ticino-terra-di-scienza-con-un-sito-per-raccontarla
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre.
Spettacoli
18 ore

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
18 ore

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
19 ore

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
20 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
21 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
1 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
1 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
2 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
2 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
2 gior

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Scienze
02.12.2020 - 22:060
Aggiornamento : 03.12.2020 - 08:39

Ticino terra di scienza. Con un sito per raccontarla

Nasce www.ticinoscienza.ch, testata online per raccontare la ricerca scientifica basata nel nostro cantone. Ne parliamo con Silvia Misiti e Paolo Rossi Castelli

Davanti all’idea di un Ticino cantone scienziati, è difficile non pensare alla “Repubblica dell’iperbole”. Tuttavia, al netto della passione per le esagerazioni, nel nostro cantone trovano spazio numerosi istituti di ricerca, nell’ambito biomedico e non solo. Per saperne di più, c’è il sito d'informazione Ticino Scienza (www.ticinoscienza.ch), un progetto della Fondazione Ibsa per la ricerca scientifica di Lugano.
Sul sito troviamo non solo articoli e approfondimenti sugli studi più importanti dei ricercatori ticinesi, ma anche una sezione dedicata alla nuova Facoltà di Scienze biomediche dell’Università della Svizzera italiana, una Sezione sul progetto “Cultura e Salute” e l’elenco aggiornato delle pubblicazioni scientifiche dei ricercatori che lavorano in Ticino.

A coordinare i contenuti del sito, il giornalista scientifico Paolo Rossi Castelli, al quale abbiamo chiesto, innanzitutto, quale pubblico si vuole raggiungere. «Ticino Scienza vuole raccontare a un pubblico normalmente lontano dal mondo della ricerca quello che avviene all’interno dei laboratori e delle strutture in cui si studiano nuovi farmaci (in Ticino è molto attiva, ad esempio, la ricerca sugli anticorpi monoclonali per curare il Covid-19), o si scrivono nuovi algoritmi per i sistemi di intelligenza artificiale, o si preparano nuove soluzioni per gestire nel modo migliore l’energia, e così via». Cittadini qualunque, quindi, ma naturalmente «desideriamo essere letti anche dagli addetti ai lavori, nella speranza che nasca, intorno al sito, una sorta di comunità».
Inoltre, sul sito si cercherà «di valorizzare le numerose iniziative di divulgazione scientifica che vengono organizzate nel cantone, per calare nella vita concreta i risultati e le scoperte di un mondo importante (quello del sapere scientifico, appunto), ma che tende a rimanere separato». Un aspetto, quest’ultimo, particolarmente importante: «Soprattutto in questo periodo di pandemia i cittadini chiedono tantissimo alla Scienza, vogliono essere “salvati” dai ricercatori, ma poi non hanno idea di come lavorano (anche per la scarsa capacità comunicativa, spesso, degli scienziati). Ticino Scienza vuole cercare di rompere questo isolamento, almeno dalle nostre parti, e di tradurre, letteralmente, il linguaggio spesso difficile della Ricerca».
Avvicinare la popolazione alla ricerca scientifica che è non solo complessa, ma talvolta anche incerta: come raccontare, ad esempio, che una promettente scoperta potrebbe non portare a nulla? «Fare il ricercatore, soprattutto in campo biomedico, richiede un’enorme pazienza e un’altrettanto grande ostinazione» risponde sempre Paolo Rossi Castelli. «Capita a molti di passare anni, o addirittura decenni, a studiare un frammento di verità (per esempio, il ruolo di una proteina alterata nell’insorgenza di una particolare forma di cancro), e di scoprire poi che quel filone di ricerca non porta a nessun risultato utile». La delusione del ricercatore diventa la frustrazione del giornalista, «perché i lettori chiedono certezze (la cura definitiva contro i tumori, appunto, o contro la malattia di Parkinson), e noi invece possiamo offrire solo piccoli tasselli, che spesso vengono smentiti da altre ricerche successive». Tuttavia bisogna resistere alla tentazione, in cui molti altri media purtroppo cadono, «di lanciare notizie “sensazionali”, che danno risposte reboanti, ma lontane dalla realtà: ai lettori di Ticino Scienza cerchiamo di fornire un’informazione onesta, anche se frammentata». Con un obiettivo ambizioso: «Imparare, insieme ai lettori, a gestire la fragilità e la forza, nello stesso tempo, della ricerca scientifica, che è poi anche quella della vita».
E per completare la risposta, Paolo Rossi Castelli ci propone uno dei contenuti di Ticino Scienza, un’intervista a Maurizio Molinari, direttore di laboratorio all’Istituto di ricerca in biomedicina ed esperto di malattie rare: “Vedo la ricerca come un insieme atomizzato, polverizzato, di progressi. È rarissimo che ci sia la scoperta “decisiva”, un unico studio che cambi radicalmente le cose. Non dobbiamo aspettarci questo. La ricerca va avanti, e avanza notevolmente, grazie a un numero veramente alto di migliorie, che provengono dai gruppi sparsi in tutto il mondo. Occorre un’enorme quantità di pazienza e di lavoro. Il progresso si forma su tanti anelli che, solo quando si chiudono, portano alla conoscenza.”

Dal Ticino al mondo

Il sito nasce per raccontare la ricerca ticinese: non è un po’ strano focalizzarsi su un territorio quando – citiamo qui il sociologo della scienza Robert Merton – una delle caratteristiche del pensiero scientifico è proprio l’universalità? Ci risponde la direttrice della Fondazione Ibsa Silvia Misiti. «In Ticino non c’è una Scienza “particolare”, diversa da quella del resto del mondo. Se esiste un’attività umana che collega letteralmente migliaia di città e luoghi diversi sparsi per il pianeta è proprio la ricerca scientifica: nei laboratori di Bellinzona o Lugano si studia quello che anche i ricercatori di New York, Pechino o Sydney “trattano” ogni giorno, all’interno di un network molto interconnesso».
Del resto, prosegue Misiti, le ricerche “ticinesi” che finiscono sulle riviste scientifiche portano spesso le firme di ricercatori europei o americani che hanno collaborato con loro. «All’Istituto di ricerca in biomedicina e all’Istituto oncologico di ricerca, affiliati all’Università della Svizzera italiana, si trovano persone di almeno dieci nazionalità diverse, credo, o forse più, con un’unica lingua comune (l’inglese) e tante culture differenti. Fanno parte di una comunità che oggi lavora a Bellinzona, ma fra qualche mese potrà trasferirsi a San Francisco, e poi a Berlino, Zurigo, Amsterdam, in una dimensione (una delle poche, insieme allo sport professionistico di alto livello…) veramente internazionale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved