DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:55
 
ticino-terra-di-scienza-con-un-sito-per-raccontarla
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
5 min

'E poi saremo salvi', vite vissute in bilico

Attraverso gli occhi della piccola Aida, la storia di una famiglia di rifugiati bosniaci: è il libro d'esordio di Alessandra Carati, Premio Viareggio Rèpaci
Spettacoli
12 ore

'L'anno che verrà', Servillo-Girotto-Mangalavite suonano Dalla

Dal vivo sabato 24 luglio alle 21 nell'Agorà del Lac per la stagione en plein air
Culture
16 ore

A Carmelo Rifici il Premio Radicondoli per il teatro

Assegnato a Maestri che si sono distinti nel donare esperienza e saperi attraverso il loro operato. La consegna domenica 25 luglio al Radicondoli Festival 2021
Spettacoli
19 ore

La Francia piange Jean-Yves Lafesse, re dello scherzo tv

Viene considerato tra i precursori delle gag con telecamera nascosta e degli scherzi telefonici. Iniziò negli anni 80 con l'avvento delle radio libere.
Libri
20 ore

Obama-Springsteen, dal podcast al libro

'Renegades: Born in the Usa' esce in contemporanea mondiale il 26 ottobre 2021, con immagini e racconti esclusivi di vita
Spettacoli
21 ore

Se sarà richiesta la vaccinazione, Eric Clapton non suonerà

Slowhand, che ha parlato della sua pessima esperienza con AstraZeneca, reagisce alle direttive di Boris Johnson: 'Mi riservo di poter cancellare gli show'
Musica
22 ore

Chiara Dubey si ritrova in 'Stranger'

È la canzone ufficiale del Floating Notes Festival di San Bernardino, dov'è attesa dal vivo domani, sabato 24 luglio. Ma è soprattutto riscoprire se stessi.
Musica
23 ore

Amy, sono già dieci anni

Ricorre oggi l'anniversario della morte di Amy Winehouse: oggi avrebbe 37 anni.
Culture
1 gior

I bambini del mondo disegnano il loro patrimonio culturale

Sono novecento i disegni esposti virtualmente da martedì scorso. L'iniziativa, in collaborazione con l'Unesco, ha coinvolto bimbi e adolescenti dai quattro continenti
Gallery
Musec
1 gior

Sono quattro i giovani vincitori di Unpublished Photo 21

Assegnati i premi per giovani fotografi UP21. Le loro opere saranno esposte al Musec dal 23 settembre 2021 al 21 febbraio 2022
Musica
1 gior

'Side-Eye NYC (V1.IV)', a settembre il nuovo Pat Metheny

Con relativo tour 2022: tra la date chilometricamente più vicine, quelle del 12 maggio a Milano, Teatro degli Arcimboldi, e del 13 maggio a Zurigo, Volkshaus
Arte
1 gior

'Corona Call', i 15 premiati in mostra a Locarno

In via della Gallinazza 10 e Piazzetta dei Capitani 3, dal 30 luglio al 22 agosto, il frutto del contest lanciato da Visarte Svizzera durante il lockdown.
Biblioteca cantonale
1 gior

Yari Bernasconi e Andrea Fazioli a Chilometro Zero

Giovedì 29 luglio alle 19, i due autori presentano il libro ‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli Editore)
Locarno Film Festival
1 gior

Leopard Club Award a Kasia Smutniak

Le sarà consegnato il 6 agosto in Piazza Grande; il giorno dopo, incontro col pubblico in Rotonda e, al Palacinema, la proiezione di ‘Nelle tue mani’ di Del Monte
Spettacoli
1 gior

Cannes: la vittoria di 'Titane' fa invecchiare Nanni Moretti

Causa dell'invecchiamento, la Palma d'Oro data a un film, dice il regista, “in cui la protagonista rimane incinta di una Cadillac”. Ma il meglio è nei commenti.
Lac en plein air
2 gior

Sotto la stella (nera) del jazz: Giovanni Falzone suona Bowie

Questa sera alle 21, nell'Agorà, la 'Blackstar Suite' del trombettista e compositore italiano, ispirata al testamento musicale dell'artista britannico.
Open-air
2 gior

C'è un po' di New Orleans al Calanca Jazz Festival

Sabato 24 e domenica 25 luglio, James Andrews con Frank Salis, Daniel Macullo e Marco Cuzzovaglia. Completano il cast Orkestra Sbilenka e Two Souls
Scienze
02.12.2020 - 22:060
Aggiornamento : 03.12.2020 - 08:39

Ticino terra di scienza. Con un sito per raccontarla

Nasce www.ticinoscienza.ch, testata online per raccontare la ricerca scientifica basata nel nostro cantone. Ne parliamo con Silvia Misiti e Paolo Rossi Castelli

Davanti all’idea di un Ticino cantone scienziati, è difficile non pensare alla “Repubblica dell’iperbole”. Tuttavia, al netto della passione per le esagerazioni, nel nostro cantone trovano spazio numerosi istituti di ricerca, nell’ambito biomedico e non solo. Per saperne di più, c’è il sito d'informazione Ticino Scienza (www.ticinoscienza.ch), un progetto della Fondazione Ibsa per la ricerca scientifica di Lugano.
Sul sito troviamo non solo articoli e approfondimenti sugli studi più importanti dei ricercatori ticinesi, ma anche una sezione dedicata alla nuova Facoltà di Scienze biomediche dell’Università della Svizzera italiana, una Sezione sul progetto “Cultura e Salute” e l’elenco aggiornato delle pubblicazioni scientifiche dei ricercatori che lavorano in Ticino.

A coordinare i contenuti del sito, il giornalista scientifico Paolo Rossi Castelli, al quale abbiamo chiesto, innanzitutto, quale pubblico si vuole raggiungere. «Ticino Scienza vuole raccontare a un pubblico normalmente lontano dal mondo della ricerca quello che avviene all’interno dei laboratori e delle strutture in cui si studiano nuovi farmaci (in Ticino è molto attiva, ad esempio, la ricerca sugli anticorpi monoclonali per curare il Covid-19), o si scrivono nuovi algoritmi per i sistemi di intelligenza artificiale, o si preparano nuove soluzioni per gestire nel modo migliore l’energia, e così via». Cittadini qualunque, quindi, ma naturalmente «desideriamo essere letti anche dagli addetti ai lavori, nella speranza che nasca, intorno al sito, una sorta di comunità».
Inoltre, sul sito si cercherà «di valorizzare le numerose iniziative di divulgazione scientifica che vengono organizzate nel cantone, per calare nella vita concreta i risultati e le scoperte di un mondo importante (quello del sapere scientifico, appunto), ma che tende a rimanere separato». Un aspetto, quest’ultimo, particolarmente importante: «Soprattutto in questo periodo di pandemia i cittadini chiedono tantissimo alla Scienza, vogliono essere “salvati” dai ricercatori, ma poi non hanno idea di come lavorano (anche per la scarsa capacità comunicativa, spesso, degli scienziati). Ticino Scienza vuole cercare di rompere questo isolamento, almeno dalle nostre parti, e di tradurre, letteralmente, il linguaggio spesso difficile della Ricerca».
Avvicinare la popolazione alla ricerca scientifica che è non solo complessa, ma talvolta anche incerta: come raccontare, ad esempio, che una promettente scoperta potrebbe non portare a nulla? «Fare il ricercatore, soprattutto in campo biomedico, richiede un’enorme pazienza e un’altrettanto grande ostinazione» risponde sempre Paolo Rossi Castelli. «Capita a molti di passare anni, o addirittura decenni, a studiare un frammento di verità (per esempio, il ruolo di una proteina alterata nell’insorgenza di una particolare forma di cancro), e di scoprire poi che quel filone di ricerca non porta a nessun risultato utile». La delusione del ricercatore diventa la frustrazione del giornalista, «perché i lettori chiedono certezze (la cura definitiva contro i tumori, appunto, o contro la malattia di Parkinson), e noi invece possiamo offrire solo piccoli tasselli, che spesso vengono smentiti da altre ricerche successive». Tuttavia bisogna resistere alla tentazione, in cui molti altri media purtroppo cadono, «di lanciare notizie “sensazionali”, che danno risposte reboanti, ma lontane dalla realtà: ai lettori di Ticino Scienza cerchiamo di fornire un’informazione onesta, anche se frammentata». Con un obiettivo ambizioso: «Imparare, insieme ai lettori, a gestire la fragilità e la forza, nello stesso tempo, della ricerca scientifica, che è poi anche quella della vita».
E per completare la risposta, Paolo Rossi Castelli ci propone uno dei contenuti di Ticino Scienza, un’intervista a Maurizio Molinari, direttore di laboratorio all’Istituto di ricerca in biomedicina ed esperto di malattie rare: “Vedo la ricerca come un insieme atomizzato, polverizzato, di progressi. È rarissimo che ci sia la scoperta “decisiva”, un unico studio che cambi radicalmente le cose. Non dobbiamo aspettarci questo. La ricerca va avanti, e avanza notevolmente, grazie a un numero veramente alto di migliorie, che provengono dai gruppi sparsi in tutto il mondo. Occorre un’enorme quantità di pazienza e di lavoro. Il progresso si forma su tanti anelli che, solo quando si chiudono, portano alla conoscenza.”

Dal Ticino al mondo

Il sito nasce per raccontare la ricerca ticinese: non è un po’ strano focalizzarsi su un territorio quando – citiamo qui il sociologo della scienza Robert Merton – una delle caratteristiche del pensiero scientifico è proprio l’universalità? Ci risponde la direttrice della Fondazione Ibsa Silvia Misiti. «In Ticino non c’è una Scienza “particolare”, diversa da quella del resto del mondo. Se esiste un’attività umana che collega letteralmente migliaia di città e luoghi diversi sparsi per il pianeta è proprio la ricerca scientifica: nei laboratori di Bellinzona o Lugano si studia quello che anche i ricercatori di New York, Pechino o Sydney “trattano” ogni giorno, all’interno di un network molto interconnesso».
Del resto, prosegue Misiti, le ricerche “ticinesi” che finiscono sulle riviste scientifiche portano spesso le firme di ricercatori europei o americani che hanno collaborato con loro. «All’Istituto di ricerca in biomedicina e all’Istituto oncologico di ricerca, affiliati all’Università della Svizzera italiana, si trovano persone di almeno dieci nazionalità diverse, credo, o forse più, con un’unica lingua comune (l’inglese) e tante culture differenti. Fanno parte di una comunità che oggi lavora a Bellinzona, ma fra qualche mese potrà trasferirsi a San Francisco, e poi a Berlino, Zurigo, Amsterdam, in una dimensione (una delle poche, insieme allo sport professionistico di alto livello…) veramente internazionale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved