto perché non dare anima e carne a quei progetti sospesi. «Un po’ di tecnica la so; so scrivere; perché non farlo?», si è chiesto.
Grazie a un software per editare i montaggi, il più semplice e gratuito che si trova in rete, Feo dà inizio all’avventura di Nomad Antenna: «Ripetendo l’iter compiuto centinaia di volte, ho costruito e montato una scaletta che ho riempito di musica, suoni e testi». Dopo una prova, Feo ammette che il risultato l’ha inorgoglito, «soprattutto perché i progetti principali della mia ora di antenna sono progetti cui tenevo molto. Uno è ‘La Butega’ e l’altro è la ‘Gazzetta del Blues’».

https://youtu.be/1bPYL_rrcMw

Del lavoro sociale delle botteghe o l’arte dell’incontro

‘La Butega’ frullava nella testa del giornalista già negli anni Novanta o forse nei primi Duemila: «Nasceva dalla guerra silenziosa che le grandi superfici [i centri commerciali; ndr] facevano ai piccoli negozi». Per anni, racconta, ha abitato a Solduno e in piazza c’era una bottega che vendeva di tutto, ma «la cosa che ricordo meglio era il divertimento di stare in fila, in attesa del proprio turno, perché si sentivano dai pettegolezzi di circondario alle frasi che facevano bene al cuore». Insomma, un luogo d’incontro fra persone diverse, per età, mestiere, paese. Questa peculiarità del luogo di ritrovo – sempre più in affanno e a rischio estinzione – gli è «rimasta attaccata».

Bisogna ancora rendere conto di un presupposto. Oggi, come qualche anno fa, nei grandi magazzini «facciamo la spesa di tutto e si va nelle botteghe per le emergenze. Mi è sembrato fosse interessante mettere l’accento sulla situazione e farne una trasmissione settimanale». Dalla riflessione ben si comprende come questi commerci svolgano «un lavoro sociale incredibile: radunano le persone e quindi meritano di essere raccontati». Un ruolo aggregativo che emerge dalle interviste che il giornalista – dittafono alla mano – raccoglie andando a scovare gli interlocutori peregrinando lungo il Ticino, di bottega in bottega; di gestore in gestore. «Dentro, non ci sono solo cose, c’è la gente; ci sono i proprietari confrontati con difficoltà e problemi, ma che hanno una grande passione che li tiene lì», anche se la battaglia con i centri commerciali è persa.

Il secondo pilastro dell’ora di radio è la ‘Gazzetta del Blues’, un “programmino” che prende spunto e contenuti dal sito www.chroniclingamerica.loc.gov. Una pagina che raccoglie tutti i giornali statunitensi (in formato Pdf) dall’inizio del 1800 fino ai giorni nostri. Del Maffeo, consultando il sito, ha inserito alcune parole di ricerca– negro, schiavitù, linciaggio... – ottenendo i resoconti «che condenso in uno o due minuti di lettura e intervallo con brani blues».

In ultima battuta, chiedo le origini del nome dell’antenna: «Perché sono nomade; non come stato, anche se a ben guardare siamo tutti nomadi»… In sostanza, «da quando sono in pensione, trascorro tre mesi d’estate in Grecia e tre mesi d’inverno nel Sud-Est asiatico. Questo perché mi piace il mare e detesto il freddo», chiosa.

Tu chiamala se vuoi... coincidenza (bonus track)

Il paragrafo precedente doveva essere ‘l’ultima battuta’, ma non volevo perdere l’occasione di chiedere al giornalista che cosa l’abbia spinto dal settore alberghiero a quello del giornalismo radiofonico. «È stata una... non so se chiamarla una coincidenza... Un collega del ristorante dove lavoravo e dove stavo benissimo – non avevo intenzione di andarmene –, un giorno mi ha parlato di un annuncio di Rete Uno pubblicato sul CdT, in cui si diceva che si cercavano animatori per la radio». Feo si candida inviando una registrazione: «Ho giocato! Ho mandato la cassetta richiesta e ho vinto, inaspettatamente, il concorso». Come confessa, il cambiamento è stato per lui «una rivoluzione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved