dominique-bourg-e-il-cambiamento-climatico-oltre-i-dati
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
5 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
7 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
9 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
9 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
9 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
13 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
13 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
15 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
1 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
2 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 gior

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
2 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
2 gior

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
2 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
2 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
laR
 
11.10.2021 - 05:25
Aggiornamento: 13:41

Dominique Bourg e il cambiamento climatico oltre i dati

Intervista al filosofo franco-svizzero, ospite domani dell’associazione Nel per parlare del rapporto tra essere umano e natura

Si parlerà di cambiamento climatico, domani al Lac. Partendo da una domanda che è anche un’accusa: “Clima, collasso della vita,perché non stiamo facendo nulla o così poco?”. Questo il titolo della conferenza che terrà il filosofo franco-svizzero Dominique Bourg, professore onorario all’Università di Losanna e specialista in questioni ambientali. L’incontro, moderato da Giovanni Pellegri dell’Ideatorio dell’Università della Svizzera italiana, è parte della rassegna ’È per rinascere che siamo nati’ promossa dall’associazione Nel Fare arte nel nostro tempo in collaborazione con LACedu e L’ideatorio. Prenotazione obbligatoria sul sito www.luganolac.ch.

Parleremo di cambiamento climatico, ma se non sbaglio con un approccio più filosofico che scientifico.

Sì. Dipende ovviamente dal contesto: nell’ambito di una conferenza ci si concentra sulle informazioni essenziali, ma cerco sempre di fare attenzione ad alcuni aspetti. La profondità della storia della scienza, ad esempio, perché è molto importante. E la scelta della parole: “crisi climatica” non ha ad esempio senso, non è una crisi perché il clima
sta cambiando in maniera irreversibile, per il livello dei mari, per le temperature, per le conseguenze sulla vita. Mi interrogo molto sulle modalità di comunicazione: parlare di media delle temperature alla fine del secolo è troppo astratto, troppo lontano, non significa nulla per le persone comuni.
Direi che, per quanto conosca molto bene i dati e la ricerca che c’è dietro, non parlo come parlerebbe un climatologo perché ho uno sguardo diverso, filosofico come abbiamo detto, più attento alla storia della scienza, alle implicazioni politiche.

Che cosa porta questo sguardo diverso?

Un punto è che le conseguenze del cambiamento climatico non sono ancora del tutto comprese. Mi riferisco a come cambierà l’abitabilità della terra. Abbiamo una riduzione dello spazio abitabile: con l’aumento del livello del mare che porterà alla scomparsa di vasti territori, o con un fenomeno molto preoccupante, il caldo umido, che si pensava sarebbe arrivato nella seconda metà del secolo e che invece è già adesso presente ad esempio del Golfo persico e in Pakistan. A questa inabilità fisica che riduce lo spazio, si aggiunge un peggioramento delle condizioni di vita. Penso agli eventi meteorologici estremi, alle difficoltà della produzione agricola eccetera.
Tutto questo, ribadisco, viene dalle ricerche degli scienziati: senza la climatologia non potremmo dire nulla. Ma non possiamo limitarci a dati e numeri che risultano astratti e lontani.

Sul cambiamento climatico la comunità scientifica è sostanzialmente concorde: la controversia è piuttosto a livello politico. Come mai?

Sì, a livello scientifico le cose sono chiare da molto tempo. Ma non direi che a livello politico c’è una controversia: ci sono delle menzogne che non sono esattamente la stessa cosa. Si può ovviamente discutere su quali misure è giusto prendere, su quali scadenze dobbiamo darci – e sono anzi questioni molto importanti.

Come distinguere una posizione politica legittima, ad esempio come detto sul tipo di misure da adottare, e le menzogne alle quali accennava?

In generale, le scelte legittime della politica sono quelle che si basano sullo stato delle cose. La grande difficoltà che con il cambiamento climatico comporta per la politica è che di solito il politico reagisce a una situazione, a qualcosa che i cittadini vedono. Il clima è una tendenza, è qualcosa che gli scienziati ci dicono che arriverà e la politica non sa come gestire le tendenze, le affronta facendo promesse che sa di non mantenere. Le emissioni globali sono calate solo in due occasioni: nel 2009 con la crisi economica e nel 2020 per il Covid, ma volontariamente non sono mai diminuite.
Quindi, sappiamo che cosa arriverà – anche sugli eventi estremi: i grandi incendi in Australia li troviamo preannunciati in rapporti del 2007 – ma la politica non tiene conto di questo, ignorando le preoccupazioni delle giovani generazioni.

Per affrontare il cambiamento climatico dobbiamo modificare il nostro stile di vita. Almeno noi dei Paesi ricchi.

Ricordo solo la statistica di Oxfam: l’1% delle persone più ricche della terra sono responsabili del 15% delle emissioni, il 10% dei più ricchi sono responsabili del 52% delle emissioni globali. E il 50% più povero genera il 7% delle emissioni. Non è quindi solo un problema di comportamento, ma di ricchezza. Gli stili di vita che più pesano sul clima sono quelli i cui ricavi sono più elevati. È meno evidente per la biodiversità, perché che tu sia ricco o povero hai bisogno della stessa superficie per generare la tua aria e la tua acqua, ma se si guarda ai bisogni di energia e di materia la correlazione con la ricchezza è immediato.

È possibile affrontare disuguaglianze economiche e cambiamento climatico allo stesso tempo o sono due obiettivi in contrasto?

No, non c’è una contraddizione di fondo, ma le cose sono complicate. Le statistiche mostrano che ogni volta che il Pil aumenta di un punto percentuale, il consumo di risorse aumenta di più di un punto. Per l’energia è un po’ più complicato e a ogni punto del Pil in più l’energia aumenta un po’ meno di un punto percentuale: negli ultimi vent’anni il consumo energetico per punto di Pil è sceso, ma il consumo totale è aumentato. La crescita verde, sostenibile, al momento è una promessa, non una realtà. Quindi dobbiamo lasciare i poveri nella povertà? No, perché il problema non è la ricchezza, ma la distribuzione della ricchezza ed è possibile affrontare questo problema senza aumentare l’impronta ecologica. Bisognerà fare delle rinunce, sì: mi spiace dirlo ma è così, dovremo cercare un livello ottimale di comfort, non un massimo.

Per affrontare il cambiamento climatico dovremmo anche cambiare il modo di pensare al rapporto tra uomo e natura?

Sì, è un aspetto fondamentale. Siamo arrivati alla situazione attuale proprio perché a un certo punto della storia è cambiato il nostro modo di concepire la natura. È accaduto alla fine del Cinquecento, con l’avvento del meccanicismo, con l’idea che la natura è un aggregato di materia governato dalle leggi del movimento, un aggregato di particelle materiali senza interiorità, senza intelligenza, senza vita spirituale. Va da sé che l’essere umano non appartiene a questo mondo ma lo vede e lo governa.

È una visione che viene criticata da molto tempo, soprattutto dalla fine dell’Ottocento e oggi sappiamo di avere delle alternative, delle visioni del mondo che sono molto diverse. Sappiamo che gli animali non sono delle macchine, sappiamo che in buona parte del mondo animale c’è un’intenzionalità e anche per le piante si inizia a parlare quantomeno di agentività. Si parla di diritti della natura, di morale non antropocentrica… nella nostra società si stanno diffondendo, per quanto ancora in situazione di minoranza, dei nuovi modi di vedere la natura.

Un cambiamento che è già iniziato.

Sì e lo vediamo anche in cose concrete come l’agricoltura: la permacultura e l’agroecologia sono molto diverse dall’agricoltura della ‘Rivoluzione verde’, è tutto un altro modo di rapportarsi alla natura nell’ambito della produzione di alimenti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cambiamento climatico clima dominique bourg
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved