laRegione
marameus-lasciando-sanremo-e-il-festival-dei-record
Supercoppia (Areafoto.Si)
+1
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
22 ore

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
22 ore

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
23 ore

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
1 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
1 gior

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
2 gior

Il Volo omaggia il Maestro nella sua Roma

Il 'Tribute to Ennio Morricone' del trio del belcanto si terrà a giugno davanti alla basilica di San Pietro. E poi l'omonimo album.
Spettacoli
2 gior

A Chiasso il Cinema Teatro prepara il 'Piano D'

Il direttore Armando Calvia: 'Decisioni difficili da digerire, ma non possiamo certo stare con le mani in mano'
Arte
2 gior

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona
Spettacoli
2 gior

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.
Teatro
2 gior

Crivellaro: 'Troveremo alternative, ma il teatro non è streaming'

'È incontro tra esseri umani. Approfitteremo per ragionare su cosa manca e su cosa è diventato', commenta il direttore artistico del Teatro di Locarno.
Teatro
2 gior

Cinquanta in sala, non di più. Helbling, Sociale: 'Una mazzata'

'Decisione presa per la salute pubblica – commenta il direttore del teatro bellinzonese – ma credo si sia sottovalutata l’efficacia dei piani di protezione'.
Musica
3 gior

Fabrizio De André: 'La buona novella' diventa un fumetto

La Fondazione ha acconsentito a far pubblicare in un libro a fumetti i testi originali dell'album, accostati ai disegni del visual artist Paolo Castaldi.
Osa!
3 gior

'In-canta l'attimo', due giorni di musica a chilometro zero

Rossana Taddei, Vent Negru, Raissa Avilés, il Duo Orifici-Boldre e tanti altri nella nuova rassegna all'interno di 'Voci audaci' di Osa!
Spettacoli
3 gior

I solisti di Sasso Corbaro con 'Passione' ad Arbedo

Domenica 8 novembre nella Sala Multiuso, il tenore e sassofonista arbedese Mauro Bonomi con Giovanni Bonariva alla fisarmonica e un quintetto di archi
Spettacoli
3 gior

A Caslano il duo solistico della 'Arrigo Galassi'

L'appuntamento è per sabato 7 novembre nella Chiesa San Cristoforo, con le soliste Daniela Zanoletti e Patrizia De Santis.
Libri
3 gior

Russia: è morto Mikhail Yasnov, scrittore per l'infanzia

Noto in epoca sovietica per 'Il pupazzo miagolante', si è spento all'età di 74 anni. Tradusse Apollinaire, Verlaine, Rimbaud e Cocteau
Società
4 gior

La cultura e la pandemia, incontro (virtuale) a Lugano

‘Cultura e Salute. Connessi per accorciare le distanze’ il 3 novembre con ospiti Philippe Kern, Anne Torreggiani e Philippe Bischof
Spettacoli
4 gior

Lockdown all’italiana per i cinema ticinesi

Da Woody Allen a Carlo Verdone, la chiusura dei cinema in Italia priva anche il Ticino dei pochi film che restavano
Scienze
4 gior

Covid, perché i pipistrelli trasmettono ma non si ammalano

Sono un serbatoio naturale di virus, ma li tollerano tutti grazie a una ridotta risposta infiammatoria all'infezione. La risposta è (anche) genetica.
Scienze
4 gior

Ticino, è arrivata la Vespa velutina

Lo rileva il Dipartimento del Territorio. Un esemplare dell'insetto di origine asiatica scoperto da un apicoltore di Ludiano
Società
4 gior

Svizzera, chi ha 'studiato' si sente più in salute

Lo rivela una ricerca dell'Ufficio di statistica, secondo la quale gli svantaggi sociali si ripercuotono sul benessere delle persone
Locarno Film Festival
4 gior

I Pardi di domani vanno in tour

Da novembre a maggio, in tutta la Svizzera, i corti del Locarno 2020 vanno in sala: è il Festival a fianco dell'industria, dei registi e delle sale.
Lac
4 gior

Alexandra Dovgan: a tredici anni suona con l'Osi

È la giovanissima pianista russa che giovedì 29 e venerdì 30 ottobre si esibirà al Lac con l'Orchestra della Svizzera italiana
Spettacoli
4 gior

'Macbettu', Shakespeare in lingua sarda al Sociale

Doppio appuntamento, mercoledì 28 e giovedì 29 ottobre alle 20.45, con il Macbeth di Alessandro Serra
Sanremo
09.02.2020 - 23:520
Aggiornamento : 10.02.2020 - 00:32

Marameus (lasciando Sanremo e il Festival dei record)

In barba a scetticismi e polemiche, e contro lo spauracchio rap (decimo il buon Rancore), la versione 'family' di Amadeus fa felici tutti. Anche noi.

Ecco, la musica è finita, i dipendenti Rai se ne vanno, che splendida serata, per dirla alla Vanoni. È l’alba del Festival vinto da Diodato con ‘Fai rumore’ e nell’albergo occupato in prevalenza dalla tv di Stato, sin dalla prima colazione, sono tutti lì a ripetere ossessivamente “sessanta”. Inteso come “per cento” – sopra il settanta nella parte finale dell’ultima puntata – che è il più alto share dal 2002 (Claudio Baglioni? E chi se lo ricorda?).

Al termine del tradizionale incontro della domenica mattina, la sala stampa proprompe in un lungo applauso, facendo ‘danni’: «Ho cinquantasette anni, ci metto un attimo a commuovermi», dice Amadeus. Che si commuove. Ha vinto la sua idea di Festival familiare, pop e popolare, condotto con l’entusiasmo di chi non attendeva altro e con una cortesia che sa di antico. Una visione pop, la sua, per la quale la vera stella della settimana non è stato Tiziano Ferro, bensì alcune icone degli anni dei paninari così cari al presentatore. L’intesa e la scelta delle canzoni (buone come solo di rado accade) ha fatto entrare nelle casse della Rai trentasette milioni di euro (Claudio Baglioni? Mai sentito nominare).

Su Sanremo ci siamo andati pesante o volato leggero, chiedendoci se il dj al posto del musicista, ovvero Amadeus al posto di Baglioni, sarebbe stato in grado di ripetere il miracolo (due anni di record). Così è stato. «È la mattinata più difficile di tutte. Sono l’uomo più felice del mondo. Ho realizzato un sogno, tutto quello che è accaduto, nel bene e nel male, era quello che desideravo fare sin da agosto. Il numero settanta m’imponeva qualcosa di grande». Amadeus sente di aver lavorato «con sincerità, portando quel che pensavo potesse essere giusto. Ho sempre detto che mi sarei assunto tutte le mie responsabilità se fosse andato male». Agli inizi lo avevano chiamato «‘Il presentatore della porta accanto’ e io – aggiunge – non vedo l’ora di tornare alla quotidianità dei ‘Soliti Ignoti’ da domani».

Siamo donne

Un solo appunto per questo Festival al femminile, e un richiamo a quello assai più talentuoso che fu di Virginia Raffaele e tornato quest’anno nelle braccia della più rassicurante bellezza fine a se stessa, toccando vette di vuoto cosmico con Georgina Rodriguez, la fidanzata di Cristiano Ronaldo. Perché Gianna Fratta è la moglie di Piero Pelù, ma prima la si conosce per essere una delle poche donne a dirigere le orchestre sinfoniche più importanti del mondo. Chi ha preteso, dunque, di conoscere il compenso di Rula Jebreal, al fianco di Amadeus di martedì, giornalista italo-palestinese e donna pensante con la 'colpa' di essere molto bella (esistono donne intelligenti molto belle così come le magre non sono tutte tristi, di certo lo penserà anche Fabio Concato) avrebbe dovuto chiedere quanti euro al minuto ha ricevuto la fidanzata di Cr7 per storpiare i cognomi (“Masini” diventato ‘Masani’) e per fare movimenti insieme a un ballerino («È la prima volta che ballo!»).

Registrando il ritorno sul palco dell’Ariston di Sabrina Salerno in nome del kitsch (il duetto ‘Siamo donne’ si tenne proprio lì nel 1991, in un generale scosciamento non proprio da orgoglio femminista), celebriamo la femminilità dai sedici ai settantaquattro anni:, e cioè dalla giovane Tecla, seconda soltanto a un cognome più importante (Gassmann, Leo) fino a Rita Pavone, un po’ penalizzata dal Minghi che ormai dylaniano, nella serata dei duetti, in ‘1950’ ha abolito le pause dai suoi testi. Fantastica la Zia Rita da sola in ‘Niente (Resilienza 74)’ scritta dal figlio George. Il ritorno, le standing ovation plurime, la voce oltre le leggi della normale usura, sono uno dei momenti indimenticabili di questo Settantesimo.

In quell’arco di età anagrafiche non reali s’inserisce Tosca, sesta con brano d’altri tempi, Premio Giancarlo Bigazzi. Vincitrice nella serata dei duetti a illuminare lo straripante patrimonio della canzone italiana che così bene, di giovedì, ha retto l’integrazione con i nuovi suoni, la sua ‘Piazza Grande’ in coppia con la spagnola Silvia Perez Cruz è stato un Premio Tenco in contemporanea.

Il brutto, il buono, il cretino

Partiamo dal buono. Fiorello, per il quale la Rai si sarebbe potuta risparmiare Benigni; Gabbani, re del buonumore; Achille Lauro, re della provocazione dal denudamento francescano in avanti. Tra i Pinguini e Piero Pelù, l’unica esplosione nucleare è stato l’ex Litfiba al quale il palco, anzi, tutto il teatro stava stretto (‘Gigante’ è titolo e pure aggettivo). Buono è Tiziano Ferro per il compenso girato in beneficenza; buono è Amadeus che si scusa per l’ora tarda («Volevo fare come mia nonna quando portavo gli amici a casa, e cucinava due torte, mentre ne bastava una»); buono il popolo Rai, che rende quello che nei meccanismi è «uno spettacolo povero, quasi da sussidiario» (cit. Eddy Anselmi), ma che diventa il miglior prodotto tv possibile in cui la musica s’impone ancora di essere dal vivo. Sono le maestranze della tv di Stato «dai guadagni sobri – spiega il megadirettore Stefano Coletta di domenica mattina – che mettono tutta la propria passione in un prodotto così fondamentale per l’azienda».

Il brutto. La spocchia di Junior Cally, che qualcuno ha preferito far esibire con la propria faccia, ma che è molto più simpatico con la maschera. Questo non impedisce di dire che ‘No, grazie’ è una canna (la canzone va nel ‘buono’). Sta nel brutto anche una regia televisiva che ci priva più volte delle inquadrature d’insieme (il finale di Gualazzi, sul quale si perde l’ensemble di ottoni che lo circonda). L’abuso di movimento e di ravvicinato (serve la Xamamina) paiono scelte visive di chi non ha la minima idea di cosa sia un concerto dal vivo.

C’è del buono e del meno buono nelle canzoni. Il nuovo che avanza è Elodie, il nuovo che non si sposta da dove sta è Levante (si presenta alla finale con look alla Nina Zilli, diventando esattamente Nina Zilli); il nuovo che indietreggia è il nulla sentimentale di Riki, il vorrei ma non posso materno di Giordana Angi (brava, però, nella ‘Nevicata del ‘56’ con Solis String Quartet) ed Enrico Nigiotti che ha sbagliato canzone. Quanto a Elettra Lamborghini, penultima come Vasco (fate le vostre considerazioni), del cacofonico “Restòscompàre” non ci libereremo prima dell’autunno.

E siamo al cretino: lo squallido teatrino Morgan-Bugo seguito all’eliminazione di venerdì, degno del salotto di Barbara D’Urso. Volano, di sabato, stracci incrociati tra il Roof e il Palafiori in una commedia tragica degna del miglior Claudio Villa, nella quale appare evidente – tra accuse di mobbing professionale da parte del primo e inviti a un trattamento sanitario obbligatorio da parte del discografico del secondo – la voglia del Castoldi di un après moi le déluge, o di un più italiano muoia Morgan e tutti i Filistei (ma vale anche Sansone e tutti i Bughi). A rimetterci, ‘Sincero’ (quale altro titolo), uno dei brani più belli ascoltati fino a quando è stato possibile.

Molto rumore per nulla

«Il rap serve poco per farlo. È un modo di arrangiarsi quando non hai mezzi. Per questo è un linguaggio che può parlare chiunque. L’Italia è una cultura forte, difficile aprire un varco a Sanremo. C’è una parte del pubblico che accoglie i cambiamenti e un’altra che li accoglie con più difficoltà, ma fa parte del processo per il quale un contenuto può cambiare il contenitore». L’edizione dello spauracchio rap l’ha riassunta così in settimana Rancore, e guardando alla classifica, il rap è davvero «ancora una nicchia di massa”, come pensa il critico Marco Mangiarotti.

Molto rumore per nulla, verrebbe da dire. A proposito di rumore: e il vincitore, vi chiederete? Lo si applaudiva prima che cantasse. Lasciando da parte le pressioni – «Senti, per il Premio Mia Martini la sala sarebbe orientata verso Tosca...». «Non ti preoccupare carissima, l’avrei votata comunque» – di Diodato in ‘Fai rumore’, impeccabile, al limite della freddezza, riusciamo a vederne la bravura e non la grandezza. Non c’entra la giacca da prestigiatore, ma una canzone alla Mengoni che non aggiunge niente di più alla storia. Ma ha vinto il Premio della Critica («Carissima, la sala sarà stata orientata, ma s’è orientata male») e il ‘Lucio Dalla’, e quindi cos’altro dire. È il bello del pensiero libero, che magari non sempre, ma fa rumore ed è bene sia così.

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved