ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 ore

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
8 ore

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
10 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
12 ore

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
14 ore

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
17 ore

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
17 ore

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
19 ore

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
22 ore

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
1 gior

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
1 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
1 gior

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
16.09.2022 - 14:34
Aggiornamento: 18:04

IgNobel, i premi della scienza da ridere: c’è anche uno svizzero

Algoritmi per decidere se mentire o meno, studi matematici sull’incidenza della fortuna nel successo, e altro: ecco le ricerche più divertenti del 2022

ignobel-i-premi-della-scienza-da-ridere-c-e-anche-uno-svizzero
Keystone

C’è un po’ di Svizzera negli IgNobel 2022, i premi alla scienza da ridere, consegnati nella cerimonia online organizzata dalla rivista Annals of Improbable Research e finanziata dalle associazioni di Fantascienza e degli studenti di Fisica di Harvard. Ricerche tutte assolutamente reali, a volte recenti o altre volte ripescate dagli annali, ma che, come recita lo slogan, "fanno prima ridere... e poi pensare". Lo scopo dei premi, come indica la rivista, è "celebrare l’insolito, onorare l’immaginazione e stimolare l’interesse per la scienza, la medicina e la tecnologia". Studi strampalati, dunque, ma che, spesso, trovano anche utili applicazioni pratiche: come ad esempio la ricerca, premio IgNobel 2015 per la chimica, su come "sbollire", ovvero far tornare crudo un uovo sodo, che al di là dell’aspetto improbabile potrebbe aiutare a realizzare esperimenti potenzialmente complicati potendo "riparare" a errori o imprevisti durante l’uso di componenti costose.

A mantenere alto il nome della Confederazione è stato il sociologo bernese Wojtek Przepiorka, vincitore insieme a un team multinazionale del premio IgNobel per la Pace "per aver sviluppato un algoritmo che aiuta i pettegoli a decidere quando dire la verità e quando mentire". In pratica, lo studio tiene in considerazione la "corrispondenza" fra due pettegoli, in termini soprattutto di onestà/disonestà e di vantaggi/svantaggi nel dire il vero o il falso, elaborando un modello secondo il quale nel caso i due chiacchieroni "matchino" perfettamente, allora converrà a essi dire la verità, in caso di corrispondenza parziale, invece, il pettegolo dovrà stabilire se dire o meno la verità in base al rapporto costi/benefici.

Ad aggiudicarsi l’IgNobel per l’Economia 2022, è stata invece una ricerca dell’università di Catania che, tramite un modello matematico creato ad hoc che teneva in considerazione la discrepanza fra la distribuzione dell’intelligenza e del talento e quella della ricchezza nella popolazione, dimostra che "se è vero che un certo grado di talento è necessario per avere successo nella vita, quasi mai le persone più talentuose raggiungono le vette più alte del successo, venendo superate da individui mediocri ma sensibilmente più fortunati": e che dunque, in sostanza, c’è un ingrediente "segreto" nel successo identificato con la pura e semplice casualità.

Più romantica è invece la ricerca vincitrice nella sezione Cardiologia applicata: un team di scienziati cechi, olandesi, britannici, svedesi e di Aruba ha infatti dimostrato che l’attrazione fra due partner, al di là dei segnali del corpo, ha anche delle basi fisiologiche ed è, letteralmente, una questione di cuore: il battito cardiaco delle due persone, infatti, si sincronizza fin dal primo appuntamento. Il premio per la Letteratura scade invece più nel profano: ad aggiudicarsi l’IgNobel 2022 è infatti una ricerca dal titolo "La cattiva scrittura, non i concetti specialistici, determina la difficoltà di elaborazione del linguaggio giuridico", ovvero, la dimostrazione scientifica del perché i documenti legali siano così difficili da comprendere.

Il premio per la Fisica prende poi spunto da un’osservazione sul mondo della natura, in particolare degli animali: se lo aggiudica un team di studiosi cinesi, anglo-americani e turchi "per aver cercato di capire come fanno gli anatroccoli a nuotare in formazione". In sostanza, lo studio, effettuato facendo seguire agli anatroccoli una mamma anatra meccanica, dimostra che "il flusso d’acqua generato dalla formazione di anatroccoli riduce la resistenza dell’acqua al movimento e consente a ogni anatroccolo di risparmiare energia". Ricerca che, in questo caso, ha riflessi anche sullo studio del metabolismo. Il riconoscimento per l’Ingegneria è andato invece a una ricerca giapponese che cerca di scoprire qual è il modo più efficiente di usare le dita quando si gira una manopola.

Non mancano, come detto, studi e ricerche che, al di là dell’aspetto comico, hanno anche implicazioni reali: il premio per la Medicina è stato assegnato a uno studio che dimostra che gli effetti collaterali di alcuni tipi di chemioterapia tossica vengono attenuati se i pazienti mangiano del gelato, mentre quello per la sicurezza è andato a una ricerca svedese che ha messo a punto un manichino per i crash test delle auto dalle sembianze di un animale comune in Scandinavia e, in effetti, coinvolto in diversi incidenti stradali ogni anno: un alce.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved