ULTIME NOTIZIE Culture
Nobel per la Letteratura 2022
4 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
7 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
7 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
8 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
10 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
13 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
14 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
14 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’
28.04.2021 - 13:34
Aggiornamento: 16:40

Svegliare i 'fantasmi' per predire peggioramenti del Parkinson

Un test cerebrale per valutare lo stato di salute mentale dei pazienti affetti dal morbo è stato sviluppato dai ricercatori del Politecnico federale di Losanna

Ats, a cura de laRegione
svegliare-i-fantasmi-per-predire-peggioramenti-del-parkinson
Anticipare le allucinazioni

I ricercatori del Politecnico federale di Losanna (Epfl) hanno sviluppato un test cerebrale per valutare lo stato di salute mentale dei pazienti affetti dal morbo Parkinson. Il metodo consiste nel risvegliare ‘fantasmi’ nascosti in alcune aree del cervello al fine di prevedere la comparsa di allucinazioni tipiche della malattia, sintomo precursore di disturbi mentali e cognitivi più gravi. Il morbo di Parkinson, il secondo disturbo neurodegenerativo più diffuso nel mondo dopo l'Alzheimer, è noto per rallentare i movimenti e indurre rigidità muscolare e tremori incontrollabili degli arti. Ma oltre a queste alterazioni motorie, circa la metà dei malati sperimenta allucinazioni. Queste possono manifestarsi come la sensazione di presenza di persone o animali oppure come allucinazioni della visione nella coda dell'occhio. Sono state riscontrate anche percezioni errate di oggetti e persino allucinazioni visive complete e colorate.

“Con le allucinazioni, una grande difficoltà sta nel fatto che non si può prevedere il loro verificarsi e che molti pazienti non le segnalano apertamente, forse per paura”, spiega Fosco Bernasconi, co-autore della ricerca pubblicata su Science Translational Medicine. Tutto ciò rende molto complicato per i medici quantificare la loro comparsa, la fenomenologia e l'intensità. Sempre più dati clinici suggeriscono che le allucinazioni possono essere precursori di disturbi mentali e cognitivi più gravi; ma esse rimangono sotto-diagnosticate. “Questo è il motivo per cui abbiamo progettato un dispositivo medico robotico e una procedura che può indurre in modo sicuro un'allucinazione specifica nell'ambiente controllato di un ospedale”, aggiunge Fosco Bernasconi, citato in un comunicato odierno.

"Stiamo sviluppando qualcosa di simile all'elettrocardiogramma da sforzo, ma per esaminare il cervello invece del cuore", spiega Olaf Blanke, neuroscienziato dell'Epfl. Il ‘Robot ghost test’ è stato provato su 26 pazienti. È fra l'altro risultato che quelli con preesistenti allucinazioni di presenza sono più sensibili alla stimolazione robotica rispetto a quelli che non hanno mai sperimentato questi miraggi. In una seconda parte dello studio, gli scienziati sono stati in grado d'identificare le reti dei neuroni coinvolte. Su questa base, in collaborazione con l'équipe di Jaime Kulisevsky dell'ospedale Sant Pau (Barcellona), si è riusciti a prevedere con precisione la gravità dei sintomi in base alle scansioni cerebrali.

“Questa procedura, compreso il dispositivo robotico adattato allo scanner, potrebbe potenzialmente servire come un biomarcatore per le forme più gravi della malattia, associate ad allucinazioni e deficit cognitivi”, sottolinea Eva Blondiaux, co-prima autrice dello studio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved