amadeus-il-festival-del-bambino-che-c-e-in-noi-e-in-fiorello
Show in sala stampa
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 ore

Tyler ricasca nella droga, salta la tournée degli Aerosmith

Il frontman della popolare rock band ricoverato (volontariamente) in un centro di riabilitazione. Annullati i concerti di giugno e luglio
Musica
14 ore

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
14 ore

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Cinema
15 ore

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
Culture
15 ore

A Bellinzona l’esempio di vita di Leonardo Sciascia

Mercoledì primo giugno alle 18.30 la presentazione del volume ‘Il tenace concetto. Leonardo Sciascia: la letteratura, la conoscenza, l’impegno civile’
Culture
19 ore

Anche la poesia abita a Soletta

Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
1 gior

Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’

Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Musica
1 gior

‘Frequenze libere’, chiudono Heike Fiedler e Natalie Peters

Interazione tra la parola e la musica per il gran finale di domenica 29 maggio allo Spazio Elle di Locarno
Spettacoli
1 gior

Cannes dalla musica di Bowie ai corpi di Cronenberg

In Concorso sono arrivati gli attesi David Cronenberg e Park Chan-wook, ma il miglior film è ‘Nos Frangins’ (I nostri fratelli) di Rachid Bouchareb
La recensione
1 gior

LuganoMusica, quando l’improvvisazione incontra Čajkovskij

Gabriela Montero e Mirga Gražinyté-Tyla, con gradite sorprese, per un finale di stagione che non è stato solo ‘il classico concerto’
Spettacoli
1 gior

Luminanza, terzo anno per il ‘reattore teatrale’

Aperto fino al 10 luglio il bando per il percorso di formazione in drammaturgia teatrale
03.02.2020 - 13:52
Aggiornamento : 04.02.2020 - 16:16

Amadeus, il Festival del 'bambino che c'è in noi' (e in Fiorello)

Prima conferenza stampa nella soffitta dell'Ariston con mini-show di Rosario annesso: 'Scelto per l'aspetto fisico'. Il programma delle prime due serate.

Nel Roof (soffitta) dell’Ariston gremita come in età baglioniana, con orario quasi svizzero (solo sei i minuti di ritardo), gli alti papaveri Rai insieme al direttore artistico Amadeus si presentano sul gliterrato bancone (un tantino funebre) delle conferenze stampa per la prima di sei conferenze stampa che da qui a domenica 9 febbraio sforneranno statistiche, share tv e – così sperano in Rai – record di ascolti di quello che la dirigenza chiama «il nostro Superbowl».
Il coinvolgimento sarà televisivo, web ma anche cittadino, perché il Festival si estende a tutta la città di Sanremo col progetto dal nome ligabuiano (ligabuico?) ‘Tra palco e città’. Alberto Biancheri, il sindaco di Sanremo (quello di “consegna il premio il sindaco di Sanremo”) ricorda il percorso ‘Volare’, il testo della canzone che collega in forma di luminarie l’Ariston al Casinò lungo tutto Corso Matteotti.

Il Festival dei legami stretti

«Il pubblico deve aspettarsi grande professionalità e un racconto che attraverserà le cinque serate col pretesto dell’anniversario, ma che oltre la parte artistica restituirà un codice valoriale». Stefano Coletta, megadirettore Rai, sognava «di fare Sanremo prima di andare in pensione«. E dunque lo farà. Un «Festival dei legami stretti» e delle «grandi riunioni» che contengono «un segno di rivoluzione umana», in una «grammatica chiara che non sporcherà mai la gara, mettendo sul campo una buona quota d’intrattenimento».

'Un intreccio di emozioni'

Microfono ad Amadeus. «Lasciate che il bambino che è in noi – è incluso il direttore – si occupi del Festival che amiamo. Sono felice d’incontrarvi, conosco l’importanza di queste conferenze. Adesso le vivo di persona. Se questo Festival ha un’importanza pari al Superbowl – arieccolo – è per il risalto dato dalla stampa. All’estero sanno quello che accade, ma non ce l’hanno e ci chiedono di sapere». Amadeus – che annuncia «l’imprevedibilità di Rosario (Fiorello, ndr), che è nota» e quella di Benigni non di meno – vorrebbe che questo Sanremo ventiventi sia «un intreccio di emozioni della storia di questi settant’anni, ma che appartenga anche al futuro». Le polemiche? «Ero preparato».

E poi c'è Fiorello

L'attenzione è tutta su di lui. Il biglietto per la conferenza stampa (che è gratis) vale anche solo per lo show di Fiorello: «Sono stato scelto per l'aspetto fisico. Amadeus mi ha detto: 'Ti voglio un passo avanti e non dietro"». Fa autoironia su 'Solamente tu', ironia black sui fiori gentilmente posti sui tavoli della stampa e, soprattutto, sul rapper delle polemiche: "Ho invitato Junior Cally alla cresima di mia figlia. Ha detto che viene"».

Il programma delle prime due serate

Martedì 4 febbraio
 
Nuove proposte:
Eugenio in Via di Gioia
Fadi
Leo Gassman
Tecla Insolia
 
Big:
Achille Lauro
Anastasio
Bugo e Morgan
Diodato
Elodie
Irene Grandi
Raphael Gualazzi
Marco Masini
Rita Pavone
Ricki
Le Vibrazioni
Alberto Urso
 
Mercoledì 5 febbraio

Nuove proposte:
Fasma
Matteo Faustini
Martinelli e Lula
Marco Sentieri
 
Big:
Giordana Angi
Francesco Gabbani
Paolo Jannacci
Junior Cally
Elettra Lamborghini
Levante
Enrico Nigiotti
Piero Pelù
Pinguini Tattici Nucleari
Rancore
Tosca
Michele Zarrillo

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved