sull-aids-la-prevenzione-e-in-fase-di-stallo
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
10 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
11 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
12 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
13 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
13 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
13 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
13 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
14 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
01.08.2022 - 17:57
Ats, a cura di Red.Web

Sull’Aids la prevenzione è in fase di stallo

Gli sforzi di prevenzione nella lotta all’Aids sono bloccati. Nel 2021 circa 4’000 infezioni da Hiv al giorno

Gli sforzi di prevenzione nella lotta all’Aids sono bloccati. Solo nel 2021 ci sono state 1,5 milioni di nuove infezioni da Hiv nel 2021, circa 4’000 ogni giorno. A chiedere di investire di più in prevenzione e cura sono gli esperti riuniti alla 24ª Conferenza internazionale sull’Aids in corso a Montréal, in Canada, che vede la presenza di oltre 9’500 persone.

E in questo momento "momento critico" e "di stallo" anche a causa della pandemia Covid-19 che ha drenato risorse e attenzioni, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lancia nuove linee guida su farmaci pre esposizione, sottolineando come la nuova profilassi, somministrabile una volta ogni due mesi invece che quotidianamente, sia una "opzione di prevenzione sicura e altamente efficace".

Molto è cambiato da quando, negli anni ottanta, la diagnosi di Aids era come una condanna. Dopo il fallimento della sperimentazione di un vaccino a vettore virale, si sta lavorando ora al vaccino a mRna contro l’Hiv, basato sullo stesso meccanismo di quello anti-Covid. La profilassi pre-esposizione (PrEP) permette di evitare l’infezione ed è consigliata a chi ha un rischio alto di contrarre il virus, come persone che fanno uso di droghe iniettabili, lavoratori del sesso, omosessuali e transgender. In chi è già infetto, gli antiretrovirali di rendere il virus non trasmissibile e di tenere sotto controllo la malattia, tanto che una persona con Hiv ha oggi un’aspettativa di vita simile agli altri. Per questo è centrale far iniziare il prima possibile le terapie. Ma si stima che 5,9 milioni di persone sieropositive in tutto il mondo, e soprattutto in Africa, non siano a conoscenza del loro stato.

Per spingere l’acceleratore sulla diagnosi precoce, verso l’obiettivo della sconfitta dell’Aids entro il 2030, l’Oms ha di recente annunciato un test fai da te per l’Hiv che sarà disponibile nei Paesi in via di sviluppo al costo di un dollaro. Mentre con le nuove linee guida, l’obiettivo dell’Oms è favorire l’introduzione di cabotegravir a lunga durata d’azione (CAB-LA): si tratta di una forma iniettabile intramuscolare di PrEP, con le prime 2 iniezioni somministrate a distanza di 4 settimane, seguite da una ogni 8 settimane. Cabotegravir "ha dimostrato di essere sicuro e altamente efficace in 2 studi randomizzati controllati, che mostrano come abbia comportato una riduzione del 79% del rischio di Hiv rispetto alla PrEP orale". Per quest’ultima, infatti, "l’aderenza alla terapia quotidiana di farmaci era spesso una sfida". "Ci auguriamo che queste nuove linee guida contribuiranno ad accelerare gli sforzi per iniziare a fornirlo insieme ad altre opzioni di prevenzione, tra cui la PrEP orale e l’anello vaginale dapivirina", ha affermato Meg Doherty, direttrice dei programmi globali dell’Oms sull’Hiv.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aids hiv
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved