Portogallo
2
Germania
4
fine
(1-2)
Spagna
Polonia
21:00
 
i-neanderthaliani-ottant-anni-dopo
Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
2 ore

Riscoprire le opere di Antonio Ciseri

In occasione del bicentenario della nascita del pittore, è stato realizzato un itinerario che attraversa diverse località ticinesi
Musica
2 ore

Final Step, per riconnetterci è uscito ‘Disconnections’

Con Matteo Finali tra le storie musicali (anche di famiglia) di un album che è un invito a riprenderci i suoni delle nostre vite (reali).
Culture
5 ore

A Leontica tutte le strade portano alla pozza

Per tutti coloro che arrivano in paese seguendo le tracce lasciate dal romanzo di Fabio Andina, domenica 27 giugno s'inaugura Il Sentiero del Felice (siamo tutti invitati)
Società
7 ore

Addio Lugano bella, la storia dell’anarchico Pietro Gori

Gli ideali politici di un uomo che rifiutava la violenza e la scienza della devianza di Lombroso: intervista allo storico Massimo Bucciantini
Società
14 ore

34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile

Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"
Spettacoli
1 gior

Golden Globes, si spacca la Foreign Press Association

Dimessi due membri dell'ente che organizza i premi, denunciando ancora una volta un ambiente tossico e resistenza al cambiamento.
Culture
1 gior

Il Locarno Film Festival punta sui giovani

Il Locarno Film Festival punta sui giovani. Con programmi a loro dedicati si vuole formatore dei futuri professionisti del mondo del cinema.
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, omaggio ‘celestiale’ a Luciano Sgrizzi

Intervista a Davide Macaluso, la cui celesta sarà protagonista del concerto di lunedì 21 giugno a Carabbia
Scienze
1 gior

Il drone Ingenuity regala indizi sui 'diavoli di sabbia'

La sabbia sollevata dalle sue pale viene trasportata dall'aria più facilmente di quanto si pensasse: siamo vicini a capire come nascono le trombe d'aria marziane?
Medicina
1 gior

Farmaco contro l'Alzheimer: un 70enne statunitense per primo

Via libera negli Usa all'anticorpo monoclonale, il primo approvato per la malattia in vent'anni, nonostante il no di una commissione indipendente,
Società
1 gior

Rivoluzione da Victoria's Secret: donne, non più angeli

'Dobbiamo smetterla di essere quello che vogliono gli uomini', afferma il colosso della lingerie: ecco Megan Rapinoe, Eileen Gu e altre testimonial
Culture
2 gior

Alice Ceresa, femminista d’oggi

Riscopriamo con la professoressa Tatiana Crivelli la figura della scrittrice svizzera, al centro di un incontro alla Casa della Letteratura
Culture
2 gior

Al musicologo Lorenzo Bianconi il Premio Guido Adler

L'importante riconoscimento è conferito al più importante musicologo ticinese dalla Società Internazionale di Musicologia
Musica
2 gior

Il grande festival in miniatura: Blues to Bop 2021 è 'Bonsai'

Non per questo, tra Piazza Manzoni e il Boschetto Parco Ciani, mancheranno i grandi nomi: si apre il 24 giugno con Bat Battiston.
Cinema
2 gior

Spike Lee tra le palme è il poster di Cannes

Sulla Croisette, in bianco e nero, il regista comunica l'impazienza di tornare a guardare i film.
Scienze
2 gior

I pipistrelli svizzeri non sono portatori di virus pericolosi

Scoperti dai virologi dell'Università di Zurigo 16 famiglie di virus in grado d'infettare i vertebrati, che però non rappresentano alcun pericolo per l'uomo
Archeologia
10.05.2021 - 10:500

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...

Il prologo è datato 24 febbraio 1939, quando alcuni operai stanno estraendo pietre all'interno della proprietà del signor Guattari, a San Felice Circeo in provincia di Latina, dopo che una frana aveva bloccato l'ingresso di una grotta; in fondo alla grotta in questione, nel tratto terminale più tardi denominato ‘Antro dell'Uomo’, i lavoratori trovano un insieme di pietre poste circolarmente e insieme un cranio assai ben conservato, che sarà presto attribuito all'Uomo di Neanderthal. Le analisi condotte al tempo da Alberto Carlo Blanc, paleontologo e geologo italiano, si concentrano in particolare sulle ferite riscontrate sul cranio, per condurre verso una teoria cannibalistica che finirà poi, romanzata e farcita di teorie ritualistico-misteriche, nel libro ‘Le iene del Circeo’. Ovvero: il forame nella zona occipitale sarebbe la prova di operazioni di allargamento effettuate da altri neanderthaliani con lo scopo di estrarre il cervello e cibarsene, il tutto a scopi rituali. È la disposizione circolare delle pietre ritrovate insieme alle ossa a portare alla conclusione del rito magico, teoria smentita soltanto cinquant'anni più tardi, quando dal convegno internazionale tenutosi al Circeo, i massimi esperti internazionali convergono sulla certezza che le aperture sul cranio sono i segni dei denti di iena e non di utensili e che quindi la grotta, già ufficialmente nota come Grotta Guattari, doveva essere la tana di una iena di 50mila anni fa, certezza corroborata dalle molte ossa animali, ovvero i resti dei suoi pasti. In sintesi: la iena avrebbe portato all'interno del proprio rifugio un cadavere umano, e anche solo la testa, per cibarsene nelle modalità studiate in Africa, ovvero mordendo la carne ivi attaccata ma senza spezzarne le ossa. Cosa che gli uomini, al contrario, avrebbero fatto.


Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone

‘Non lasciate entrare nessuno’

 All'Accademia Nazionale dei Lincei, espressosi in merito al ritrovamento del cranio, Blanc si esprime così: “Raccomandai al Guattari di chiudere l'accesso della grotta e di non lasciarvi più entrare nessuno”. Così sarebbe stato sin da subito, perché il sito venne classificato già all'epoca di Blanc come uno dei più importanti del paleolitico medio europeo. Un sito che oggi, ottant'anni dopo, a margine di un'operazione di messa in sicurezza della Grotta Guattari iniziata nell'autunno del 2020, restituisce altri e ancor più numerosi resti umani e animali. 

I nuovi ritrovamenti arrivano da un'area della grotta ancora vergine, non oggetto degli studi di Blanc. È la zona detta ‘del laghetto’, allagata dalla falda sottostante da ottobre ad aprile. I nuovi resti umani vengono da lì: si tratta di una calotta cranica, un frammento di occipitale, frammenti di cranio (tra cui due emifrontali), frammenti di mandibola, due denti, tre femori parziali e altri frammenti non ancora identificati. Per complessivi nove individui, di cui una sola femmina, che vanno ad aggiungersi ai due identificati prima della guerra. Gli archeologi fanno sapere che i resti umani appartengono a epoche differenti: otto ominidi risalgono a un arco di tempo compreso tra i 50mila e i 68mila anni fa, il più antico avrebbe tra i 90mila e i 100mila anni. A essi si aggiungono i resti animali: iene, a conferma delle teorie di cui sopra, ma anche resti di cervo nobile e gigante, rinoceronte, orso delle caverne e cavallo selvatico. E ci sono anche tracce del passaggio dell'uro, un grande bovino ormai estinto, il cui ultimo esemplare, una femmina, morì nel 1627 per essere conservata – il cranio, ancora una volta – in un museo di Stoccolma. Le nuove indagini, condotte con strumenti inimmaginabili all'epoca della prima scoperta, coinvolgono studiosi di diversi enti di ricerca (Ingv, Cnr/Igag, Università di Pisa, Università di Roma La Sapienza), potrebbero ricostruire i movimenti dell'Uomo di Neanderthal nella pianura Pontina per un arco di tempo collocabile tra i 300mila e i 50mila anni fa. La frequentazione del luogo è dimostrata i resti di carbone e ossa di animali combuste, che portano a ipotizzare la presenza di un focolare ben strutturato.


Dalla Grotta Guattari a San Felice Circeo (Latina) - Keystone

Ercolano

'Ufficiale, non semplice soldato'

È stato un weekend di scoperte, quello appena terminato. Per la seconda bisogna spostarsi avanti fino al tempo dei romani. A breve, a Ercolano riprenderanno gli scavi avviati quarant'anni fa (epoca del ritrovamento di 300 fuggiaschi), con l'obiettivo di potenziare la conservazione del sito archeologico patrimonio dell'Unesco, ma anche con l'intenzione di riportare alla luce il percorso che dall'antica spiaggia conduceva alla maestosa Villa dei Papiri. Nel frattempo, una ricerca firmata da Francesco Sirano, direttore del parco, si concentra su una delle vittime ritrovate nel corso della prima campagna. Inizialmente identificato come un semplice soldato, l'uomo potrebbe avere avuto un ruolo più importante. Sarebbe, come dichiarato da Sirano all'Ansa, “un ufficiale della flotta che partecipava alla missione di salvataggio lanciata da Plinio il Vecchio per soccorrere le popolazioni affacciate su questa parte del Golfo di Napoli”. Lo dimostrerebbero le ricche armi e gli strumenti da lavoro che portava in spalla.


Ercolano (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved