umberto-curi-lo-straniero-va-incontrato-non-assimilato
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
6 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
8 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
10 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
10 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
10 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
13 ore

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
14 ore

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
16 ore

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
1 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
2 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 gior

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
2 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
2 gior

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
07.10.2021 - 10:08

Umberto Curi: lo straniero va incontrato, non assimilato

È incontrando l’altro che si capisce chi siamo, ci spiega il filosofo Umberto Curi, ospite sabato del festival Sconfinare di Bellinzona

Parliamo di confini, stranieri, integrazione ma, precisa Umberto Curi, «con un approccio filosofico, anche per evitare le banalità di cose che ormai sappiamo e che sono fonte di controversie». Il filosofo italiano – per oltre 40 anni ha insegnato all’Università di Padova – sarà ospite sabato di Sconfinare, il festival di Bellinzona che si aprirà già oggi alle 18.30 in Piazza del Sole con un incontro dedicato alle associazioni culturali partner, seguito dall’inaugurazione della videoinstallazione Flying River di Felipe Castelblanco e Lydia Zimmermann e dalla proiezione di ‘Amazonian Cosmos’ di Daniel Schweizer. Programma dettagliato su www.sconfinarefestival.ch.

Tornando alla giornata di sabato, quando dalle 10 si alterneranno vari relatori – tra cui il vincitore del Premio Strega Emanuele Trevi e il giornalista Gad Lerner – Curi alle 13.30 terrà una conferenza intitolata “Il confine come luogo d’incontro con l’altro”.

Siamo abituati a pensare al confine come separazione, divisione.

Sì, il confine è certamente la linea che separa, che divide e quindi che tendenzialmente contrappone, ma ciò che è più caratteristico del confine – anche rispetto a termini apparentemente sinonimi come “frontiera” o “limite” – è il ‘cum’ che compare in ‘cum-finis’. Il confine non serve soltanto a dividere ma costituisce anche un luogo di incontro con l’altro, con lo straniero.

Insisterò su questa duplicità di funzione del confine a partire dal riconoscimento che i luoghi non si diversificano tra di loro solo sulla base di criteri quantitativi ma anche per la diversa qualità che li contraddistingue. E il confine è appunto un luogo qualitativamente diverso perché istituisce un rapporto proprio nel momento in cui definisce anche una divisione.

Di solito si dice ‘divide et impera’. Qui abbiamo un “dividi e incontra”.

Certo. Con alcune implicazioni che spesso vengono dimenticate. Se è vero che il confine è anche il luogo di un incontro, si tratta di un incontro in cui non possiamo sapere anticipatamente le caratteristiche e le intenzioni di quelli che incontriamo. Non potremo mai sapere in anticipo se quello che incontriamo è semplicemente uno straniero che secondo una lunga tradizione culturale chiede di essere accolto oppure se è un ‘hostis’, un nemico. Questa incertezza tuttavia non ci esonera da quello che direi è l’atteggiamento obbligato nei confronti dell’altro: istituire un rapporto. Non solo e non tanto per espressione di generosità, ma perché attraverso questo rapporto conquistiamo la nostra identità. L’unico modo per definire la propria identità è la relazione con l’altro.

L’identità la possiamo costruire in rapporto o in contrapposizione con l’altro.

Questi due approcci hanno un presupposto comune: la necessità di non sottrarsi al rapporto con l’altro. Pur nella incertezza dell’esito di questo incontro, pure nella possibilità che questo incontro si riveli pericoloso, non posso sottrarmi al compito di misurarmi con l’altro proprio perché l’altro – che si tratti di un nemico o di uno straniero – mi è necessario per la definizione della mia identità.

Il confine come luogo di un incontro necessario, quindi. Eppure per alcuni questo incontro non deve esserci.

È una tentazione indotta da due vizi o limiti. Il primo è quello della paura di misurarci con ciò che è ancora sconosciuto. Alla paura si aggiunge poi la pigrizia nella convinzione di poter essere autosufficienti. Soprattutto nello scenario globale attuale l’autosufficienza è evidentemente impossibile e, piaccia o meno, l’aprirsi alla relazione con l’altro è una pratica imprescindibile. E allora si tratta di andare a questo incontro sapendo che non possiamo farne a meno. E sapendo che questo incontro può decretare una crescita intellettuale, morale e conoscitiva. Perché è misurandomi con l’altro che posso accrescere la mia conoscenza, la mia maturità.

L’altro è straniero per me e io sono straniero per lui: questa reciprocità è parte dell’incontro?

No, anzi. Volendo sottolineare alcune implicazioni concrete, questa consapevolezza che l’altro che incontro è davvero altro rispetto a me – per cultura, per religione, per gastronomia, per consuetudini, per tradizione –, questa consapevolezza dicevo dovrebbe evitare una delle contraddizioni in cui troppo spesso incorre l’accoglienza dello straniero, quella che pretende che l’altro per poter essere accolto debba assomigliarci.

Questo è uno dei luoghi comuni più diffusi, ma quando si dice che si è disposti ad accogliere l’altro quando condivide la mia lingua, la mia religione, le mie tradizioni, quello che si dice è che si è disposti ad accogliere l’altro a condizione che non sia davvero un altro.

Il concetto di integrazione, su cui si basano le politiche di immigrazione, è quindi ambivalente?

È ambivalente perché bisogna accogliere l’altro. Non è solo una questione di “buonismo”, e qui devo osservare che è davvero triste constatare come essere buoni sia diventato un limite, un difetto o addirittura una specie di accusa infamante che si rivolge a chi pratica l’accoglienza.

Ma è vera accoglienza quella che si rivolge all’altro nella sua specifica identità, e affinché ci sia una identità, sia davvero altro da noi, non può esserci simile, non può essere assimilata. Altrimenti si arriva al paradosso di essere d’accordo nell’accogliere lo straniero a condizione che non sia straniero.

Finora, e lo dico senza polemica, abbiamo fatto filosofia. Può essere tradotta nella pratica?

Credo che la filosofia possa contribuire in molti modi. Innanzitutto eliminando o riducendo l’atteggiamento, che direi infantile, di paura nei confronti dell’altro. Un atteggiamento che vediamo essere molto diffuso anche perché alimentato consapevolmente da alcune formazioni politiche che tendono a far coincidere il problema di grandi dimensioni delle migrazioni con un problema di sicurezza. Vi è questa tendenza consolidata a individuare nello straniero la fonte di mille pericoli anche quando si limita a cercare un lavoro, una casa, assistenza sanitaria, formazione scolastica. Come se le conquiste che vanno sotto il nome di Stato sociale fossero messe in pericolo dalla sola presenza dello straniero.

Liberarsi da questi pregiudizi è già un primo passo per mostrare di aver superato quello stato di paura irrazionale suscitata dalla figura dell’uomo nero.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
filosofia sconfinare umberto curi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved