marameus-lasciando-sanremo-e-il-festival-dei-record
Supercoppia (Areafoto.Si)
+1
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
11 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
13 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
14 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
18 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
22 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
23 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
23 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
1 gior

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
1 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
1 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
2 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
2 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
2 gior

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Culture
2 gior

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Culture
2 gior

‘Tutt’orecchi’, il podcast di letteratura per ragazzi

Prodotto dall’Istituto Svizzero Media e Ragazzi, ogni primo del mese offre il meglio della letteratura per l’infanzia su tutte le maggiori piattaforme
Culture
2 gior

Fiabe al museo, un podcast da 12 racconti naturalistici

Tre per stagione, ogni puntata della durata massima di 7 minuti, per i giovanissimi ma anche per le famiglie
Spettacoli
2 gior

Addio a Willie Garson, lo Stanford di ‘Sex and the City’

La svolta a Hollywood nelle sitcom statunitensi, fino alla leggendaria serie. Secondo diversi media, il 57enne attore era da tempo gravemente malato
Video
Spettacoli
2 gior

Gli Stones live senza Watts: ‘Questo show è dedicato a Charlie’

Lunedì notte in un concerto a Foxborough, nel Massachusetts, per la prima volta senza il batterista scomparso lo scorso 24 agosto.
Gallery
Culture
2 gior

Un murale per celebrare Ascona e New Orleans, ‘Sister cities’

L’opera di 180 metri quadrati sulla facciata dell’autosilo comunale è stata commissionata alle valmaggesi Kler e SoFreeSo: sabato 25 settembre l’inaugurazione
La recensione
3 gior

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele
Settimane Musicali
3 gior

Il weekend di ‘Piemontesi & Friends’, un anno dopo

La formula che nel 2020 consentì di dare continuità al Festival torna dal 24 al 26 settembre nella chiesa del Collegio Papio di Ascona con sei concerti
Spettacoli
3 gior

Terence Hill sveste la tonaca, ultimo ciak per ‘Don Matteo’

Dopo oltre 250 episodi, a più di 20 anni dalla messa in onda della prima puntata, la serie di Rai 1 dà l’addio al volto più popolare
Culture
4 gior

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
4 gior

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
4 gior

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
4 gior

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
4 gior

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
5 gior

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Sanremo
09.02.2020 - 23:520
Aggiornamento : 10.02.2020 - 00:32

Marameus (lasciando Sanremo e il Festival dei record)

In barba a scetticismi e polemiche, e contro lo spauracchio rap (decimo il buon Rancore), la versione 'family' di Amadeus fa felici tutti. Anche noi.

Ecco, la musica è finita, i dipendenti Rai se ne vanno, che splendida serata, per dirla alla Vanoni. È l’alba del Festival vinto da Diodato con ‘Fai rumore’ e nell’albergo occupato in prevalenza dalla tv di Stato, sin dalla prima colazione, sono tutti lì a ripetere ossessivamente “sessanta”. Inteso come “per cento” – sopra il settanta nella parte finale dell’ultima puntata – che è il più alto share dal 2002 (Claudio Baglioni? E chi se lo ricorda?).

Al termine del tradizionale incontro della domenica mattina, la sala stampa proprompe in un lungo applauso, facendo ‘danni’: «Ho cinquantasette anni, ci metto un attimo a commuovermi», dice Amadeus. Che si commuove. Ha vinto la sua idea di Festival familiare, pop e popolare, condotto con l’entusiasmo di chi non attendeva altro e con una cortesia che sa di antico. Una visione pop, la sua, per la quale la vera stella della settimana non è stato Tiziano Ferro, bensì alcune icone degli anni dei paninari così cari al presentatore. L’intesa e la scelta delle canzoni (buone come solo di rado accade) ha fatto entrare nelle casse della Rai trentasette milioni di euro (Claudio Baglioni? Mai sentito nominare).

Su Sanremo ci siamo andati pesante o volato leggero, chiedendoci se il dj al posto del musicista, ovvero Amadeus al posto di Baglioni, sarebbe stato in grado di ripetere il miracolo (due anni di record). Così è stato. «È la mattinata più difficile di tutte. Sono l’uomo più felice del mondo. Ho realizzato un sogno, tutto quello che è accaduto, nel bene e nel male, era quello che desideravo fare sin da agosto. Il numero settanta m’imponeva qualcosa di grande». Amadeus sente di aver lavorato «con sincerità, portando quel che pensavo potesse essere giusto. Ho sempre detto che mi sarei assunto tutte le mie responsabilità se fosse andato male». Agli inizi lo avevano chiamato «‘Il presentatore della porta accanto’ e io – aggiunge – non vedo l’ora di tornare alla quotidianità dei ‘Soliti Ignoti’ da domani».

Siamo donne

Un solo appunto per questo Festival al femminile, e un richiamo a quello assai più talentuoso che fu di Virginia Raffaele e tornato quest’anno nelle braccia della più rassicurante bellezza fine a se stessa, toccando vette di vuoto cosmico con Georgina Rodriguez, la fidanzata di Cristiano Ronaldo. Perché Gianna Fratta è la moglie di Piero Pelù, ma prima la si conosce per essere una delle poche donne a dirigere le orchestre sinfoniche più importanti del mondo. Chi ha preteso, dunque, di conoscere il compenso di Rula Jebreal, al fianco di Amadeus di martedì, giornalista italo-palestinese e donna pensante con la 'colpa' di essere molto bella (esistono donne intelligenti molto belle così come le magre non sono tutte tristi, di certo lo penserà anche Fabio Concato) avrebbe dovuto chiedere quanti euro al minuto ha ricevuto la fidanzata di Cr7 per storpiare i cognomi (“Masini” diventato ‘Masani’) e per fare movimenti insieme a un ballerino («È la prima volta che ballo!»).

Registrando il ritorno sul palco dell’Ariston di Sabrina Salerno in nome del kitsch (il duetto ‘Siamo donne’ si tenne proprio lì nel 1991, in un generale scosciamento non proprio da orgoglio femminista), celebriamo la femminilità dai sedici ai settantaquattro anni:, e cioè dalla giovane Tecla, seconda soltanto a un cognome più importante (Gassmann, Leo) fino a Rita Pavone, un po’ penalizzata dal Minghi che ormai dylaniano, nella serata dei duetti, in ‘1950’ ha abolito le pause dai suoi testi. Fantastica la Zia Rita da sola in ‘Niente (Resilienza 74)’ scritta dal figlio George. Il ritorno, le standing ovation plurime, la voce oltre le leggi della normale usura, sono uno dei momenti indimenticabili di questo Settantesimo.

In quell’arco di età anagrafiche non reali s’inserisce Tosca, sesta con brano d’altri tempi, Premio Giancarlo Bigazzi. Vincitrice nella serata dei duetti a illuminare lo straripante patrimonio della canzone italiana che così bene, di giovedì, ha retto l’integrazione con i nuovi suoni, la sua ‘Piazza Grande’ in coppia con la spagnola Silvia Perez Cruz è stato un Premio Tenco in contemporanea.

Il brutto, il buono, il cretino

Partiamo dal buono. Fiorello, per il quale la Rai si sarebbe potuta risparmiare Benigni; Gabbani, re del buonumore; Achille Lauro, re della provocazione dal denudamento francescano in avanti. Tra i Pinguini e Piero Pelù, l’unica esplosione nucleare è stato l’ex Litfiba al quale il palco, anzi, tutto il teatro stava stretto (‘Gigante’ è titolo e pure aggettivo). Buono è Tiziano Ferro per il compenso girato in beneficenza; buono è Amadeus che si scusa per l’ora tarda («Volevo fare come mia nonna quando portavo gli amici a casa, e cucinava due torte, mentre ne bastava una»); buono il popolo Rai, che rende quello che nei meccanismi è «uno spettacolo povero, quasi da sussidiario» (cit. Eddy Anselmi), ma che diventa il miglior prodotto tv possibile in cui la musica s’impone ancora di essere dal vivo. Sono le maestranze della tv di Stato «dai guadagni sobri – spiega il megadirettore Stefano Coletta di domenica mattina – che mettono tutta la propria passione in un prodotto così fondamentale per l’azienda».

Il brutto. La spocchia di Junior Cally, che qualcuno ha preferito far esibire con la propria faccia, ma che è molto più simpatico con la maschera. Questo non impedisce di dire che ‘No, grazie’ è una canna (la canzone va nel ‘buono’). Sta nel brutto anche una regia televisiva che ci priva più volte delle inquadrature d’insieme (il finale di Gualazzi, sul quale si perde l’ensemble di ottoni che lo circonda). L’abuso di movimento e di ravvicinato (serve la Xamamina) paiono scelte visive di chi non ha la minima idea di cosa sia un concerto dal vivo.

C’è del buono e del meno buono nelle canzoni. Il nuovo che avanza è Elodie, il nuovo che non si sposta da dove sta è Levante (si presenta alla finale con look alla Nina Zilli, diventando esattamente Nina Zilli); il nuovo che indietreggia è il nulla sentimentale di Riki, il vorrei ma non posso materno di Giordana Angi (brava, però, nella ‘Nevicata del ‘56’ con Solis String Quartet) ed Enrico Nigiotti che ha sbagliato canzone. Quanto a Elettra Lamborghini, penultima come Vasco (fate le vostre considerazioni), del cacofonico “Restòscompàre” non ci libereremo prima dell’autunno.

E siamo al cretino: lo squallido teatrino Morgan-Bugo seguito all’eliminazione di venerdì, degno del salotto di Barbara D’Urso. Volano, di sabato, stracci incrociati tra il Roof e il Palafiori in una commedia tragica degna del miglior Claudio Villa, nella quale appare evidente – tra accuse di mobbing professionale da parte del primo e inviti a un trattamento sanitario obbligatorio da parte del discografico del secondo – la voglia del Castoldi di un après moi le déluge, o di un più italiano muoia Morgan e tutti i Filistei (ma vale anche Sansone e tutti i Bughi). A rimetterci, ‘Sincero’ (quale altro titolo), uno dei brani più belli ascoltati fino a quando è stato possibile.

Molto rumore per nulla

«Il rap serve poco per farlo. È un modo di arrangiarsi quando non hai mezzi. Per questo è un linguaggio che può parlare chiunque. L’Italia è una cultura forte, difficile aprire un varco a Sanremo. C’è una parte del pubblico che accoglie i cambiamenti e un’altra che li accoglie con più difficoltà, ma fa parte del processo per il quale un contenuto può cambiare il contenitore». L’edizione dello spauracchio rap l’ha riassunta così in settimana Rancore, e guardando alla classifica, il rap è davvero «ancora una nicchia di massa”, come pensa il critico Marco Mangiarotti.

Molto rumore per nulla, verrebbe da dire. A proposito di rumore: e il vincitore, vi chiederete? Lo si applaudiva prima che cantasse. Lasciando da parte le pressioni – «Senti, per il Premio Mia Martini la sala sarebbe orientata verso Tosca...». «Non ti preoccupare carissima, l’avrei votata comunque» – di Diodato in ‘Fai rumore’, impeccabile, al limite della freddezza, riusciamo a vederne la bravura e non la grandezza. Non c’entra la giacca da prestigiatore, ma una canzone alla Mengoni che non aggiunge niente di più alla storia. Ma ha vinto il Premio della Critica («Carissima, la sala sarà stata orientata, ma s’è orientata male») e il ‘Lucio Dalla’, e quindi cos’altro dire. È il bello del pensiero libero, che magari non sempre, ma fa rumore ed è bene sia così.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved