laRegione
Nuovo abbonamento
entro-il-2100-gli-orsi-polari-si-estingueranno-per-fame
Fra un'ottantina d'anni, i plantigradi potrebbero estinguersi per mancanza di cibo (foto WikiMedia)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
2 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
2 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
2 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
2 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
2 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Scienze
21.07.2020 - 22:190
Aggiornamento : 22.07.2020 - 00:09

Entro il 2100, gli orsi polari si estingueranno per fame

Le possibilità di sopravvivenza sono limitate secondo uno studio. Variabile fondamentale i cambiamenti climatici, se continueranno ai ritmi attuali

Gli orsi polari rischiano l'estinzione entro il 2100. Se il cambiamento climatico procederà ai ritmi attuali le loro chance di sopravvivenza saranno limitate, eccetto nell'area più a nord dell'Artico.

Secondo uno studio pubblicato sul magazine 'Nature Climate Change', la riduzione dei ghiacci costringerà gli orsi polari a terra per un periodo prolungato privandoli di fatto della capacità di cacciare cibo e costringendoli a sopravvivere con il grasso accumulato.

I plantigradi saranno così costretti a digiunare per periodi più lunghi di quelli attuali mettendo a rischio la loro sopravvivenza, spiega la ricerca secondo la quale a essere maggiormente in pericolo sono i cuccioli, mentre le femmine adulte sarebbero le ultime a perire.

Lo studio, di cui il principale autore è Peter Molnar, prende in esame 13 sotto popolazioni che rappresentano l'80% della totale popolazione di orsi e calcola l'energia necessaria per sopravvivere. I dati vengono poi incrociati con le proiezioni al 2100 sui ghiacci nel caso in cui il riscaldamento climatico procedesse ai livelli attuali. Il risultato è che il lasso temporale per cui gli orsi potrebbero essere costretti a digiunare supera quello per cui sono in grado di restare senza cibo. In altre parole morirebbero di fame perché non solo dovrebbero digiunare di più ma si troverebbero ad affrontare non pochi problemi nel reperire cibo quando possibile.

Durante i loro digiuni gli orsi si muovono il meno possibile per risparmiare energia. Ma la riduzione dei ghiacci e il calo della popolazione crea problemi anche su questo fronte, allungando ad esempio i tempi per trovare un compagno e quindi costringendo gli orsi a muoversi di più e bruciare energia preziosa per la sopravvivenza.

Da sempre al centro del dibattito

Il destino degli orsi polari è da tempo al centro del dibattito sul cambiamento climatico causato dall'uomo, con gli ambientalisti da un lato e chi nega il problema riscaldamento dall'altro. Secondo i critici i timori per il destino degli orsi polari sono infatti esagerati perché gli animali hanno dimostrato di essere riusciti a sopravvivere a periodi ripetuti di alte temperature. Un'argomentazione alla quale gli scienziati replicano mettendo in evidenza come, di solito, nei precedenti periodi di temperature elevate gli orsi avevano probabilmente accesso a fonti alternative di cibo, che ora non hanno più. 

© Regiopress, All rights reserved