cern-prima-collisione-a-energia-record-nell-acceleratore-lhc
Keystone
L’acceleratore di particelle
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
43 min

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
11 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
13 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
14 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
14 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
14 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
14 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
05.07.2022 - 19:05
Ats, a cura di Red.Web

Cern: prima collisione a energia record nell’acceleratore Lhc

Dopo tre anni di aggiornamento e manutenzione prende così avvio il terzo periodo di presa dati

Ottenuta la prima collisione a energia record nell’acceleratore di particelle Large hadron collider (Lhc) del Cern di Ginevra, che apre oggi una nuova pagina della fisica.

Prende così avvio, dopo oltre tre anni di aggiornamento e manutenzione, il terzo periodo di presa dati (Run 3), che per i prossimi 4 anni lavorerà a 13,6 TeV, pari a 13,6 trilioni di elettronvolt: un’energia che fornirà una precisione e un potenziale di scoperta mai raggiunti prima. I protoni saranno inoltre concentrati su una dimensione del fascio inferiore a 10 milionesimi di metro: un aumento del tasso di collisione che può aprire la via a nuove scoperte.

Dopo un piccolo incidente tecnico avvenuto nel corso della mattinata, causato da alcuni elementi che si erano surriscaldati e che ha richiesto diverse ore di lavoro da parte dei tecnici per essere riportati alla giusta temperatura, il Run 3 è partito con successo come da programma. Tensione e attesa tra i ricercatori presenti in sala controllo durante il conto alla rovescia, tra cui anche la direttrice del Cern Fabiola Gianotti, che si sono poi sciolti in applausi e festeggiamenti quando sono stati raggiunti i cosiddetti ‘fasci stabili’, la condizione che consente di realizzare le collisioni tra protoni e agli esperimenti di accendere tutti i loro sistemi e iniziare a raccogliere i dati.

Una bottiglia di champagne per l’occasione

Pronta a essere stappata anche una bottiglia di champagne personalizzata, con un’etichetta dedicata ai 13,6 trilioni di elettronvolt, l’energia record raggiunta dalle collisioni dopo gli ultimi aggiornamenti.

"Durante il Long Shutdown 2 (l’ultimo periodo di aggiornamento) non è stato potenziato solo Lhc" – spiega Roberto Tenchini, presidente della Commissione scientifica nazionale dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) –, ma anche i quattro grandi esperimenti hanno subito importanti aggiornamenti".

Grazie a questi, durante il Run 3 i rilevatori Atlas e Cms prevedono di registrare più collisioni rispetto ai due precedenti Run messi insieme. Anche l’esperimento LHCb ha subito un completo rinnovamento per aumentare la velocità di acquisizione dei dati di un fattore dieci, mentre l’esperimento Alice punta ad aumentare di cinquanta volte il numero di collisioni registrate. Con l’aumento dei campioni di dati e una maggiore energia di collisione, il Run 3 permetterà ai ricercatori di osservare processi precedentemente inaccessibili, affrontando questioni fondamentali come l’origine dell’asimmetria tra materia e antimateria nell’universo, come anche di studiare le proprietà della materia a temperature e densità estreme, cercando candidati per la materia oscura e per altri nuovi fenomeni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acceleratore particelle cern
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved