ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
11 ore

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
15 ore

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
20 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
22 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
23 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
1 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
1 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
1 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
1 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
2 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Archeologia
10.05.2021 - 10:50

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...

di B.D./Ansa
i-neanderthaliani-ottant-anni-dopo
Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone

Il prologo è datato 24 febbraio 1939, quando alcuni operai stanno estraendo pietre all'interno della proprietà del signor Guattari, a San Felice Circeo in provincia di Latina, dopo che una frana aveva bloccato l'ingresso di una grotta; in fondo alla grotta in questione, nel tratto terminale più tardi denominato ‘Antro dell'Uomo’, i lavoratori trovano un insieme di pietre poste circolarmente e insieme un cranio assai ben conservato, che sarà presto attribuito all'Uomo di Neanderthal. Le analisi condotte al tempo da Alberto Carlo Blanc, paleontologo e geologo italiano, si concentrano in particolare sulle ferite riscontrate sul cranio, per condurre verso una teoria cannibalistica che finirà poi, romanzata e farcita di teorie ritualistico-misteriche, nel libro ‘Le iene del Circeo’. Ovvero: il forame nella zona occipitale sarebbe la prova di operazioni di allargamento effettuate da altri neanderthaliani con lo scopo di estrarre il cervello e cibarsene, il tutto a scopi rituali. È la disposizione circolare delle pietre ritrovate insieme alle ossa a portare alla conclusione del rito magico, teoria smentita soltanto cinquant'anni più tardi, quando dal convegno internazionale tenutosi al Circeo, i massimi esperti internazionali convergono sulla certezza che le aperture sul cranio sono i segni dei denti di iena e non di utensili e che quindi la grotta, già ufficialmente nota come Grotta Guattari, doveva essere la tana di una iena di 50mila anni fa, certezza corroborata dalle molte ossa animali, ovvero i resti dei suoi pasti. In sintesi: la iena avrebbe portato all'interno del proprio rifugio un cadavere umano, e anche solo la testa, per cibarsene nelle modalità studiate in Africa, ovvero mordendo la carne ivi attaccata ma senza spezzarne le ossa. Cosa che gli uomini, al contrario, avrebbero fatto.


Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone

‘Non lasciate entrare nessuno’

 All'Accademia Nazionale dei Lincei, espressosi in merito al ritrovamento del cranio, Blanc si esprime così: “Raccomandai al Guattari di chiudere l'accesso della grotta e di non lasciarvi più entrare nessuno”. Così sarebbe stato sin da subito, perché il sito venne classificato già all'epoca di Blanc come uno dei più importanti del paleolitico medio europeo. Un sito che oggi, ottant'anni dopo, a margine di un'operazione di messa in sicurezza della Grotta Guattari iniziata nell'autunno del 2020, restituisce altri e ancor più numerosi resti umani e animali. 

I nuovi ritrovamenti arrivano da un'area della grotta ancora vergine, non oggetto degli studi di Blanc. È la zona detta ‘del laghetto’, allagata dalla falda sottostante da ottobre ad aprile. I nuovi resti umani vengono da lì: si tratta di una calotta cranica, un frammento di occipitale, frammenti di cranio (tra cui due emifrontali), frammenti di mandibola, due denti, tre femori parziali e altri frammenti non ancora identificati. Per complessivi nove individui, di cui una sola femmina, che vanno ad aggiungersi ai due identificati prima della guerra. Gli archeologi fanno sapere che i resti umani appartengono a epoche differenti: otto ominidi risalgono a un arco di tempo compreso tra i 50mila e i 68mila anni fa, il più antico avrebbe tra i 90mila e i 100mila anni. A essi si aggiungono i resti animali: iene, a conferma delle teorie di cui sopra, ma anche resti di cervo nobile e gigante, rinoceronte, orso delle caverne e cavallo selvatico. E ci sono anche tracce del passaggio dell'uro, un grande bovino ormai estinto, il cui ultimo esemplare, una femmina, morì nel 1627 per essere conservata – il cranio, ancora una volta – in un museo di Stoccolma. Le nuove indagini, condotte con strumenti inimmaginabili all'epoca della prima scoperta, coinvolgono studiosi di diversi enti di ricerca (Ingv, Cnr/Igag, Università di Pisa, Università di Roma La Sapienza), potrebbero ricostruire i movimenti dell'Uomo di Neanderthal nella pianura Pontina per un arco di tempo collocabile tra i 300mila e i 50mila anni fa. La frequentazione del luogo è dimostrata i resti di carbone e ossa di animali combuste, che portano a ipotizzare la presenza di un focolare ben strutturato.


Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone

Ercolano

'Ufficiale, non semplice soldato'

È stato un weekend di scoperte, quello appena terminato. Per la seconda bisogna spostarsi avanti fino al tempo dei romani. A breve, a Ercolano riprenderanno gli scavi avviati quarant'anni fa (epoca del ritrovamento di 300 fuggiaschi), con l'obiettivo di potenziare la conservazione del sito archeologico patrimonio dell'Unesco, ma anche con l'intenzione di riportare alla luce il percorso che dall'antica spiaggia conduceva alla maestosa Villa dei Papiri. Nel frattempo, una ricerca firmata da Francesco Sirano, direttore del parco, si concentra su una delle vittime ritrovate nel corso della prima campagna. Inizialmente identificato come un semplice soldato, l'uomo potrebbe avere avuto un ruolo più importante. Sarebbe, come dichiarato da Sirano all'Ansa, “un ufficiale della flotta che partecipava alla missione di salvataggio lanciata da Plinio il Vecchio per soccorrere le popolazioni affacciate su questa parte del Golfo di Napoli”. Lo dimostrerebbero le ricche armi e gli strumenti da lavoro che portava in spalla.


Ercolano (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved