laRegione
la-via-per-la-felicita-e-nella-nostra-mente
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
18 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
19 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Pensiero
16.12.2019 - 06:000

La via per la felicità? 'È nella nostra mente'

Incontro con il Lama Shinendentsel, venuto dalle steppe della Mongolia per spiegare, a Lugano, le radici di ansia e depressione. E come combatterle

«Chi sorride alla vita e privilegia un approccio positivo, attira lo stesso genere di eventi. Ciò che emaniamo, ci ritorna». A parlare è Lama Shinendentsel, lo incontriamo a Lugano, dove ha tenuto per il quinto anno consecutivo un seminario sulla felicità e su come vivere appieno la vita (il ricavato era per un progetto umanitario, vedi sotto). Viene dalle steppe sconfinate del paese di Gengis Khan, incastonato tra Russia e Cina. All’età di sei anni ha deciso di diventare monaco. Dopo aver studiato per 25 anni il buddismo, ha portato i suoi insegnamenti in giro per il mondo. Oggi è abate del monastero Janchivdechinlen, nel distretto di Ulaanbaatar, capitale della Mongolia.

Ne approfittiamo per avere uno sguardo diverso su malesseri diffusi come ansia, insonnia, depressione che attraversano la nostra società, mettendo k.o. la casalinga come il bancario o lo studente.

«Dietro ad ansia, depressione, insonnia ci sono spesso traumi dimenticati (come spaventi, lutti, separazioni...) che restano registrati e ‘dormienti’ nella nostra mente e possono emergere – richiamati dalle profondità alla superficie – da eventi simili. Ad esempio, chi durante l’infanzia ha subito un distacco dai genitori, può sviluppare una sorta di ansia da separazione, che si manifesterà quando meno se lo aspetta, rendendolo/la vulnerabile. In Mongolia vengono usati rituali buddhisti per liberare le persone da questi pesi, che tolgono molta energia vitale», spiega.

La felicità si costruisce ogni giorno

Per il buddismo – che non è una religione ma più una filosofia di vita – la sofferenza è considerata la natura dell’essere umano però ci sono modi per vivere serenamente e felicemente, trovando l’equilibrio in ogni cosa. Ci fa un esempio: «In Mongolia si dice che se preso nelle dosi giuste anche il veleno può essere una medicina».

Molto dipende da come usiamo ogni giorno la nostra mente. C’è chi è dubbioso, si attacca di continuo al passato o si fa prendere dalle ansie per il futuro e chi invece vive più sereno accogliendo col sorriso ciò che arriva.

«Essere felici dipende da noi stessi. In ogni momento decidiamo come nutrire la nostra mente: con emozioni negative o positive; guardando modelli che ci ispirano al bene o altri meno virtuosi;  vedendo il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Quando qualcosa va storto diamo di regola la colpa agli altri. In realtà la scelta di essere felici dipende solo da noi». Inizia poi a parlarci di emozioni da evitare come invidia, odio, rancori... «Coltivando pensieri, parole e azioni negative, che danneggiano noi stessi e gli altri, perdiamo molta energia vitale». Scopriamo dal Lama che esiste la legge di attrazione. «È come guardarsi allo specchio, si attira il simile, ciò che si emana, si riceve. Se siamo rabbiosi e violenti, attireremo alla lunga questo tipo di episodi. Se siamo in pace e diffondiamo amore incontreremo persone gentili».

Iperattivi perché poco amati

La Svizzera è uno dei Paesi più ricchi al mondo, ma con un tasso di suicidi molto elevato. Tanti agi non sembrano dare la felicità. «Qui c’è un livello di benessere sociale e tecnologico elevato, ma occorre curare anche la parte spirituale, così da creare un circolo virtuoso. Un’attenzione ossessiva agli aspetti materiali, all’estetica del corpo, della casa... può inaridire. Vale la pena analizzare come siamo messi dentro. Quando una persona è felice diventa luminosa».

Anche tra i bambini iperattività e ansia sono diffuse. «Spesso entrambi i genitori lavorano e quando rientrano a casa sono stanchi, stressati e posteggiano i figli davanti a computer, tivù, videogiochi. Se si riesce a dare più amore e attenzione ai figli, migliorerà l’intera società», aggiunge.

Comunque, gli spieghiamo, i ticinesi sono tra i più generosi della Svizzera. «Altruista è chi sa pensare prima agli altri e ne riceve una serenità mentale. Chi vede solo se stesso e si mette sempre al primo posto, fatica a fare buone azioni», conclude.  

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved