laRegione
la-via-per-la-felicita-e-nella-nostra-mente
ULTIME NOTIZIE Culture
Osa!
3 ore

'In-canta l'attimo', due giorni di musica a chilometro zero

Rossana Taddei, Vent Negru, Raissa Avilés, il Duo Orifici-Boldre e tanti altri nella nuova rassegna all'interno di 'Voci audaci' di Osa!
Spettacoli
3 ore

I solisti di Sasso Corbaro con 'Passione' ad Arbedo

Domenica 8 novembre nella Sala Multiuso, il tenore e sassofonista arbedese Mauro Bonomi con Giovanni Bonariva alla fisarmonica e un quintetto di archi
Spettacoli
3 ore

A Caslano il duo solistico della 'Arrigo Galassi'

L'appuntamento è per sabato 7 novembre nella Chiesa San Cristoforo, con le soliste Daniela Zanoletti e Patrizia De Santis.
Libri
4 ore

Russia: è morto Mikhail Yasnov, scrittore per l'infanzia

Noto in epoca sovietica per 'Il pupazzo miagolante', si è spento all'età di 74 anni. Tradusse Apollinaire, Verlaine, Rimbaud e Cocteau
Società
21 ore

La cultura e la pandemia, incontro (virtuale) a Lugano

‘Cultura e Salute. Connessi per accorciare le distanze’ il 3 novembre con ospiti Philippe Kern, Anne Torreggiani e Philippe Bischof
Spettacoli
22 ore

Lockdown all’italiana per i cinema ticinesi

Da Woody Allen a Carlo Verdone, la chiusura dei cinema in Italia priva anche il Ticino dei pochi film che restavano
Scienze
1 gior

Covid, perché i pipistrelli trasmettono ma non si ammalano

Sono un serbatoio naturale di virus, ma li tollerano tutti grazie a una ridotta risposta infiammatoria all'infezione. La risposta è (anche) genetica.
Scienze
1 gior

Ticino, è arrivata la Vespa velutina

Lo rileva il Dipartimento del Territorio. Un esemplare dell'insetto di origine asiatica scoperto da un apicoltore di Ludiano
Società
1 gior

Svizzera, chi ha 'studiato' si sente più in salute

Lo rivela una ricerca dell'Ufficio di statistica, secondo la quale gli svantaggi sociali si ripercuotono sul benessere delle persone
Locarno Film Festival
1 gior

I Pardi di domani vanno in tour

Da novembre a maggio, in tutta la Svizzera, i corti del Locarno 2020 vanno in sala: è il Festival a fianco dell'industria, dei registi e delle sale.
Lac
1 gior

Alexandra Dovgan: a tredici anni suona con l'Osi

È la giovanissima pianista russa che giovedì 29 e venerdì 30 ottobre si esibirà al Lac con l'Orchestra della Svizzera italiana
Spettacoli
1 gior

'Macbettu', Shakespeare in lingua sarda al Sociale

Doppio appuntamento, mercoledì 28 e giovedì 29 ottobre alle 20.45, con il Macbeth di Alessandro Serra
Pensiero
16.12.2019 - 06:000

La via per la felicità? 'È nella nostra mente'

Incontro con il Lama Shinendentsel, venuto dalle steppe della Mongolia per spiegare, a Lugano, le radici di ansia e depressione. E come combatterle

«Chi sorride alla vita e privilegia un approccio positivo, attira lo stesso genere di eventi. Ciò che emaniamo, ci ritorna». A parlare è Lama Shinendentsel, lo incontriamo a Lugano, dove ha tenuto per il quinto anno consecutivo un seminario sulla felicità e su come vivere appieno la vita (il ricavato era per un progetto umanitario, vedi sotto). Viene dalle steppe sconfinate del paese di Gengis Khan, incastonato tra Russia e Cina. All’età di sei anni ha deciso di diventare monaco. Dopo aver studiato per 25 anni il buddismo, ha portato i suoi insegnamenti in giro per il mondo. Oggi è abate del monastero Janchivdechinlen, nel distretto di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia.

Ne approfittiamo per avere uno sguardo diverso su malesseri diffusi come ansia, insonnia, depressione che attraversano la nostra società, mettendo k.o. la casalinga come il bancario o lo studente.

«Dietro ad ansia, depressione, insonnia ci sono spesso traumi dimenticati (come spaventi, lutti, separazioni...) che restano registrati e ‘dormienti’ nella nostra mente e possono emergere – richiamati dalle profondità alla superficie – da eventi simili. Ad esempio, chi durante l’infanzia ha subito un distacco dai genitori, può sviluppare una sorta di ansia da separazione, che si manifesterà quando meno se lo aspetta, rendendolo/la vulnerabile. In Mongolia vengono usati rituali buddhisti per liberare le persone da questi pesi, che tolgono molta energia vitale», spiega.

La felicità si costruisce ogni giorno

Per il buddismo – che non è una religione ma più una filosofia di vita – la sofferenza è considerata la natura dell’essere umano però ci sono modi per vivere serenamente e felicemente, trovando l’equilibrio in ogni cosa. Ci fa un esempio: «In Mongolia si dice che se preso nelle dosi giuste anche il veleno può essere una medicina».

Molto dipende da come usiamo ogni giorno la nostra mente. C’è chi è dubbioso, si attacca di continuo al passato o si fa prendere dalle ansie per il futuro e chi invece vive più sereno accogliendo col sorriso ciò che arriva.

«Essere felici dipende da noi stessi. In ogni momento decidiamo come nutrire la nostra mente: con emozioni negative o positive; guardando modelli che ci ispirano al bene o altri meno virtuosi;  vedendo il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Quando qualcosa va storto diamo di regola la colpa agli altri. In realtà la scelta di essere felici dipende solo da noi». Inizia poi a parlarci di emozioni da evitare come invidia, odio, rancori... «Coltivando pensieri, parole e azioni negative, che danneggiano noi stessi e gli altri, perdiamo molta energia vitale». Scopriamo dal Lama che esiste la legge di attrazione. «È come guardarsi allo specchio, si attira il simile, ciò che si emana, si riceve. Se siamo rabbiosi e violenti, attireremo alla lunga questo tipo di episodi. Se siamo in pace e diffondiamo amore incontreremo persone gentili».

Iperattivi perché poco amati

La Svizzera è uno dei Paesi più ricchi al mondo, ma con un tasso di suicidi molto elevato. Tanti agi non sembrano dare la felicità. «Qui c’è un livello di benessere sociale e tecnologico elevato, ma occorre curare anche la parte spirituale, così da creare un circolo virtuoso. Un’attenzione ossessiva agli aspetti materiali, all’estetica del corpo, della casa... può inaridire. Vale la pena analizzare come siamo messi dentro. Quando una persona è felice diventa luminosa».

Anche tra i bambini iperattività e ansia sono diffuse. «Spesso entrambi i genitori lavorano e quando rientrano a casa sono stanchi, stressati e posteggiano i figli davanti a computer, tivù, videogiochi. Se si riesce a dare più amore e attenzione ai figli, migliorerà l’intera società», aggiunge.

Comunque, gli spieghiamo, i ticinesi sono tra i più generosi della Svizzera. «Altruista è chi sa pensare prima agli altri e ne riceve una serenità mentale. Chi vede solo se stesso e si mette sempre al primo posto, fatica a fare buone azioni», conclude.  

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved