tre-persone-paralizzate-camminano-grazie-agli-elettrodi
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
4 ore

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
4 ore

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
4 ore

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
5 ore

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
6 ore

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
19 ore

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
20 ore

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
23 ore

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
23 ore

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
1 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
08.02.2022 - 15:24
Ats, a cura de laRegione

Tre persone paralizzate camminano grazie agli elettrodi

Per eseguire i movimenti desiderati i pazienti li selezionano su un tablet. La ricerca è stata coordinata dal Politecnico federale di Losanna

Tre persone paralizzate sono tornate a camminare, nuotare e pedalare grazie a elettrodi impiantati nel midollo spinale. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature Medicine, si deve al gruppo coordinato dal Politecnico federale di Losanna (Epfl).

“Questo successo è il risultato di lunghi studi portati avanti in questi anni, che avevano l’obiettivo di capire come ricreare gli impulsi elettrici necessari per il controllo del tronco e delle gambe”, ha detto all’agenzia di stampa Ansa Silvestro Micera, che lavora alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e all’Epfl. Il dispositivo che ha consentito a tre pazienti adulti paralizzati di tornare a una mobilità quasi completa consiste in un tablet sul quale i pazienti possono selezionare il tipo di movimento che vogliono fare, più una sorta di bypass inserito nell’addome che raccoglie le informazioni e una serie di elettrodi morbidi impiantati direttamente all’interno della colonna vertebrale, nel midollo spinale.

Non solo camminare, ma anche nuotare e pedalare

Sulla base dei movimenti selezionati per mezzo del tablet, i segnali vengono inviati agli elettrodi che provocano la contrazione dei muscoli, generando in questo modo movimenti complessi: non solo camminare ma pure nuotare e pedalare. Il tutto anche fuori da ambienti protetti come il laboratorio.

Fra le prime tre persone sulle quali è stata condotta la sperimentazione c’è l’italiano Michel Roccati, rimasto paralizzato quattro anni fa per un incidente in moto. Come gli altri due pazienti, anche Michel ha appreso a utilizzare la nuova tecnologia. Per insegnare ai tre pazienti a riprendere la mobilità perduta è stato necessario fare una formazione approfondita, ma il tutto è avvenuto in tempi rapidissimi: “Dopo che i loro impianti sono stati attivati, i tre pazienti sono stati in grado di stare in piedi, camminare, pedalare, nuotare e controllare i movimenti del busto in un solo giorno!”, ha osservato Grégoire Courtine, dell’Epfl, che con Jocelyne Bloch, neurochirurga del Centro ospedaliero e universitario vodese (Chuv), ha coordinato la ricerca.

“Il tutto – ha proseguito – grazie ai programmi di stimolazione specifici che abbiamo scritto per ogni tipo di attività. I pazienti possono selezionare l’attività desiderata sul tablet e i protocolli corrispondenti vengono trasmessi al dispositivo impiantato”.

I progressi sono proseguiti nelle settimane successive e, seguendo un piano di allenamento, i volontari sono stati in grado di recuperare massa muscolare, muoversi in modo più autonomo e prendere parte ad attività sociali come bere un drink in piedi al bar.

Entro pochi anni si vuole arrivare alla commercializzazione della tecnologia

Il risultato arriva dopo numerosi anni di ricerche effettuate dal gruppo in questo ambito, dai quali è nata anche la start up Onward Medical, il cui obiettivo principale sarà testare questa nuova tecnologia su migliaia di pazienti, per arrivare a commercializzarla entro pochi anni. “I prossimi passi – ha detto ancora Micera – saranno dedicati a ottenere la completa miniaturizzazione del dispositivo e poi si lavorerà per riuscire a usare i segnali elettrici in arrivo direttamente dal cervello, grazie a un sistema capace di raccogliere i segnali cerebrali e inviarli al midollo, superando la parte lesionata”.

Nel frattempo, da Israele arriva la notizia di un altro importante successo, questa volta nel tentare la rigenerazione di tessuti spinali danneggiati usando cellule staminali. I ricercatori sono riusciti a ricostruire in 3D porzioni di tessuto che sono state inserite per ripristinare le connessioni danneggiate, anche dopo lunghi periodi, all’interno della colonna vertebrale. Una strada completamente differente da quella “elettronica” dei ricercatori svizzeri, che prevede ancora un lungo percorso prima di poter essere testata sull’uomo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
epfl paralizzato
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved